Lingua   

La tabbaccara

Li Ucci


Lingua: Italiano (Pugliese Salentino)


Ti può interessare anche...

A Tricase nu se canta cchiui
(Aramirè)
Articolo 41
(Sud Sound System)
Le radici ca tieni
(Sud Sound System)


Canto di lavoro e di protesta salentino, reso celebre nell’interpretazione dello storico gruppo de Li Ucci.
Nel disco del 1999 intitolato “Buonasera a quista casa. Pizziche, stornelli e canti salentini”
Ripreso dagli Aramiré nel disco “Mazzate Pesanti” del 2004.
Testo trovato su “Tabacco e tabacchine nella memoria storica. Una ricerca di storia orale a Tricase e nel Salento”, a cura di Vincenzo Santoro e SergioTorsello, Manni editore, 2003.

Uccio Aloisi


Mazzate Pesanti

In questo canto delle “tabacchine” del Salento la protesta si lega alla rassegnazione della propria condizione sociale perché il lavoro, mal pagato quanto sia, è pur sempre l'unico mezzo per poter sfamare i figli, e questa consapevolezza è sempre presente nelle lavoratrici salentine. Ma non manca il disprezzo verso chi ha scelto di farsi serva del padrone per guadagnare qualcosina di più di niente, la “maestra”, cioè colei che controlla il lavoro e ne imprime il ritmo, sempre col fiato sul collo delle altre… “Che vuole ‘sta maestra? Che vada a raccogliere il prezzemolo! Che si faccia i fatti suoi!”



Si vedano al proposito anche i canti Tabacchine, Fimmine fimmine e A Tricase nu se canta cchiui.
Sta sonanu le sette
tutte allu magazzinu
cu llu scarpinu lucidu
lu solitu passettinu.
Oilì, oilì, oilà, vota ca ggira la tabbacca’

E alle sette e dieci
è sciuta l'operaia
se vota lu portinaiu
ca è già passatu l'orariu
Oilì, oilì, oilà, vota ca ggira la tabbacca’

Lli grida la maestra
“Se secuti a tardare
te ‘ccusu allu patrunu
e poi te fazzu llecenziare.”
Oilì, oilì, oilà, vota ca ggira la tabbacca’

Ci ‘zzamu mo de notte
ccujìmu lu tabbaccu
tuttu lu ggiurnu ‘nfilane
senza guadagnà na lira
Oilì, oilì, oilà, vota ca ggira la tabbacca’

Ci ete ‘sta maestra?
Ca de ‘stu magazzinu
mandàtila ddha ffore
vascia ccoja petrusinu
Oilì, oilì, oilà, vota ca ggira la tabbacca’

Ci ete ‘sta maestra?
Risponde lu Garzia
mandàtila dha ffore
vascia ccoja cignu e lissia
Oilì, oilì, oilà, vota ca ggira la tabbacca’

inviata da Bernart Bartleby - 4/12/2013 - 09:23



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da La Terra del Rimorso

(*) Garzia è cognome diffusissimo in Puglia, più che in ogni altra regione italiana. Non so altro circa il suo significato nel contesto del canto.
LA TABACCHINA

Suonano già le sette
tutte al magazzino
con la scarpetta lucida
il solito passettino
oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina.

L'operaia è andata
alle sette e dieci
e il portinaio le dice
che è già passato l'orario
oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina.

Le urla la maestra
“Se continui a ritardare
lo dico al padrone
ti faccio licenziare”
oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina.

Ci alziamo di notte
per raccogliere il tabacco
per tutto il giorno lo infilano
senza guadagnare una lira
oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina.

Chi è questa maestra?
Da questo magazzino
mandatela fuori
a raccogliere prezzemolo
oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina.

Chi è questa maestra?
Risponde Garzia (*)
mandatela fuori
a raccogliere cenere e liscivia
oilà oilà oilà gira e volta la tabacchina.

inviata da Bernart Bartleby - 4/12/2013 - 09:26


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org