Lingua   

‎'Na volta me ricordo

Canzoniere Popolare Veneto


Lingua: Italiano (Veneto Veneziano)


Ti può interessare anche...

Venessia patria mia dileta
(Alberto D'Amico)
Addio Venezia addio [El diciaòto novembre]
(Gruppo Pane e Guerra)
Father Was Killed by the Pinkerton Men
(William W. Delaney)


‎[1977]‎
Parole e musica di Alberto D’Amico.‎
Album “L’aria”‎
Testo trovato su ‎‎La ‎Musica de L’Altra Italia



‎'Na volta me ricordo
no' gera rose e fiori
ma almanco i cantieri
ne dava da lavorar

I turni la sirena
i colpi de marteo
faseva un bel bordeo
po' tuto s'à fermà

Se ga fermà i reogi
se ga fermà i lavori
fora dai cantieri
fora i ne ga mandà

Se 'ndava a la Giudeca
a lavorar da Stuky
e dopo tanti sachi
i ne ga licenzià

Barconi caricava
montagne de farina
i galegiava apena
bianchi come el pan

I silos gera pieni
de gran salo e maturo
Stuky pien de oro!
i ne lo ga svodà

E anca a Dorsoduro
co' 'n altro maleficio
bondì cotonificio
i ne lo ga serà

Gavevimo i teeri
coton per far la stofa
adeso femo la mufa
senza più lavorar

I ne ga dito done
ste' casa a far i fioi
l'omo porta i schei
no' steve lamentar

Semo de Canaregio
ne toca de 'ndar fora
magari a Marghera
a farse infumegar

Un popolo de bando
xe fiapo e avilio
che musi a Castelo
xe ora de cambiar

Cambiemo che xe ora
metemose de sesto
femo femo presto
salvemo 'sta cità

inviata da Dead End - 6/3/2013 - 10:18



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da ‎‎La ‎Musica de L’Altra Italia
UNA VOLTA MI RICORDO

Una volta mi ricordo
non erano rose e fiori
Ma almeno i cantieri
ci davano da lavorare

i turni la sirena
i colpi di martello
facevano un bel rumore
poi tutto si è fermato

Si sono fermati gli orologi
si sono fermati i lavori
fuori dai cantieri
fuori ci hanno mandato

Si andava alla Giudecca
a lavorare da Stuky
e dopo tanti sacchi
ci hanno licenziato

I barconi caricavano
montagne di farina
galleggiavano appena
bianchi come il pane

I silos erano pieni
di grano giallo e maturo
Stuky pieno di oro!
ce l'hanno svuotato

E anche a Dorsoduro
con un altro maleficio
addio cotonificio
ce lo hanno chiuso

Avevamo i telai
cotone per fare la stoffa
adesso facciamo la muffa
senza più lavorare

Ci hanno detto donne
state a casa a fare figli
l'uomo porta i soldi
non statevi a lamentare

Siamo di Cannaregio
ci tocca di andare fuori
magari a Marghera
a farci affumicare

Un popolo al bando
è fiacco e avvilito
che facce a Castello
è ora di cambiare

Cambiamo che è ora
mettiamoci di voglia
facciamo facciamo presto
salviamo questa città

inviata da Dead End - 6/3/2013 - 10:18



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org