Lingua   

Qué saco rogar al cielo

Víctor Jara


Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

All the Pretty Little Horses (Hush-a-Bye)
(anonimo)
Vientos del pueblo
(Víctor Jara)
El alma llena de banderas
(Víctor Jara)


‎[1962]‎
Album “Víctor Jara” (1967)‎
Testo trovato su Cancioneros.com

0211
Qué saco rogar al cielo
si en tierra me han de enterrar,
la tierra me da comida,
la tierra me hace sudar.

Qué saco sudando tanto,
y comiendo poco y nada,
si mi tierra no es mi tierra
y el cielo, cielo nomás.

A dónde pongo mis manos,
brotan claveles y rosas,
brotan y brotan las cosas
que no aprovecha mi mano.

Una espiga hay en el campo,
una espiga colorada,
si juntos la cosechamos
grande será nuestro pan.‎

inviata da Dead End - 1/3/2013 - 10:01



Lingua: Italiano

Tentativo di traduzione italiana di Dead End.
CHE INUTILE PENITENZA PREGARE IL CIELO

Che inutile penitenza pregare il cielo
Se è nella terra che mi devono seppellire
La terra mi dà il cibo
La terra mi fa sudare

Che inutile tortura sudare tanto
E mangiare poco o nulla
Se la terra non è mia
E quanto al cielo, neppure quello.‎

Sotto le mie mani
Fioriscono garofani e rose
Spuntano e germogliano le cose
Di cui la mia mano poi non dispone

C’è un spiga nel campo
Una spiga matura
Se la raccogliamo insieme
Abbondante sarà il nostro pane ‎

inviata da Dead End - 1/3/2013 - 10:02



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org