Lingua   

Quando fernesce 'a guerra

Nuova Compagnia di Canto Popolare


Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

La serpe a Carolina
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)
Sott'attacco dell’idiozia
(Bisca)
Sotto il velo del cielo
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)


Dall'album "Medina" del 1992.
NCCP Medina

L'autore della canzone è il chitarrista Corrado Sfogli.
(Giorgio)
Quando fernesce 'a guerra e vene 'o sole
vurria turnare a cammenare,
pe' chella strada a me cchiù cara
addò lu viento accarezz''o mare.
Ma nun è overo me l'hanno ritto ca nun è overo
si me n'addono, vurria durmire n'ata vota
e po' nun me scetare cchiù...
Nè chi vò, chi vò stu suonno nè chi vò?
Nè chi vò, chi vò cantare nè chi vò?
Comm''a viento de lu mare vene pe' te fa' sunnare,
tras'arinto e nun te lassa cchiù...
Guerra tu sì busciarda, sì mariola,
te sì arrubbato 'nu piezz''e core,
te sì pigliata la fantasia,
se n'è fujuta 'sta vita mia...
E 'sta canzone ca i' te canto è comm''a musica ca nun sona
ma se la voce mia va bbona i' canto e nun fernesco cchiù...
Nè chi vò, chi vò stu suonno nè chi vò?
Nè chi vò, chi vò cantare nè chi vò?
Comm''a viento de lu mare vene pe' te fa' sunnare
tras'arinto e nun te lassa cchiù...

inviata da Alessandro - 23/6/2006 - 22:51



Lingua: Italiano

Versione italiana di Giorgio
QUANDO FINISCE LA GUERRA

Quando finisce la guerra e viene il sole
vorrei tornare a camminare
per quella strada a me così cara
dove il vento accarezza il mare.
Ma non è vero me l'hanno detto che non è vero
se me ne accorgo, vorrei addormentarmi un'altra volta
e poi non risvegliarmi più...
E allora chi vuole, chi vuole questo sogno, chi lo vuole?
E allora chi vuole, chi vuole cantare, chi vuole?
Come il vento del mare viene per farti sognare,
entra dentro e non ti lascia più...
Guerra tu sei bugiarda, sei una ladra,
ti sei rubata un pezzo di cuore,
ti sei pigliata la fantasia,
se n'è fuggita questa vita mia...
E questa canzone che io ti canto è come musica che non suona
ma se la voce mia va bene, io canto e non finisco più...
E allora chi vuole, chi vuole questo suono, chi lo vuole?
E allora chi vuole, chi vuole cantare, chi vuole?
Come il vento del mare viene per farti suonare,
entra dentro e non ti lascia più...

inviata da Giorgio - 13/9/2006 - 18:56


La traduzione del verbo "sunnare" a mio avviso è sognare non suonare che invece sarebbe "sunare" con una sola "N"

rosy - 22/10/2009 - 19:50


Altrettanto dicasi per la parola "suonno" che è "sogno" non "suono".

rosy - 22/10/2009 - 19:52


Non ho mai sentito questa canzone - Non credo che la versione napoletana è quella originale della N.C.C.P. in quanto vi sono troppi errori. Riscrivo tra parentesi la dizione (Comm' s' ric' - ' allunga la consonante):
Quanno fernesce 'a guerra e vene 'o Sole
(Quann' f'rnesc' 'a 'uerr' e ven' 'o Sol')
vurria turnà a cammenà,
(vurria turnà a camm'nà)
pe chella strada a me cchiù cara
(p' chella strad' a me cchiù car')
addò 'o viento accarezza 'o mare.
(addò 'o vient' accarezz' 'o mar')
Ma nunn'è overo me l'hanno ditto ca nunn'è overo
Ma nunn'è over' m' l'hann' ritt' ca nunn'è over')
si me n'addono, vurria durmì n'ata vota
(si m' n'addon', vurria rurmì n'ata vot')
e pò nun me scetà cchiù...
(e pò nun m' sc'tà cchiù ...)
Nè chi vò, chi vò stu suonno nè chi vò?
Nè chi vò, chi vò stu suonn' nè chi vò?)
Nè chi vò, chi vò cantà nè chi vò?
(Nè chi vò , chi vò cantà nè chi vò?)
Comme 'o viento d''o mare vene pe te fà sunnà,
Comm' 'o vient' r''o mar' ven' p' t' fà sunnà)
trase arinto e nun te lassa cchiù...
(tras' arint' e nun t' lass' cchiù ...)
Guerra tu sì buciarda, sì mariola,
(Uerra tu sì buciard', sì mariol')
te sì arrubbato nu piezzo 'e core,
(t' sì arrubbat' nu piezz' 'e cor',)
te sì pigliata 'a fantasia,
(t' sì pigliat' 'a fantasia)
se n'è fujuta 'sta vita mia...
(s' n'è fuìiut' 'sta vita mia ...)
E 'sta canzone ca ì' te canto è comme 'a musica ca nun sona
(E 'sta canzon' ca ì' t' cant' è comm' 'a musich ca nun son')
ma si 'a voce mia và bbona ì' canto e nun fernesco cchiù...
(ma si 'a vocia mia và bbon' ì' cant' e nun f'rnesch cchiù)
Nè chi vò, chi vò stu suonno nè chi vò?
(Nè chi vò, chi vò stu suonn' nè chi vò?)
Nè chi vò, chi vò cantà nè chi vò?
Nè chi vò, chi vò cantà nè chi vò?)
Comme 'o viento d''o mare vene pe te fà sunnà
Comm' 'o vient' r''o mar' ven' p' t' fà sunnà)
trase arinto e nun te lassa cchiù...
(tras' arint' e nun t' lass' cchiù ...)

Francesco - 26/6/2010 - 01:59


Che castroneria hai scritto, innanzitutto nel napoletano scritto (basta vedere sia scritti del 600 come la Vajasseide o Lo cunto de de li cunti sia in scritti moderni (basta vedere al grande de Simone) il rotacismo non si scrive, poi la finale anche quando è soggetta a sceva si scrive, acché la parola non deve risultare ambigua di genere e numero.

Pugnator - 21/10/2015 - 01:42


Basta leggere le parole e già si capisce che cosa voleva scrivere l'autore e vulit fa semp i professori

12/2/2019 - 19:54



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org