Lingua   

Lavura cuntaden a la sbaraia

anonimo


Lingua: Italiano (Romagnolo)


Ti può interessare anche...

Lacrime del sole
(Gang)
Sebastiano
(Ivan Della Mea)
Mezza pagnoca al giorno (Canto dei coscritti)
(Duo di Piadena)


[fine 800]
Un canto di lavoro dei contadini romagnoli, cosiddetto “alla boara”.
Sulla melodia di “O canta la sighéla ‘n te rastèle” (“Canta la cicala sul rastrello”), raccolta nel forlivese da Alan Lomax e Diego Carpitella all’inizio degli anni 50.
Interpretato dal Gruppo padano di Piadena (poi Duo di Piadena di Delio Chittò e Amedeo Merli) con Ivan Della Mea
In “Avanti Popolo - Due secoli di canti popolari e di protesta civile – Se otto ore son troppo poche”, a cura dell’Istituto Ernesto de Martino, 1998.

se otto ore son troppo poche
Lavura cuntaden a la sbaraia
Lavura cuntaden a la sbaraia
Lavura cuntaden a la sbaraia
Padron l’à i gren, i cuntaden la paia

Lavura cuntaden a la sicura
Lavura cuntaden a la sicura
Lavura cuntaden a la sicura
Padron l’à i gren, i cuntaden la pula.

Zapa la cavadagna e zapa bene
Zapa la cavadagna e zapa bene
Zapa la cavadagna e zapa bene
Che l’ocio del padron l’è qua che ‘l viene

Zapa la cavedagna e zapa pure
Zapa la cavedagna e zapa pure
Zapa la cavedagna e zapa pure
Che l’ocio del padron l’è qua che ‘core.

S’è fati sera lo padron suspira
Lo e dis «L’è steda curta la zurneda»
S’la j è ste curta cosa t’oi da fè
Ciapla s’ e sol e falo riturnè,

S’la j è ste curta cosa t’oi da dì
Ciapla s’ e sol e falo rivenì.
La j è ste curta un corno che te sfonda,
La paga è poca e la zurneda è longa.

inviata da Bernart - 25/11/2013 - 09:13



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da Poesie Report On Line
Lavora, contadino, a più non posso
Lavora, contadino, a più non posso,
Lavora, contadino, a più non posso,
il padrone prende il grano, il contadino la paglia.

Lavora, contadino, non preoccuparti
Lavora, contadino, non preoccuparti
Lavora, contadino, non preoccuparti
il padrone prende il grano e il contadino la pula.

Zappa la strada di accesso al campo e zappa bene
Zappa la strada di accesso al campo e zappa bene
Zappa la strada di accesso al campo e zappa bene
che l'occhio del padrone è qua che viene

Zappa la strada di accesso al campo e zappa bene
Zappa la strada di accesso al campo e zappa bene
Zappa la strada di accesso al campo e zappa bene
che l'occhio del padrone è qua che accorre.

S'è fatta sera, il padrone sospira
dice: “É stata corta la giornata”
Se è stata corta, cosa ti devo dire?
Pigliatela col sole e fallo ritornare!

S'è stata corta, cosa ci vuoi fare?
Pigliatela col sole e fallo tornare!
É stata corta un corno che ti sfonda!
La paga è poca e la giornata è lunga.

inviata da Bernart - 25/11/2013 - 09:14


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org