Lingua   

Homeless

Paul Simon


Lingue: Zulu, Inglese


Ti può interessare anche...

The Wind of Change
(Robert Wyatt)
Biko
(Peter Gabriel)
Khawuleza
(Miriam Makeba)


dall'album "Graceland" (1986)
Parole e musica di Paul Simon e Joseph Shabalala
con Ladysmith Black Mambazo
Graceland

Nel 1984, cercando ispirazione in seguito al fallimento di critica e commerciale dell'album Hearts and Bones, Paul Simon rimase affascinato da una cassetta che suonava regolarmente in macchina, una compilation di gruppi sudafricani chiamata Accordion Jive Hits, II.Nel 1985, presi dei contatti grazie all'etichetta discografica con alcuni gruppi locali, Simon volò in Sudafrica.

accordion-jive-cassette


Era un momento critico per il paese. Il regime dell'apartheid era in una delle fasi più dure. Le Nazioni Unite avevano approvato sanzioni economiche e un boicottaggio culturale. Non erano solo gli attivisti politici ad interessarsi alla situazione in Sudafrica. Negli anni precedenti, molti artisti avevano denunciato il regime sudafricano scrivendo numerose canzoni, dalla potente “Biko” di Peter Gabriel al classico degli Specials “Free Nelson Mandela”. Proprio mentre Paul Simon volava a Johannesbourg, musicisti dello spessore di Dylan, Springsteen, Bono e Steve Van Zandt avevano pubblicato “Sun City” sotto il nome “Artists United Against the Apartheid”.

Per questo la rottura dell'embargo culturale di Paul Simon, che registrò parte dell'album Graceland in Sudafrica, ammettendo addirittura in un documentario pubblicato a 25 anni dall'uscita dell'album di essersi trovato costretto ad accettare il razzismo dei tecnici di studio bianchi verso i musicisti neri, fu visto da molti come un tradimento.

Ovviamente, però, Paul Simon non era razzista, ed anzi la sua operazione gli permise non solo di sfornare il capolavoro ineguagliato della sua carriera, ma anche di far conoscere al mondo la musica nera sudafricana e di dimostrare il potere dell'espressione artistica di superare l'oppressione politica, e l'abilità degli artisti di diversissime culture ed esperienze di riuscire a trovare una voce comune per comunicare. Graceland fu anche criticato per non avere dei testi esplicitamente impegnati, anzi in molte canzoni stupiva l'accostamento tra le musiche africane e i testi surreali e spiccatamente newyorchesi dell'artista americano. Comunque al tour africano seguito alla pubblicazione dell'album, parteciparano - oltre ai musicisti che avevano registrato la versione in studio - anche i celebri esiliati Miriam Makeba e Hugh Masekela. I concerti si concludevano con l'esecuzione corale dell'inno dell'ANC, Nkosi sikelel' iAfrika.

Tuttavia anche nell'album c'è un testo che, anche se non esplicitamente, racconta le sofferenze del popolo sudafricano ed è la traccia più particolare e più “africana” dell'album, “Homeless”. Si tratta di una lunga composizione eseguita completamente a cappella.

L'incredibile gruppo che accompagna Paul Simon in questo pezzo cantando le parti in zulu si chiama Ladysmith Black Mambazo, che significa “Il martello nero di Ladysmith”, una township sulla costa orientale del Sud Africa. Simon li aveva visti in un documentario (Rhythm of Resistance: The Music of South Africa) sull'uso della musica nella resistenza all'apartheid.

Paul Simon, Miriam Makeba, e il gruppo Ladysmith Black Mambazo durante la tournée in Zimbabwe nel 1987
Paul Simon, Miriam Makeba, e il gruppo Ladysmith Black Mambazo durante la tournée in Zimbabwe nel 1987


Secondo il libretto dell'album, Simon spedì a Joseph Shabalala, il leader del gruppo, un provino in cui cantava "We are homeless/ Moonlight sleeping on a midnight lake," e chiese al musicista sudafricano di continuare la storia in zulu e di aggiungere tutte le variazioni melodiche e ritmiche che credeva.

