Lingua   

Lettera a uno sbirro

Aban


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

L'ordine è pubblico?
(Giangilberto Monti)
Carla Aspetta
(UltimoBinario)


‎[2008]‎
Album “La bella Italia”‎
Feat. Jake La Furia

Aldro, Federico ‎Aldrovandi, 18 anni, morto di polizia il 25 settembre 2005 a Ferrara‎
Aldro, Federico ‎Aldrovandi, 18 anni, morto di polizia il 25 settembre 2005 a Ferrara‎


Gabbo, Gabriele Sandri, 26 anni, morto di polizia ‎l’11 novembre 2007 nei pressi di Arezzo.
Gabbo, Gabriele Sandri, 26 anni, morto di polizia ‎l’11 novembre 2007 nei pressi di Arezzo.


Carlo, Carlo Giuliani, 23 anni, morto di benemerita il 20 luglio 2001 a ‎Genova

Diaz, massacro di polizia ‎alle scuole Diaz di Genova, avvenuto nella notte tra il 21 ed il 22 luglio 2001.
Diaz, massacro di polizia ‎alle scuole Diaz di Genova, avvenuto nella notte tra il 21 ed il 22 luglio 2001.
Signor sbirro le scrivo
testimone ‘sto tempo
quello che importa il documento ‎
fotografato dall'interno
dove uno Stato di polizia
sotto finta democrazia
fotte la gente come la mia
con traiettorie d'acrobazia
dove una vita vale di meno
se una divisa preme il grilletto
nessuna colpa resta un mistero
quando ti mandano al cimitero
quando ti mandano al campo santo
come hanno fatto i colleghi con Aldro
pestato a morte senza un reato
ma gli assassini non hanno pagato
come hanno fatto pure con Gabbo
senza un motivo sangue versato
mille bugie per un colpo sbagliato
tanto a coprire ci pensa il capo

Oggi è 11 novembre le curve contro lo Stato
e non chiedermi perchè non mi fido dell'uomo armato
come lo avete fatto in passato
un cerchio sopra l'asfalto dopo la morte ‎
come col “sasso” che spacca la testa a Carlo
niente colpevoli nè assassini
tra quegli elmetti ordinati e precisi
tutti protetti tutti impuniti
è la giustizia dei burattini

É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?

Sì, scrivo una lettera ad un'analfabeta
gente, scrivi polizia con due zeta
picchia che il cranio si crepa
Fuoco amico come errori in guerra
sì ma il tipo ha il cervello in terra
perchè pensava che eri una merda
se mi proteggono chi mi protegge da loro?!
io non mi fido mai
mi proteggo da solo
e non importa le cose che sai
se poi gli sbirri sono come i vip ‎
non pagano mai

Dal piombo degli anni '70
la sirena lo incanta
sa che è merce appena la scarta
lo sa perchè tira la bianca
si alza e già pulisce la Berta al mattino
ruba le buste in discoteca in cui entra col tesserino
a Milano nei quartieri
i bambini non parlano agli sconosciuti
ma nemmeno agli sbirri e carabinieri
guardie ladri - chissà chi, frà, sono gli infami?
chi ha lanciato il sasso oppure chi ha messo dietro le mani?

É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?

Hai le mani dietro al collo e la faccia contro il muro
tu lì fisso resta zitto perchè non sei più al sicuro
in silenzio fino a quando non arriva il tuo avvocato
sembra un film - lo so compà - ma non è là che l'ho imparato
e non importa se sei buono non importa se sei fiacco
se ti vogliono far male loro possono farlo
è l'abuso del potere che ormai è legalizzato
non sai mai come finisce quando sei in commissariato
e non faccio mai di tutta quanta l'erba un solo fascio
quindi esiste anche lo sbirro onesto che non ha sbagliato
ma se penso ad ogni morto che hanno fatto per strada
non c'è mai la galera quando la divisa spara

É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
chiedi al padre di Carlo
alla madre di Aldro
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
al fratello di Gabbo
il massacro alla Diaz

É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?
É la polizia di Stato o lo Stato di polizia?

inviata da Dead End - 9/7/2012 - 14:53


Mancava la foto di Carlo, Carlo Giuliani, 23 anni, morto di Benemerita il 20 luglio 2001 a ‎Genova:

cagoulian

Bernart - 15/11/2013 - 08:24


La vera risorsa del Paese
di Sandro Moiso
da carmilla on line

“Tutta l’Europa sta esplodendo,
dalla Valle a Barcellona,
le periferie insorgeranno,
e il G-qualcosa andrà in cantina…”

(New Eve of Destruction)

Questo è un intervento che non avrei voluto scrivere.
Non avrei voluto scrivere della fumosità e dell’inutilità dei discorsi dei ministri della disoccupazione riuniti al G7 di Venaria.
Non avrei voluto scrivere dell’insipienza delle loro trovate propagandistiche e del vuoto di slogan quali: “Industria, Scienza e Lavoro”.

Non avrei voluto scrivere delle inutili spese affrontate per ospitare i rappresentanti dell’Occidente della disoccupazione, delle ineguaglianze sociali, dell’ingiustizia e della corruttela politica dominante.
Non dello schieramento assurdo di forze del disordine a protezione di un fortino alberghiero posto esattamente al centro di Torino.

