Lingua   

J'ai rêvé tellement fort de toi (Dernier poème)‎

Robert Desnos


Lingua: Francese


Ti può interessare anche...

Άσμα ασμάτων
(Mikis Theodorakis / Mίκης Θεοδωράκης)
You Are Here
(John Lennon)
An einen Springbrunnen
(Johann Klaj)


‎[1926/1945]‎
Versi di Robert Desnos.‎
Dalla raccolta “Corps et biens” pubblicata nel 1930.‎
Musica per voce e pianoforte scritta nel 1956 dal compositore francese Francis Poulenc (1899-‎‎1963).‎

Una poesia scritta da Desnos all’amata Yvonne George, cantante ed attrice belga prematuramente ‎scomparsa nel 1930. ‎



Una semplice – anche se struggente – poesia d’amore… Allora perché la propongo?‎
Perché casualmente, per colpa di una traduzione multipla, questa poesia si trasformò negli ultimi ‎versi scritti da Desnos in punto di morte quando, gravemente denutrito ed ammalato, si trovava ‎ricoverato in un’infermeria improvvisata, subito dopo la liberazione del campo di concentramento ‎di Theresienstadt dove era stato internato (solo l’ultimo dei tanti in cui i nazisti l’avevano costretto).‎
Quando le truppe sovietiche liberarono il campo, nei primi giorni di maggio del 1945, uno studente ‎ceco, Joseph Stuna, che si era recato lì come volontario per assistere gli ex-prigionieri, si accorse ‎della presenza di Robert Desnos, poeta che egli ben conosceva, ricoverato nell’infermeria del ‎campo. Con l’aiuto di Aléna Tesarova, un’infermiera anche lei ceca che però conosceva bene il ‎francese, riuscì in più occasioni a conversare con Desnos, tra un accesso e l’altro della febbre tifoide ‎che lo affliggeva e prima che egli perdesse completamente le forze.‎

L’ultima foto di Robert ‎Desnos a Theresienstadt, poco prima della morte
L’ultima foto di Robert ‎Desnos a Theresienstadt, poco prima della morte


Quando l’8 giugno Robert Desnos morì, Joseph Stuna fece pubblicare un necrologio sul giornale ‎ceco “Svobone-Noviny”, accompagnandolo con una traduzione di “J'ai tant rêvé de toi”. La stampa ‎francese riprese la notizia e su “Les Lettres Françaises” la poesia in ceco fu ritradotta in francese.‎
Così “Ti ho tanto sognata”, con il fantasma o l’ombra di Desnos che la percorre, si trasformò nella ‎sua ultima poesia e nel suo testamento spirituale e carnale, pieno di passione per la vita, per ‎l’amore, per la libertà, tutti sentimenti che hanno reso questo poeta immortale nel senso letterale del ‎termine, ché riuscì ad andare oltre l’odio, oltre la sofferenza e oltre la morte.‎

Contribuisco per primo il testo della versione del 1945, traduzione della traduzione in ceco.‎
J'ai rêvé tellement fort de toi,
J'ai tellement marché, tellement parlé,
Tellement aimé ton ombre,
Qu'il ne me reste plus rien de toi,
Il me reste d'être l'ombre parmi les ombres
D'être cent fois plus ombre que l'ombre
D'être l'ombre qui viendra et reviendra
dans ta vie ensoleillée.‎

inviata da Bernart - 20/6/2013 - 13:38




Lingua: Francese

Il testo originale del 1926‎.
J'AI TANT RÊVÉ DE TOI

J'ai tant rêvé de toi, tant marché, parlé,
Couché avec ton fantôme
Qu'il ne me reste plus peut-être,
Et pourtant, qu'à être fantôme
Parmi les fantômes et plus ombre
Cent fois que l'ombre qui se promène
Et se promènera allègrement
Sur le cadran solaire de ta vie.‎

inviata da Bernart - 20/6/2013 - 13:39




Lingua: Italiano

Traduzione italiana della versione del 1945, a cura di Francesca Santucci
L’ULTIMA POESIA

Così fortemente ti ho sognato,‎
così a lungo ho camminato, così tanto ho parlato,‎
così intensamente la tua ombra ho amato,‎
che più nulla ormai di te mi resta.‎
Solo mi resta essere l’ombra tra le ombre,‎
essere cento volte più ombra delle ombre,‎
essere l’ombra che tornerà e ritornerà‎
nella tua vita splendida di luce.‎

inviata da Bernart - 20/6/2013 - 13:45




Lingua: Francese

La versione di Michel Corringe (1946-2001), cantante francese, inclusa nell’album intitolato “Laissez nous vivre” pubblicato nel 1975.

Laissez nous vivre
J'AI TANT RÊVÉ DE TOI

J’ai tant rêvé de toi
Que tu perds ta réalité
Le contour de ton corps
Mes mains l’ont déjà oublié
À force d’étreindre
Et d’embrasser une ombre

J’ai tant rêvé de toi
Qu’il n’est plus temps que je m’éveille
De peur d’être déçu
Devant l’apparence réelle
De ce qui me hante
Depuis tant et tant de semaines

J’ai rêvé tellement, tellement fort de toi
J’ai tellement marché, tellement parlé
J’ai tellement couché avec ton ombre
Qu’il ne me reste rien, plus rien de toi

J’ai tant rêvé de toi
Qu’il n’est plus temps que je m’éveille
De peur d’être déçu
Devant l’apparence réelle
De ce qui me hante
Depuis tant et tant de semaines

J’ai rêvé tellement, tellement fort de toi
J’ai tellement marché, tellement parlé
J’ai tellement couché avec ton ombre
Qu’il ne me reste rien, plus rien de toi

inviata da Bernart - 20/6/2013 - 20:26



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org