Il testo, che alterna le lingue zulu e inglese, descrive l'esperienza del gruppo di essere senza casa nel loro stesso paese, per le violenze e le deportazioni subite dai neri sudafricani sotto il “vento forte” del governo dell'Apartheid.

L'introduzione è basata su una canzone nuziale tradizionale zulu, ma il testo è stato riscritto. Nella versione incisa su Graceland recita “Ehi, Signore, dormiamo su una rupe”.

"Homeless, homeless," ribadisce la canzone. Questo potrebbe descrivere letteralmente la condizione dei senzatetto e della povertà delle township sudafricane. O più in generale potrebbe parlare della condizione di una popolazione sottomessa all'apartheid, esiliata nella sua stessa terra. Ricordiamo che nel Sudafrica razzista la popolazione nera era stata forzatamente trasferita nelle cosiddette "township" (la più famosa è Soweto - contrazione di South Western Township - alla periferia di Johannesburg).

"Moonlight sleeping on a midnight lake." come magra consolazione di non avere un tetto, l'homeless si gode lo spettacolo della luce della luna che si specchia su un lago a mezzanotte. Inoltre, la labilità della luce sull'acqua, visibile ma inconsistente, potrebbe simboleggiare le difficoltà dei protagonista..

I versi successivi potrebbero benissimo essere pronunciati da qualcuno che si ritrova senza tetto “Cuore mio / Il freddo mi ha già ucciso”, dove il freddo potrebbe essere letterale, o figurato a rappresentare l'esclusione dalla società sudafricana della popolazione nera.

Le parole "somandla angibulele mama” dovrebbero significare “Dio onnipotente sta dormendo / riposando, mamma”, come se anche Dio li avesse abbandonati nella lotta. Mamma non è da intendersi letteralmente: nella cultura africana qualsiasi donna anziana viene chiamata Mamma.

“I forti venti distruggono le nostre case/Molti morti, stasera potresti essere tu”. L'apartheid ha distrutto le case e la patria dei Sudafricani, portandoli all'isolamento, alla povertà e alla morte. E non pensare che non possa succedere anche a “te”, che “tu” viva in un'altra città del Sudafrica, del continente, o del pianeta.

La sezione “Somebody say...” è basata su un'altra canzone di Ladysmith che era piaciuta a Paul Simon, che ha riscritto il testo in inglese. I versi chiedono sia aiuto “Somebody sing, 'Hello!'” che resistenza: “Somebody cry, Why, Why, Why?”

La canzone vera e propria è ora finita, e il gruppo si concede un momento di autoincensamento per aver registrato questa canzone nei mitici Abbey Road studios di Londra, dove avevano lavorato anche i Beatles. “Siamo i vincitori/abbiamo conquistato l'Inghilterra”.

Il finale è una classica chiusa per le canzoni di Ladysmith Black Mambazo e si potrebbe tradurre come “Abbiamo il piacere di annunciare all'intera nazione che noi siamo i migliori a cantare in questo stile”, dove lo stile è lo isicathamiya, simile allo spiritual diffuso negli Stati Uniti.

Riguardo al significato della canzone, Joseph Shabalala ha detto, “Siamo lontani da casa e dormiamo. I nostri pugni sono i nostri cuscini”.

fonti:


Every Single Paul Simon Song
The Boy in the Bubble: Paul Simon, sanctions and Graceland
rock.rapgenius.com
songfacts
Musica e memoria
Emaweni webaba
Silale maweni
Webaba silale maweni

Webaba silale maweni
Webaba silale maweni
Webaba silale maweni

Webaba silale maweni
Webaba silale maweni
Webaba silale maweni
Webaba silale maweni
Webaba silale maweni

Homeless, homeless
Moonlight sleeping on a midnight lake
Homeless, homeless
Moonlight sleeping on a midnight lake

And we are homeless, we are homeless
The moonlight sleeping on a midnight lake
And we are homeless, we are homeless
The moonlight sleeping on a midnight lake

