Lingua   

Una poltrona, un bicchiere di cognac, un televisore, 35 morti al confine tra Israele e Giordania

Lucio Battisti
Lingua: Strumentale


Ti può interessare anche...

Anima latina
(Lucio Battisti)
La pace
(Lucio Battisti)
Romance anonyme, mieux connue comme Jeux interdits
(Narciso Yepes)


(1971)

Lucio Battisti - Amore E Non Amore-front

Il brano in oggetto non ha testo, in quanto è un brano strumentale, tratto dall' LP "Amore e non amore", uno dei dischi maggiormente sperimentali di Battisti, ma il titolo mi pare talmente geniale e, ahinoi, talmente attuale, che troverei assurdo non inserirlo nella raccolta.

[Archi dal NG it.fan.musica.de-andre]

Tra i musicisti che partecipano al disco, i componenti dei Quelli, già al seguito di Battisti da tempo, che l'anno successivo cambieranno il nome in Premiata Forneria Marconi.

Lucio Battisti: voce, chitarra, pianoforte, direzione d'orchestra
Franz Di Cioccio: batteria, percussioni
Giorgio Piazza: basso
Flavio Premoli: organo Hammond, pianoforte, tamburello
Dario Baldan Bembo: organo Hammond, pianoforte
Franco Mussida: chitarra
Alberto Radius: chitarra


Il titolo inventato da Mogol (Una poltrona, un bicchiere di cognac, un televisore, 35 morti ai confini di Israele e Giordania) descrive una scena di quotidiana inumanità: l'atto di apprendere le tragiche notizie legate all'attualità dell'epoca (la Guerra d'attrito che seguì alla Guerra dei sei giorni).

Comfort e sicurezza da un lato del teleschermo contrastano con il dolore e la precarietà della vita dall'altro. La reazione del protagonista non traspare, lasciando in sospeso due significati: l'incomunicabilità tra esseri umani, l'impotenza e l'impossibilità di fare qualcosa per aiutarsi, e/o di critica verso i mass media, che trasformano la morte in uno "spettacolo" da osservare comodamente seduti in poltrona con indifferenza e cinismo.

Benché strumentale, il brano è in realtà cantato, per quanto la voce non pronunci parole (secondo Stefanel, ulteriore metafora dell'incomunicabilità]). La voce di Battisti ripete la stessa melodia per tutta la canzone mentre gli strumenti progrediscono in un crescendo: si aggiungono pianoforte, chitarra, basso e batteria, la voce diventa sempre più corale (è raddoppiata e viene rafforzata dagli archi), fino ad arrivare al finale in cui si aggiunge anche un sitar. La parte musicale trasmette una sensazione di spensieratezza e di serenità.

Wikipedia

Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org