Lingua   

Argentina primer mundo

Eladia Blázquez


Lingua: Spagnolo



‎[1997]‎
Versi e musica di Eladia Blázquez
Testo trovato su Todotango
Da “Con las alas del alma”, ultimo album di questa importante cantante e compositrice argentina ‎scomparsa nel 2005.‎

 Eladia Blázquez
En el medio de este "mambo" y el delirio mas profundo...
el cartel de primer mundo, nos vinieron a colgar.
Tan grotesco es el absurdo, tan inmundo está el chiquero
que mirando el noticiero, ¡me reí por no llorar!
Todo el mundo está en el oro, dado vuelta de la nuca
‎¡Nos vendieron hasta el loro, la altivez, la dignidad!
No terminan de asombrarnos, y es tan grande el desatino...
Que a la leche y hasta el vino, hoy por hoy...
‎¡Les tenés que desconfiar!

Y me duele que sea cierto... Con dolor del más profundo.
Porque si esto es primer mundo, ¿etse mundo dónde está?
Si parece la utopía de un "mamao" voy a hacértela bien corta...
‎¡se afanaron con la torta, el honor y la verdad!

Nos están pudriendo el aire, nos cambiaron el idioma,
hoy la "caca" de paloma es más limpia que el honor.
‎¡La justicia ya sin venda a un corrupto le hace un guiño,
y acomoda el desaliño, del poder y del favor!
En un loco "todo vale", un caniche acicalado
‎"morfa" más que un jubilado que no llega a fin de mes.
Y en la cruda indiferencia, entre el cólera y el "curro"...
Hay un juez que se hace el "burro" y también...
‎¡Hay un burro que hace juez!‎

inviata da Bernart - 12/4/2013 - 11:45



Lingua: Italiano

Versione italiana di Laura Branchini

Ci ho provato, lasciando da parte le rime, peccato, ma erano inarrivabili per me. Sono riuscita bene invece, credo e spero, a trattare il "lunfardo", il dialetto dei bonaerensi, ricco di regionalismi soprattutto italiani. Non sono del tutto certa di quel "dado vuelta de la nuca". Se qualcuno vuole precisare, lo ringrazio.
Certo che questo testo sembra perfetto per la situazione attuale qui da noi, eh!
ARGENTINA PRIMO MONDO

Nel bel mezzo di questo‎ "mambo" e il delirio più profondo
il cartello di primo mondo son venuti ad attaccarci.
Così grottesca è l'assurdità, tanto immondo è il porcile che guardando il notiziario, io ridevo per non piangere!
Tutto il mondo vuole l'oro, con la testa sottosopra, ci han venduto l'uccellino, la superbia, la dignità!
Non finiscon di stupirci, ed è così grande lo sproposito
che pure del latte e del vino, oggi come oggi, bisogna diffidare!

E mi addolora che sia così... Con dolore molto profondo.
Perché se questo è il primo mondo, questo mondo dove sta?
Se sembra l'utopia di un "mamao", te la faccio breve... 
insieme alla torta, si son fregati l'onore e la verità!

Ci stanno facendo marcire l'aria, ci hanno cambiato la lingua,
oggi la cacca di piccione è più pulita dell'onore.
La giustizia ormai senza veli fa occhiolino ai corrotti, e sistema la cialtroneria del potere e del favoritismo!
In un folle “va bene tutto”, un barbone paludato ciuccia più di un pensionato che non arriva a fine mese.
E nella crudele indifferenza, fra la rabbia a lo sfrontato...
c'è un giudice che fa o'ciuccio e pure...
c'ù un ciuccio che fa il giudice!

inviata da Laura Branchini - 2/5/2014 - 22:32



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org