E nemmeno del disagio creato ad una città intera “per motivi di sicurezza” con traffico, trasporti pubblici e addirittura spostamenti pedonali o in bici bloccati per difendere il perimetro.
Un linguaggio da film di guerra di serie B, degno di essere trasmesso insieme a “Sharknado” oppure “Big Ass Spider” ma ancor meno dignitoso, utilizzato per giustificare una spesa milionaria nel cuore di una delle città italiane a più alto tasso di povertà.

Uno spettacolo miserabile eguagliato soltanto dai rappresentanti di una sinistra politica e sindacale morta e defunta che, durante la settimana, si sono riuniti ai Murazzi per una fuorviante iniziativa anti-G7: Proxima. Fuorviante, poiché tutta interna alle logiche che sottostanno alle miserie dei vari G+n: quelle del produttivismo e del lavoro salariato e sfruttato. Oltretutto appropriandosi inopinatamente del diritto di rappresentare il 99% (come recitava il manifesto in rosso e nero della manifestazione promossa da Sinistra Italiana).

L’ennesimo fallimentare tentativo di chi vuole anteporre la propria inidonea personalità alle proteste di chi scende in piazza e magari paga per le proprie scelte: Susanna Camusso, Sergio Cofferati, Maurizio Landini, Pippo Civati, Stefano Fassina, Gianīs Varoufakīs…solo per dire di alcuni partecipanti. Quasi che all’inizio di tutto questo cammino nell’Europa dell’euro e della finanza non ci siano state le scelte operate proprio dalle forze che i personaggi appena citati hanno diversamente rappresentato (o interpretato).

Ma, intanto, per qualcuno i pranzi di gala nelle regge oppure anche soltanto i manifesti colorati sui muri cittadini, mentre per altri lacrimogeni e manganellate. Per alcuni alberghi di lusso e visibilità pubblica, per altri fermi, arresti e celle del carcere delle Vallette.
Ma non avrei davvero voluto scrivere di tutto questo, anche per non dare ulteriore visibilità a strutture inutili, farlocche e condannate dalla Storia e dall’evolvere degli eventi, che dovremmo imparare ad ignorare e abbandonare al proprio ridicolo destino.

Sono stato costretto a scrivere, però e soprattutto, da una scoperta sensazionale nel campo dell’economia e della società. L’intuizione geniale di un alto dirigente dello stato, un questore, che l’avrebbe proclamata nel congratularsi con gli agenti per il lavoro svolto: la scoperta di quella che è la vera risorsa della Nazione!
I giovani? No.
Il lavoro? No.
La terra? No.
L’intelligenza? No.
La conoscenza? No.

La vera risorsa del Paese sarebbe costituita proprio dagli agenti di polizia. Soprattutto da quelli che manganellando come fabbri contribuiscono all’aumento del Prodotto Nazionale Lordo di sangue.1
Una follia? Una barzelletta? Un delirio? Un errore di comunicazione? Un disturbo sulle linee delle radio della Polizia? Ancora una volta NO.

E pare che questa bella trovata economica sia destinata ad essere pienamente condivisa in questa Europa che sta andando a pezzi e si comporta davvero come un gigante dai piedi di argilla.
A partire dal primo ministro Rajoy-gan, che ha spinto immediatamente la Guardia Civil a dare di più, di più, molto di più. Come i catalani hanno imparato a loro spese.
Perché nell’Europa che si vorrebbe patria della democrazia a regnare è il manganello.
mentre il diritto dei popoli ad esprimere le proprie ragioni e la propria volontà sembra destinato ad essere definitivamente soppresso.

Questo articolo, però, è stato anche scritto per Andrea Bonadonna, militante No Tav e animatore di bellissime iniziative culturali e musicali (che si spera abbia potuto lasciare il carcere in queste ultime ore, anche se pur ancora sottoposto ad un provvedimento di obbligo di dimora), e per tutti coloro che sono stati malmenati, fermati, feriti e arrestati in questi giorni, da Torino alla Catalogna.

Per dir loro che non sono soli.
Per affermare che anche tutti noi ci riterremo offesi e prigionieri finché esisteranno carceri e provvedimenti destinati a limitare la libertà di espressione e di movimento di chi lotta. Che saremo tutti schiavi finché esisterà un padrone, un banchiere oppure un ministro desideroso soltanto di usare il pugno di ferro.
Che saremo tutti senza diritti fino a quando i diritti non saranno frutto dell’espressione della volontà popolare.

Ma è stato scritto anche per dire che, se siamo partiti insieme, insieme torneremo ad essere liberi: dall’oppressione, dal lavoro salariato e dallo sfruttamento dell’uomo sull’uomo e dell’ambiente.
Così è stato scritto anche per le due giovanissime manifestanti che, pur con gli occhi gonfi per i lacrimogeni, mi hanno dato un po’ della loro acqua mescolata a Maalox per lenire gli effetti del gas (probabilmente) al peperoncino.
E per tutti gli altri, giovanissimi o meno, che hanno partecipato alle manifestazioni di giovedì, venerdì e sabato.
E ancora, in particolare, per il Nucleo Pintoni Attivi No Tav.
Perché a seppellire definitivamente i nostri avversari sarà una risata.
Fragorosa, liberatoria e grande come il mondo.

daniela -k.d.- - 4/10/2017 - 09:59



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org