Lingua   

24 Bofetadas (Canción del gitano apaleado)‎

Aguaviva
Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

Hitler
(Manolo Díaz)
Poetas andaluces
(Aguaviva)
Aguaviva ...La que mana y corre naturalmente [Cada vez más cerca]
(Aguaviva)


‎[1921]‎
Versi di Federico García Lorca dalla raccolta “Poema del cante jondo”, pubblicata nel 1931, ‎canzone tratta dalla “Escena del teniente coronel de la Guardia Civil”‎

Poema del cante jondo‎


Messa in musica da Manolo Díaz de Los Aguaviva nell’album d’esordio del gruppo, “Cada vez más ‎cerca” del 1970, dove il brano compare con il titolo di “24 Bofetadas”‎

Cada vez más cerca‎


Il “cante jondo” (“canto profondo”) è “un rarissimo esemplare di canto primitivo, il più vecchio di ‎tutta l'Europa, che reca nelle sue note la nuda e commossa emozione delle prime razze orientali”. ‎Lo scriveva lo stesso Lorca, che di questo stile vocale del flamenco andaluso era cultore. Nel 1922 ‎organizzò insieme al compositore Manuel de Falla il memorabile Concurso de Cante Jondo a ‎Granada.‎
Il mondo e la cultura dei gitani, degli zingari andalusi, stava molto a cuore a Lorca che in seguito ‎dedicò ad essi un’intera sua opera, il “Romancero gitano”, pubblicata nel 1928. Come in questa ‎canzone, uno degli aspetti che Lorca sottolineò maggiormente fu quello della perenne e crudele ‎lotta dei gitani (spesso chiamati “cartagineses”) contro l’autorità e i suoi sgherri, la Guardia Civil (i ‎‎“romanos”). Lorca si schierò sempre coi primi, partecipe delle loro sofferenze e della loro ‎ribellione.‎
E non è un caso che nel 1936 sia stato purtroppo lui stesso vittima dei “romanos”, i falangisti di ‎Francisco Franco.‎
Veinticuatro bofetadas.
Veinticinco bofetadas;
después, mi madre, a la noche,
me pondrá en papel de plata. ‎

Guardia civil caminera,
dadme unos sorbitos de agua.
Agua con peces y barcos.
Agua, agua, agua, agua.‎

‎¡Ay, mandor de los civiles
que estás arriba en tu sala!
‎¡No habrá pañuelos de seda
para limpiarme la cara! ‎

inviata da Bernart - 11/9/2013 - 11:44



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org