Lingua   

Campagna

Gipo Farassino


Lingua: Italiano (Piemontese)


Ti può interessare anche...

Ij fòi-fotù
(La Lionetta)
Me ritourn
(Angelo Brofferio)


[1966]
Parole e musica di Gipo Farassino
Mell’album intitolato “Auguri”

auguri

Per i due percorsi sul lavoro…
Tanti ani fà
n’eternità
mi j’era giovo
quasi ‘n masnà
I ‘ncaminavvo
almatin col cant dël gal
e la molavo
che la lun-a l’era ‘n ciel
Stessa vita tuti i dì
sapa ti che sapo mi
daje darè a na cobia ‘d beu
col sudur ch’at sara j’euj
guardé ‘n aria tuti ij dì
për sevèj s’a je ‘n doman
tramolé come ‘n pipì
për na lòsna o për en tron.

Ma j’é chi a dis ch’a lé vita
sta vitassa da can
j’é chi a seugna na vigna
l’aria pura dij camp
ma sti quatr falabrach
sta campagna ‘mpëstà
lor la vëddo ‘n cartolin-a
’s la gòdo për na sman-a
ma peui lor a torno a cà
’s na torno a la sità
con la vita asicurà.

Dess che son vej
quasi dëstiss
vëddo mè fieul
ël mè Luis
A l’ha trant’ani
e sa nen còs l’é l’amor
E ‘l matin col cant dël gal
chiel a part con sò trator
l’é n’àutr dì fait ëd sudor
che sta tera a ciucerà
e la séira am riva a cà
con la facia sfigurà
doe paròle e ‘l prim bocon
chiel lo mastia già ‘nt ël seugn.

Ma j’é chi a dis ch’a l’é vita
sta vitassa da can
j’é chi a seugna na vigna
l’aria pura dij camp
ma sti quatr falabrach,
sta campagna ‘mpëstà
lor la vëddo ‘n cartolin-a
’s la gòdo për na sman-a
ma peui lor a torno a cà
’s na torno a la sità
con la vita asicurà.

inviata da Bernart Bartleby - 13/12/2013 - 13:10



Lingua: Italiano

Tentativo di traduzione italiana Bernart Bartleby (ed Türin, neh! - from Turin, you know!)
CAMPAGNA

Tanti anni fa
Un’eternità
Ero giovane
Ancora un bambino
Partivo
Al mattino al canto del gallo
E finivo
Che c’era la luna in cielo
Stessa vita tutti i giorni
Zappa tu che zappo io
Star dietro ad un tiro di buoi
Col sudore che ti chiude gli occhi
Guardare il cielo ogni giorno
Per saper cosa sarà domani
Tremare come un pulcino
Per un lampo o per un tuono.

Ma c’è chi dice che questa è vita
Questa vitaccia da cane
C’è chi sogna la vigna
L’aria pura dei campi
Ma ‘sti quattro buoni a nulla
Questa campagna maledetta
Loro la vedono in cartolina
Se la godono per una settimana
Ma poi loro tornano a casa
Se ne tornano in città
Con la vita assicurata.

Adesso che sono vecchio
Quasi finito
Vedo mio figlio
Il mio Luigi
Ha trent’anni
E non conosce ancora l’amore
Al mattino al cantar del gallo
Se ne parte col suo trattore
Un altro giorno fatto di sudore
Che questa terra si succhierà
E la sera arriva a casa
Con il viso sfigurato
Due parole e al primo boccone
Lo mastica già addormentato

Ma c’è chi dice che questa è vita
Questa vitaccia da cane
C’è chi sogna la vigna
L’aria pura dei campi
Ma ‘sti quattro buoni a nulla
Questa campagna maledetta
Loro la vedono in cartolina
Se la godono per una settimana
Ma poi loro tornano a casa
Se ne tornano in città
Con la vita assicurata.

inviata da Bernart Bartleby - 13/12/2013 - 13:13


Mancano due righe nella seconda strofa:
ël mè Luis
Ch'a l’ha trant’ani
e l'ancor nen vist al mar,
a l'ha trant'ani
e sa nen còs l’é l’amor

(ovviamente mancano anche nella traduzione)

Dani F. - 28/6/2017 - 00:37


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org