Lingua   

Giudèca

Alberto D'Amico
Lingua: Italiano (Veneto Veneziano)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Harlan County Blues
(George Davis)
Ariva i barbari
(Alberto D'Amico)
L'aria
(Canzoniere Popolare Veneto)


‎[1973]‎
Dall’album “Ariva i barbari”‎

115312460

La Giudecca (Giudèca in dialetto veneziano, anticamente Zudèca e Zuèca) è un'isola (o, meglio, un ‎insieme di isole collegate tra loro) posta a sud del centro storico di Venezia.‎
Bonificata in epoca relativamente tarda, fu una zona ricca di orti e giardini, quindi tradizionale ‎luogo di evasione. La rapida espansione edilizia l'ha ridotta poi a zona degradata e persino ‎malfamata, contraddistinta da stretti e oscuri vicoli e palazzi trascurati.‎
Da alcuni decenni l'isola è stata recuperata e vi sono sorti complessi residenziali d'avanguardia che ‎si integrano con il recupero degli spazi industriali abbandonati. (it.wikipedia)‎




In questa canzone di Alberto D’Amico si fa anche riferimento a Giuseppe Cipriani, imprenditore ‎veneziano fondatore dell’Harry’s Bar, inventore del cocktail “Bellini” e iniziatore di un impero ‎alberghiero e nel settore della ristorazione che oggi vanta strutture in tutti i luoghi più esclusivi del ‎mondo.‎
‎“Eriunx” e “Iunga” sono invece certamente i nomi storpiati in veneziano di due fabbriche che ‎sorgevano alla Giudecca: la Herion, che produceva maglieria, e la Junghans, orologi, entrambe ‎tedesche. ‎
In veneziano i “ghebi” sono i canali minori della laguna veneta, ma qui evidentemente il significato ‎è un altro: probabilmente “ghebo” deriva da “kepi” e indica il cappello che in epoca passata era in ‎dotazione alle guardie municipali… “Ghebi” sono quindi i vigili e, per estensione, i poliziotti e tutte ‎le guardie, così come si capisce bene nel contesto della canzone: “i ghebi ti fanno gli occhi neri se ti ‎metti a scioperare”….‎
Giudèca nostra abandonada,‎
vint'anni de fame e sfrutamento ‎
e adesso s'è rivà el momento ‎
de dirghe basta e de cambià. ‎

‎'E scole co le pantegane, ‎
‎'e case sensa gabineto ‎
e quando ti te buti in leto ‎
te sogni sempre de lavorà. ‎

E i fioj se ciàman l'epatite ‎
in mes' ai pantan de la Giudèca; ‎
Cipriani se magna la bisteca ‎
e da le case ne vò sfratà. ‎

E chi lavora se consuma ‎
da Eriunx a Iunga sui cantieri, ‎
e i ghebi te fa i oci neri ‎
se ti te meti a scioperà. ‎

‎'E contesse faseva el doposcuola ‎
co 'a cipria e coi cioccolatini ‎
e el Pro- Giudèca dei paroni ‎
ai giudecchini i g'ha embrogià. ‎

Studenti, donne, operari, ‎
avemo ocupà el doposcuola; ‎
che vegna el prefeto co i ghebi; ‎
no se movemo, restemo qua! ‎

Giudèca nostra abandonada, ‎
vint'anni de fame e sfrutamento, ‎
e adesso s'è rivà el momento ‎
de dirghe basta e de cambià.‎

inviata da Dead End - 12/3/2013 - 08:52



Lingua: Italiano

Probabilmente chi ha postato la precedente versione non era veneziano, la "pua" è la polizia, i "ghebi" sono i vigili che non avevano certamente il compito di sgomberare le case.
La elle veneziana ha una pronuncia particolare ma non è assente, le erre finali sono poco pronunciate ma ci sono.
Le dame sono le dame di San Vincenzo un'opera benefica cattolica di signore "bene".
Giudèca nostra abandonada,‎
vint'anni de fame e sfrutamento ‎
e adesso xe rivà el momento ‎
de dirghe basta e de cambiar. ‎

‎Le scuole co le pantegane, ‎
le case sensa gabineto ‎
e quando ti te buti in leto ‎
ti sogni sempre de lavorar. ‎

E i fioj se ciàpa l'epatite ‎
in meso al pantan de la Giudèca; ‎
Cipriani se magna la bisteca ‎
e da le case ne vol sfratar. ‎

E chi che lavora se consuma ‎
da Eriunx ala Iunga sui cantieri, ‎
la pua te fa i oci neri ‎
se ti te meti a scioperàr. ‎

‎Le dame fasseva el doposcuola ‎
co la cipria e coi cioccolatini, ‎
el Pro- Giudèca dei paroni ‎
i giudechini el g'ha imbrogià. ‎

Studenti, donne, operai, ‎
gavemo ocupà el doposcuola; ‎
che vegna el prefeto co la pua ‎
no se movemo, restemo qua! ‎

Giudèca nostra abandonada, ‎
vint'anni de fame e sfrutamento, ‎
e adesso xe rivà el momento ‎
de dirghe basta e de cambiàr.‎

inviata da Roberto - 5/12/2015 - 16:17



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org