Lingua   

El Cristo De Palacagüina

Chavela Vargas


Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

Abolisson
(Ennio Morricone)
Corrido de Felipe Ángeles
(Chavela Vargas)
Pinocho...
(Carlos Mejía Godoy)


[1977]
Parole e musica di Carlos Mejía Godoy, che la incise insieme al suo gruppo, «Los de Palacagüina», nel disco «El son nuestro de cada dia»
Interpretata anche da Amparo Ochoa («Cancionero Popular Volumen 2», sempre del 1977) e dalla grande Chavela Vargas, cui ho preferito attribuirla perchè da poco ci ha lasciati.

el son nuestro de cada dia cancionero popular vol2


Palacagüina, nel dipartimento di Madriz, è un paese dove è passata molta della storia del Nicaragua.
E’ proprio lì che nel 1855 ebbe inizio il primo tentativo nordamericano di soggiogare il Centro America, con la spedizione dell’avventuriero e filibustiere William Walker (un personaggio che abbiamo già incontrato su queste pagine: Abolisson) spalleggiato da statunitensi ed inglesi e finanziato dal miliardario Cornelius Vanderbilt. Dovettero mettersi insieme gli eserciti di Nicaragua, Honduras, Costa Rica, Guatemala ed El Salvador per buttarlo fuori a calci e rispedirlo negli USA.



Walker fu poi ucciso nel 1860 in Honduras dove si era nuovamente avventurato in cerca di grane, ma non passarono che pochi decenni e nel 1909 gli Stati Uniti di Taft intervennero direttamente in Nicaragua appoggiando un golpe militare contro il presidente legittimo Zelaya. L’occupazione militare proseguì fino al 1925, poi gli yankee formalmente se ne andarono ma lasciarono sul posto il loro fantoccio, Somoza, con i suoi feroci sgherri, la Guardia Nacional, finanziati ed armati dalle grandi compagnie minerarie, dai grandi investitori stranieri e dal governo statunitense.



Quando in quegli anni Augusto César Sandino cominciò a combattere per la liberazione del paese dalla dittatura somozista, Palacagüina fu teatro di frequenti e sanguinosi combattimenti per via delle presenza nella zona di gruppi guerriglieri. A Palacagüina il 15 marzo del 1931 trovò la morte in combattimento un famoso luogotenente di Sandino, il generale Miguel Ángel Ortez (24 anni, nominato generale a 17!) che nelle intenzioni di Godoy era proprio «El Cristo De Palacagüina» ma di cui nella canzone non si menziona mai il nome.
Por el cerro de la Iguana,
montaña adentro de las Segovias,
se vió un replandor extraño
como una aurora de medianoche.
Los Maizales se prendieron,
los quiebraplatos se estremecieron;
llovió luz por Moyogalpa,
por Telpaneca y por Chichigalpa.

Cristo ya nació en Palacagüina.
de un Chepe pavón
y una tal María.
Ella va a planchar muy humildemente
la ropa que goza
la mujer hermosa del terrateniente.

Las gentes para mirarlo
se rejuntaron en un melote;
el indio Joaquín le trajo quesillo
en tranzas de Nagarote.
En vez de oro, incienso y mirra,
le regalaron, según yo supe,
cajetitas de Diriomo
y hasta buñuelos de Guadalupe.

Cristo ya nació en Palacagüina.
de un Chepe pavón
y una tal María.
Ella va a planchar muy humildemente
la ropa que goza
la mujer hermosa del terrateniente.

José, el pobre jornalero,
se mecateya todito el día.
Lo tiene con reumatismo
el tequío de la capentería.
María sueña que el niño
igual que el tata sea carpintero;
pero el chavalito piensa:
"mañana quiero ser guerrillero."

Cristo ya nació en Palacagüina.
de un Chepe pavón
y una tal María.
Ella va a planchar muy humildemente
la ropa que goza
la mujer hermosa del terrateniente.

inviata da Dead End - 24/2/2013 - 22:37



Lingua: Inglese

Traduzione inglese di Juan Pedro Gaffney R. dal sito del San Francisco Bach Choir
THE CHRIST OF PALACAGUINA

On the hilltop of the Iguana,
a mountain-peak in the Segovias,
an extraordinary splendor shone out
like a dawn in the middle of the night.
The cornfields caught fire,
the fireflies began to glow,
light showered on Moyogalpa,
on Telpaneca and on Chichigalpa.

Christ is here and now, born in Palacagüina!
of a fellow named José
and a village-girl named María.
She goes about her work with great humility
washing the clothes
that please the landlord’s lady.

The folks gathered round in clusters
to look on him and see him.
The Indian Joaquín brought him string-cheese
in braids, from Nagarote;
and as far as I can tell, instead
of incense, gold and myrrh,
they gave him caramel-candies,
and pastries from Guadalupe.

Christ is here and now, born in Palacagüina!
of a fellow named José
and a village-girl named María.
She goes about her work with great humility
washing the clothes
that please the landlord’s lady.

José, the poor day-laborer
works at it all day long;
his absorption with his carpentry
has given him arthritis.
María dreams that the child
like his father go into woodcraft;
but the little one is thinking,
Tomorrow I’ll be a freedom-fighter.

Christ is here and now, born in Palacagüina!
of a fellow named José
and a village-girl named María.
She goes about her work with great humility
washing the clothes
that please the landlord’s lady.

inviata da Dead End - 24/2/2013 - 22:41



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org