Lingua   

De la crudel morte de Cristo

Nuova Compagnia di Canto Popolare


Lingua: Italiano (Volgare)


Ti può interessare anche...

Uno doje e tre
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)
Terra
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)
Italiella
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)


‎[XIII° secolo]‎
Dal Laudario di Cortona, codice musicale manoscritto italiano della seconda metà del XIII secolo, ‎la più antica collezione sopravvissuta di laude in lingua volgare. E’ conservato presso la Biblioteca ‎del Comune e dell'Accademia Etrusca di Cortona, Arezzo.‎
Incisa dalla NCCP nel 1972 nel disco intitolato La serpe a Carolina.‎
Interpretata da innumerevoli cori ed orchestre, a partire dalla fine dell’800. L’antico codice fu infatti ‎riscoperto, abbandonato e in grave stato di deterioramento, nel 1876 nella chiesa di San Francesco a ‎Cortona. Forse la prima incisione discografica è quella del Coro e Orchestra della Società ‎cameristica di Lugano risalente al 1962.‎

La serpe a Carolina

Crocefissione, oro e tempera su legno di Guido da Siena, dipinto tra il 1275 ed ‎il 1280.‎
Crocefissione, oro e tempera su legno di Guido da Siena, dipinto tra il 1275 ed ‎il 1280.‎
De la crudel morte de Cristo
ogn'hom pianga amaramente.‎

Quando Juderi Cristo pigliaro,
d'ogni parte lo circumdaro,
le sue mani strecto legaro,
como ladro villanamente.
A la colonna fu spoliato,
per tutto 'l corpo flagellato,
d'ogne parte fu 'nsanguinato,
como falso amaramente.‎

De la crudel morte de Cristo
ogn'hom pianga amaramente.‎

Tutti gridaro alta voce,
moia il falso moia il veloce,
sbrigatamente sia posto in croce,
che non turbi tutta la gente.
Nel suo volto li sputaro,
e la sua barba sì la pelaro,
facendo beffe li imputaro
che Dio s'è facto falsamente.‎

De la crudel morte de Cristo
ogn'hom pianga amaramente.‎

San Jovanni lo vangelisto,
quando guardava suo maiestro,
vedielo 'n croce molto era tristo,
et doloroso de la mente.
Mo l'era triste Santa Maria
quando suo figlio en croce vedea,
con gran dolore forte piangea,
dicendo: trista, lassa, dolente.‎

De la crudel morte de Cristo
ogn'hom pianga amaramente.‎

inviata da Bernart - 21/5/2013 - 11:49



Lingua: Italiano (Volgare)

Il testo originale dal “Laudario” di Cortona.‎

Compianto sul Cristo morto, ‎particolare di due delle sette terracotte che lo scultore bolognese Niccolò dell’Arca realizzò nella ‎seconda metà del 400.‎
Compianto sul Cristo morto, ‎particolare di due delle sette terracotte che lo scultore bolognese Niccolò dell’Arca realizzò nella ‎seconda metà del 400.‎
DE LA CRUDEL MORTE DE CRISTO

De la crudel morte de Cristo
on’hom pianga amaramente!‎
Quandi ‘Iuderi Cristo pilliaro,‎
d’ogne parte lo circundaro;‎
le sue mane strecto legaro
como ladro, villanamente.‎
Trenta denar fo lo mercato
ke fece Iuda, et fo pagato.‎
Mellio li fora non essar nato
k’aver peccato sì duramente!‎
A la colonna fo, spoliato,‎
per tutto ‘l corpo flagellato,‎
d’ogne parte fo ‘nsanguinato
commo falso, amaramente.‎
Pöi ‘l menar a Pilato
e, nel consellio ademandato,‎
da li Iudèr fo condempnato,‎
de quella falsa ria gente.‎
Tutti gridaro, ad alta voce:‎
‎“Moia ‘l falso, moia ‘l veloce!‎
Sbrigatamente sia posto en croce,‎
ke non turbi tutta la gente.”‎
Nel süo vulto li sputaro,‎
e la sua barba sì la pelaro;‎
facendo beffe, l’imputaro
ke Dio s’è facto, falsamente.‎
Poi ke ‘n croce fo kiavellato,‎
da li Iuderi fo designato:‎
‎“Se tu se’ Cristo, da Dio mandato,‎
descende giù securamente!”‎
Lo santo lato sangue menao
et tutti noi recomparao
da lo nemico ke ‘ngannao
per uno pomo sì vilemente.‎
San Iovanni lo vangelisto
quando gurdava suo maiestro,‎
vedielo ‘n croce: molt’era tristo
et doloroso de la mente.‎
Li soi compagni l’abandonaro,‎
tutti fugiero e lui lasciaro,‎
stando tormento forte et amaro
de lo suo corpo, per la gente.‎
Molt’era trista sancta Maria
quando ‘l suo filglio en croce vedea,‎
cum gran dolore forte piangeva,‎
dicendo: “Trista, lassa, dolente!”‎

inviata da Bernart - 21/5/2013 - 11:49



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org