Lingua   

‎'A guerra d' 'i sordi‎

Pino Coscarella
Lingua: Napoletano (Laghitano (Vachitano))


Ti può interessare anche...

Flowers of Filastin
(Al Mukawama)
Uocchie
(Sancto Ianne)
Strina d'u judeo
(Massimo Ferrante)


‎[1981]‎
‎“Strina” composta da Pino Coscarella, originario di Lago, Cosenza, ma emigrato a Toronto, ‎presentata nel 1982 al Festival della “strina laghitana” che annualmente viene organizzato nella città ‎canadese dalla comunità dei calabresi emigrati da Lago e dintorni.‎
Testo trovato su Strina Laghitana




La strina (strenna) è una tradizione folklorica calabrese – particolarmente radicata a Lago (U' Vacu) ‎di Cosenza - costituita da un canto accompagnato dalla musica del “sazeri” (mortaio in ferro per ‎frantumare i cristalli di sale), della fisarmonica, del tamburello e della chitarra. La strina è tipica del ‎periodo natalizio ma in alcune zone si usa anche durante il Carnevale.‎
Il canto veicola, analizza e commenta con sarcasmo, eventi sociali e politici manifestati in paese. I ‎temi sono morali, politici, sociali, esistenziali, nostalgici e amorosi. Nel passato venivano cantate ‎nelle botteghe degli artigiani e nelle case di laghitani che accettavano il rischio di coinvolgimento in ‎denunce da parte di coloro che erano finiti citati nel testo, ("c'avianu mpacchiati alla strina"). La ‎disponibilità dei proprietari veniva indicata con un ramoscello di ulivo o una lanterna accesa sulla ‎porta di casa. (Si veda anche Strina d'u judeo)‎

Il 1982 arriva con una lanterna accesa e porta gli auguri di “Buon anno”. Insieme con lui vi è anche ‎la madre della lingua laghitana, "a strina", che è piú dolce della poesia.
Dice l’autore, utilizzando terzine di endecasillabi a rima alternata:

«O chitarrella mia, tu sei la ‎mia ricchezza. Questa sera non voglio pensare ai guai che affliggono il mondo; questa sera voglio ‎che il mio cuore canti. Domani, poi, penserò di nuovo al lavoro, ai debiti; domani, quando ‎usciranno i giornali, nelle loro pagine si leggeranno le stesse notizie: condanne, sparatorie, funerali, ‎ecc. In Italia le stragi delle Brigate rosse; in Egitto il lutto per l’assassinio del presidente; negli Stati ‎Uniti d’America l’attentato al presidente Reagan; in Vaticano l’attentato al Papa; nelle isole ‎Falkland la guerra tra Argentina e Inghilterra. Insomma, ovunque nel mondo si sparge il terrore. I ‎capoccioni si incontrano al G8 di Ginevra senza le armi perché loro combattono la guerra dei soldi. ‎Per i soldi hanno inquinato il mare, il cielo e la terra. L’uomo è davvero l’animale più maligno. I ‎soldi… che chi li agogna sia senza fortuna, perché io voglio vivere come un uccellino, con un nido ‎d’amore e una canzone!»
.‎
‎‘U millenovecietuottantadui
Vene’ ccu ′na linterna appiccicata
A dare ′aguri a tutti quanti vui.

Assiemi ad illu portadi ′e luntanu,
Vestuta ccu ′nu velu ′avanti ′a hacce,
‎′A mamma de l’accentu laghitanu:

‎«′A strina nostra» chjina d’allegria.
E cchine ′u lla vuo’ sentare cantare
Ca ie’ assai cchjiu’ duce de la poesia?

Oj chitarrella mia si’ ′na ricchizza.
Stasira, ammenu, nun piensu alli guai;
Cantame core de la cuntentizza!

Demane, pue, lu viecchjiu reprehundu:
‎′I diebita, la pressa e llu lavuru
E tutti l’atri mali de stu mundu.

Demane, quandu escianu ′i giurnali,
‎′E novitate nun cangianu testu:
Cundanne, sparatorie e funerali.

Chjiange l’Italia sutta le “Brigate”,
L’Egittu minte’ lluttu alle porte
E Mosca scinde’ ccu lli “carri armati”.

‎′America ie’ ′ngrignata ed ie’ dolente,
Ca dopu l’assassiniu de lu primu
L’anu attentetu n’atru presidente.

Quale vrigogna e quale atru smaccu?
Intra lu largu de lu vaticanu
Anu feritu lu Papa polaccu.

De l’Inghilterra allu San Sarvature,
De l’India, alla Polonia all’Argentina:
‎′A giografia d’ ′u mundu ie’ ′nu terrure!

Se scontanu a Ginevra li “Milordi”
Senza mitragliatrice o bumbe a mmanu,
Ca chista ccàdi ie’ lla Guerra d’ ′i sordi

L’antichi li chjiamavanu “ducati”
Ed aviau dittu, ppe nne ha’ capire,
Ca hau benire ′a vista alli cecati.

Cuomu li cani de li pecurari
Se liticanu ppe l’uogliu de l’Arabia
E pue lu jettanu si mari mari.

Ie’ ′nu mercatu neru, ie’ ′na sc-chifìa,
Anu ′nquinatu lu cielu e lla terra
E nui l’amu ′e sarvare l’energia?

Pecchí ′u llassanu ji’ l’atmosfera?
Pecchí se navicelle spaziäli
Ca ′u nne juradi cchjiui ′na primavera?

Pecchidi ′un sarvau sta generazione
Ccu libri nuovi, e scove e pruhessuri
Chi dunau disciplina e ducazione?

Ca ′a giuventute ′e mue se crisce’ pazza.
Ndo ie’ l’amure? Ndo ie’ llu rispettu?
‎′U sangu ′e oje nun canusce razza!

E sempre cchjiu’ furiusu e cchjiu’ sanguignu
L’uominu s’a’ pigliatu ′u primu postu
E reste’ l’animale cchjiu’ malignu.

‎′I sordi chi li vie’ senza hurtuna,
Ca ia vuogliu campa’ cu’ n’aggelluzzu
Ccu ′nu nidu d’amure e ′na canzuna!‎

inviata da Bernart - 21/5/2013 - 11:00



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org