Zio yami, Zio yami, nhliziyo yami
Nhliziyo yami amakhaza asengi bulele
Nhliziyo yami, Nhliziyo yami
Nhliziyo yami, angibulele amakhaza
Nhliziyo yami, Nhliziyo yami
Nhliziyo yami somandla angibulele mama
Zio yami, Nhliziyo yami
Nhliziyo yami, Nhliziyo yami

Too loo loo, too loo loo
Too loo loo loo loo loo loo loo loo loo
Too loo loo, too loo loo
Too loo loo loo loo loo loo loo loo loo

Strong wind destroy our home
Many dead, tonight it could be you
Strong wind, strong wind
Many dead, tonight it could be you

And we are homeless, homeless
Moonlight sleeping on a midnight lake
And we are homeless, homeless
Moonlight sleeping on a midnight lake
Homeless, homeless
Moonlight sleeping on a midnight lake

Somebody say ih hih ih hih ih
Somebody sing hello, hello, hello
Somebody say ih hih ih hih ih
Somebody cry why, why why?
Somebody say ih hih ih hih ih
Somebody sing hello, hello, hello
Somebody say ih hih ih hih ih
Somebody cry why, why why?
Somebody say ih hih ih hih ih

Yitho omanqoba (ih hih ih hih ih) yitho omanqoba
Esanqoba lonke ilizwe
(ih hih ih hih ih) Yitho omanqoba (ih hih ih hih ih)
Esanqoba phakathi e England

Yitho omanqoba
Esanqoba phakathi e London
Yitho omanqoba
Esanqoba phakathi e England

Somebody say ih hih ih hih ih
Somebody sing hello, hello, hello
Somebody say ih hih ih hih ih
Somebody cry why, why why?
Somebody say ih hih ih hih ih
Somebody sing hello, hello, hello
Somebody say ih hih ih hih ih
Somebody cry why, why why?

Kulumani
Kulumani, Kulumani sizwe
Singenze njani
Baya jabula abasi thanda yo
Ho

inviata da Lorenzo Masetti - 12/12/2013 - 23:59




Lingua: Inglese

Traduzione inglese della parti in zulu in gran parte da Every Single Paul Simon Song
HOMELESS

Hey, Mister, we sleep on the cliffs.
Hey, Mister, we sleep on the cliffs.

We sleep on the cliffs
We sleep on the cliffs
We sleep on the cliffs

We sleep on the cliffs
We sleep on the cliffs
We sleep on the cliffs
We sleep on the cliffs
We sleep on the cliffs

Homeless, homeless

Moonlight sleeping on a midnight lake

Homeless, homeless

Moonlight sleeping on a midnight lake

And we are homeless, we are homeless

The moonlight sleeping on a midnight lake

And we are homeless, we are homeless

The moonlight sleeping on a midnight lake

My heart, My heart
My heart, the cold has already killed me.
My heart, My heart
My heart, the cold has already killed me.
My heart, My heart
My heart, the cold has already killed me.
God the almighty is sleeping mama
My heart, My heart
My heart, My heart

Too loo loo, too loo loo

Too loo loo loo loo loo loo loo loo loo

Too loo loo, too loo loo

Too loo loo loo loo loo loo loo loo loo

Strong wind destroy our home

Many dead, tonight it could be you

Strong wind, strong wind

Many dead, tonight it could be you

And we are homeless, homeless

Moonlight sleeping on a midnight lake

And we are homeless, homeless

Moonlight sleeping on a midnight lake

Homeless, homeless

Moonlight sleeping on a midnight lake

Somebody say ih hih ih hih ih

Somebody sing hello, hello, hello

Somebody say ih hih ih hih ih

Somebody cry why, why why?

Somebody say ih hih ih hih ih

Somebody sing hello, hello, hello

Somebody say ih hih ih hih ih

Somebody cry why, why why?

