Lingua   

Las palabras

Mario Benedetti


Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

No me pongas la capucha
(Mario Benedetti)
La celda de la tortura
(Elektroduendes)
Difendi l'allegria
(Alessio Lega)


Versi del grande scrittore e poeta uruguayo, dalla raccolta “Canciones del más acá” pubblicata nel ‎‎1988‎
Musica di Emiliano Domínguez "Zapata", giovane cantautore spagnolo ‎figlio d’arte, che il padre è il celebre cantante di flamenco José Domínguez Muñoz, meglio ‎conosciuto come El Cabrero.‎
Nel disco di Zapata intitolato “Poesía en resistencia”, pubblicato nel 2012‎

a2536095881 10




No me gaste las palabras
no cambie el significado
mire que lo que yo quiero
lo tengo bastante claro

Si usted habla de progreso
nada más que por hablar
mire que todos sabemos
que adelante no es atrás

Si está contra la violencia
pero nos apunta bien
si la violencia va y vuelve
no se me queje después

Si usted pide garantías
sólo para su corral
mire que el pueblo conoce
lo que hay que garantizar

No me gaste las palabras
no cambie el significado
mire que lo que yo quiero
lo tengo bastante claro

Si habla de paz pero tiene
costumbre de torturar
mire que hay para ese vicio
una cura radical

Si escribe reforma agraria
pero sólo en el papel
mire que si el pueblo avanza
la tierra viene con él

Si está entregando el país
y habla de soberanía
quién va a dudar que usted es
soberana porquería?

No me gaste las palabras
no cambie el significado
mire que lo que yo quiero
lo tengo bastante claro

No me ensucie las palabras
no les quite su sabor
y límpiese bien la boca
si dice Revolución.‎

inviata da Bernart - 3/6/2013 - 14:55



Lingua: Italiano

Tentativo di traduzione italiana di Bernart.
LE PAROLE

Non dica parole a vanvera
non cambi loro il significato
Guardi che quello che voglio
ce l’ho abbastanza chiaro

Se Lei parla di progresso
solo per dar fiato alla bocca,‎
guardi che tutti sappiamo
che “avanti” non è “indietro”‎

Se Lei dice di essere contro la violenza
ma poi ci tiene ben sotto tiro,‎
sappia che la violenza va e viene
non venga poi a lamentarsi con me

Se Lei vuole difendere
solo il suo orticello,‎
guardi che il popolo sa bene
que che bisogna difendere

Non dica parole a vanvera
non cambi loro il significato
Guardi che quello che voglio
ce l’ho abbastanza chiaro

Se Lei parla di pace
ma poi è solito torturare,‎
guardi che per questa cattiva abitudine
esiste una cura radicale

Se lei scrive “riforma agraria”‎
ma solo sulla carta,‎
guardi che se il popolo avanza
la terra lo segue

Se Lei sta vendendo il paese
e parla di sovranità
chi può dubitare che Lei sia
una sovrana schifezza?‎

Non dica parole a vanvera
non cambi loro il significato
Guardi che quello che voglio
ce l’ho abbastanza chiaro

Non mi sporchi le parole
non tolga ad esse il loro sapore
e si pulisca bene la bocca
se dice “Rivoluzione”.‎

inviata da Bernart - 3/6/2013 - 14:56



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org