Lingua   

All’ombra

Trilussa


Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)


Ti può interessare anche...

Quanta terra nelle mani
(Banda Bassotti)
Ninna nanna de guera
(Laetitia Boschi Hüber)
Mamma, non sono più fascista
(Contromano)


Versi di Trilussa, dalla raccolta intitolata “Giove e le bestie”, pubblicata nel 1932.‎
Recitata da Vittorio Gassman nel disco intitolato “Il mattatore” del 1959.‎
Musica di Guido Rocca e Piero Umiliani

Giove e le bestie

Il Mattatore

La targa in piazza Trilussa a Trastevere, ‎tra lungotevere Raffaello Sanzio e via di Ponte Sisto
La targa in piazza Trilussa a Trastevere, ‎tra lungotevere Raffaello Sanzio e via di Ponte Sisto
Mentre me leggo er solito giornale
spaparacchiato all'ombra d'un pajaro
vedo un porco e je dico: - Addio, majale! -‎
vedo un ciuccio e je dico: - Addio, somaro! -‎

Forse 'ste bestie nun me capiranno,‎
ma provo armeno la soddisfazzione
de potè di' le cose come stanno
senza paura de finì in priggione.‎

inviata da Bernart - 30/10/2013 - 15:35


Pure nel repertorio di Lando Fiorini (in "Noantri - Sonetti di Trilussa e canzoni", 1980)

Noantri

B.B. - 16/9/2017 - 21:40



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org