Somebody say ih hih ih hih ih

We are the victors (ih hih ih hih ih)
we are the victors
We defeated the whole country
(ih hih ih hih ih)
We are the victors (ih hih ih hih ih)

We have conquered England!
We are the victors

We have conquered London
We are the victors
We have conquered England


Somebody say ih hih ih hih ih

Somebody sing hello, hello, hello

Somebody say ih hih ih hih ih

Somebody cry why, why why?

Somebody say ih hih ih hih ih

Somebody sing hello, hello, hello

Somebody say ih hih ih hih ih

Somebody cry why, why why?

We hereby proclaim
that we are the best
singing in this style

13/12/2013 - 00:00




Lingua: Italiano

Versione italiana assemblata da Musica e Memoria e dalla traduzione inglese.
Senzatetto è forse limitante, homeless vuol dire letteralmente senza casa quindi anche senza terra o senza patria.
SENZATETTO

Ehi Signore, dormiamo sulle rupi
Ehi Signore, dormiamo sulle rupi

Dormiamo sulle rupi
Dormiamo sulle rupi
Dormiamo sulle rupi

Dormiamo sulle rupi
Dormiamo sulle rupi
Dormiamo sulle rupi
Dormiamo sulle rupi
Dormiamo sulle rupi

Senzatetto, senzatetto
che dormono al chiaro di luna sulle rive di un lago a mezzanotte
Senzatetto, senzatetto
che dormono al chiaro di luna sulle rive di un lago a mezzanotte

E siamo senzatetto, siamo senzatetto
Il chiaro di luna mentre dormiamo su un lago a mezzanotte
E siamo senzatetto, siamo senzatetto
Il chiaro di luna mentre dormiamo su un lago a mezzanotte

Cuore mio, cuore mio
cuore mio, il freddo mi ha già ucciso.
Cuore mio, cuore mio
cuore mio, il freddo mi ha già ucciso.
Cuore mio, cuore mio
cuore mio, il freddo mi ha già ucciso.
(Persino) Dio onnipotente sta dormendo mamma
Cuore mio, cuore mio
Cuore mio, cuore mio

Too loo loo, too loo loo

Too loo loo loo loo loo loo loo loo loo

Too loo loo, too loo loo

Too loo loo loo loo loo loo loo loo loo

Venti forti distruggono la nostra casa
Molti morti, stasera potresti essere tu
Venti forti distruggono la nostra casa
Molti morti, stasera potresti essere tu

E siamo senzatetto, senzatetto
che dormono al chiaro di luna sulle rive di un lago a mezzanotte
E siamo senzatetto, senzatetto
che dormono al chiaro di luna sulle rive di un lago a mezzanotte
senzatetto, senzatetto
che dormono al chiaro di luna sulle rive di un lago a mezzanotte

Qualcuno dica ih hih ih hih ih
Qualcuno canti ciao, ciao, ciao
Qualcuno dica ih hih ih hih ih
Qualcuno gridi perché, perché perché?
Qualcuno dica ih hih ih hih ih
Qualcuno canti ciao, ciao, ciao
Qualcuno dica ih hih ih hih ih
Qualcuno gridi perché, perché perché?

Siamo i vincitori (ih hih ih hih ih)
Siamo i vincitori
abbiamo sconfitto l'intera nazione (ih hih ih hih ih)
Siamo i vincitori (ih hih ih hih ih)
Abbiamo conquistato l'Inghilterra
Siamo i vincitori

Abbiamo conquistato Londra
Siamo i vincitori
Abbiamo conquistato l'Inghilterra

Qualcuno dica ih hih ih hih ih
Qualcuno canti ciao, ciao, ciao
Qualcuno dica ih hih ih hih ih
Qualcuno gridi perché, perché perché?
Qualcuno dica ih hih ih hih ih
Qualcuno canti ciao, ciao, ciao
Qualcuno dica ih hih ih hih ih
Qualcuno gridi perché, perché perché?

Vogliamo annunciare
all'intera nazione
che siamo i migliori
a cantare in questo stile.

13/12/2013 - 23:07



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org