Lingua   

Radio wojna

Maja Kleszcz & Incarnations


Lingua: Polacco

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Śniłeś
(Maja Kleszcz & Incarnations)
Wojenka
(Lao Che)


Testo: Agata Duda-Gracz
Musica: Maja Kleszcz e Wojciech Krzak

 Maja Kleszcz & Incarnations


Il brano è tratto dallo spettacolo teatrale "Każdy musi kiedyś umrzeć Porcelanko, czyli rzecz o Wojnie Trojańskiej" ("Ognuno deve morire prima o poi, Tenerezza, ovvero, sopra la guerra di Troia") diretto da Agata Duda-Gracz al teatro: Teatr im. Juliusza Słowackiego di Cracovia.
Mniam mniam, papu, mniam,
nie zapłaczą dzieci nam,
ich serduszka i paluszki,
wypełniły nasze brzuszki.

La la la idzie pchła,
ani dobra, ani zła,
wojna zjada dzieci,
kosteczki wrzuca do śmieci
i to słuszna sprawa jest,
no bo wojna lubi jeść
no bo wojna lubi jeść.

Jest taka jama,
koło niej brama,
gdzie siedzi matka
i liczy latka,
latka jej dzieci,
które na śmieci,
wojenka sroga,
rękami wroga,
rzuciła hen,
rzuciła hen

Dwa latka
trzy latka
i roczek i pół
i latek pięć
i latek sześć,
a wojence chce się jeść
i osiem latek,
urwis i skrzatek
pa pa pa pa poszła pchła,
…poszła pchła…
pa pa pa
pa pa
pa

inviata da Krzysiek Wrona - 27/6/2013 - 19:57



Lingua: Italiano

Versione italiana: Krzysztof Wrona

Traduzione in italiano sbrigativa ma molto motivata. Spero di poter almeno parzialmente dare l'idea della forza intrinseca del testo polacco. E poi, tutte altre canzoni che hanno fatto parlano esplicitamenta dell'amore, e qua come ho capito, non é il posto per le simili frottole. Però, questa è in tema e poi, propiro da brivido. Grazie Maja.
RADIO GUERRA

Gnam gnam, la pappa, gnam,
i bambini non ci piangeranno ormai,
le loro dita e i cuoricini,
l’hanno riempito già i nostri pancini.

La la la, la pulce va,
né malvagia né buona,
la guerra mangia i bambini
e nel cesso butta gli ossicini,
e una cosa giusta, ovvia da spiegare
perché alla guerra le piace mangiare,
perché alla guerra le piace mangiare.

Nel prato c’è una porta,
vicino alla fossa,
la madre siede lì,
fa conto degli anni
dei figli suoi
che la guerra cruda
con le mani dei nemici,
ha buttato nella spazzatura,
lontano lontano, là
lontano lontano, là

due anni
e tre anni
un annetto, un mezzo anno
e l’anni cinque
ecco l’anno sesto va
ma piccina vuol mangia
e otto annetti
nano, gnome, marmocchietti
pa pa pa pa, e la pulce se ne va
...e la pulce se ne va...
pa pa pa
pa pa
pa

inviata da Krzysiek Wrona - 27/6/2013 - 20:19


nel fra tempo > la Siria viene anientata... buone feste

krzyś - 30/11/2013 - 04:17


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org