Lingua   

Εἰς ἑαυτόν (Ode n. 9)

Anacreonte‎ / Ἀνακρέων


Lingua: Greco antico


Ti può interessare anche...

Il poveretto
(Giuseppe Verdi)
Εἰρήνη, Χορός Α', 301-345 [La Pace, Coro I, 301-345 / Peace, Chorus I, 301-345]
(Aristofane / Ἀριστοφάνης)
Convien partir
(Gaetano Donizetti)


‎[VI secolo a.C.]‎
Si tratta della nona composizione delle “Odi” del poeta di Teo.‎
Musica scritta nel 1800 dal poeta e cantautore irlandese ‎‎Thomas Moore per le sue “Odes of Anacreon”.‎

Trovata su The Lied, Art Song and Choral Texts Archive.‎

Ἄφες με, τοὺς θεούς σοι,‎
πιεῖν, πιεῖν ἀμυστί·
θέλω, θέλω μανῆναι.‎
ἐμαίνετ᾽ Ἀλκμέων τε

χὠ λευκόπους Ὀρέστης
τὰς μητέρας κτανόντες·
ἐγὼ δὲ μηδένα κτάς,‎
πιὼν δ᾽ ἐρυθρὸν οἶνον
θέλω, θέλω μανῆναι.‎

ἐμαίνετ᾽ Ἡρακλῆς πρίν,‎
δεινὴν κλονῶν φαρέτρην
καὶ τόξον Ἰφίτειον·
ἐμαίνετο πρὶν Αἴας,‎
μετ᾽ ἀσπίδος κραδαίνων

τὴν Ἕκτορος μάχαιραν·
ἐγὼ δ᾽ ἔχων κύπελλον
καὶ στέμμα τοῦτο χαίτης
‎{οὐ τόξον, οὐ μάχαιραν,}‎
θέλω, θέλω μανῆναι.‎

inviata da Bartleby - 7/2/2012 - 13:18




Lingua: Inglese

Traduzione inglese di Thomas Moore da The Lied, Art Song ‎and Choral Texts Archive.‎
ODE IX

I pray thee, by the gods above,‎
Give me the mighty bowl I love,‎
And let me sing, in wild delight,‎
‎"I will -- I will be mad to-night!"‎

Alcmæon once, as legends tell,‎
Was frenzied by the fiends of hell;‎
Orestes too, with naked tread,‎
Frantic paced the mountain-head;‎
And why? a murder'd mother's shade
Haunted them still where'er they stray'd.‎
But ne'er could I a murderer be,‎
The grape alone shall bleed by me;‎
Yet can I shout, with wild delight,‎
‎"I will -- I will be made to-night!"‎

Alcides' self, in days of yore, ‎
Imbrued his hands in youthful gore,‎
And brandish'd, with a maniac joy,‎
The quiver of the expiring boy:‎
And Ajax, with tremendous shield,‎
Infuriate scour'd the guiltless field.‎
But I, whose hands no weapon ask,‎
No armour but this joyous flask;‎
The trophy of whose frantic hours
Is but a scatter's wreath of flowers,‎
Even I can sing with wild delight,‎
‎"I will -- I will be mad to-night."‎

inviata da Bartleby - 7/2/2012 - 13:18




Lingua: Italiano

Traduzione francese di Ernest Falconnet da The Lied, Art Song ‎and Choral Texts Archive.‎
SUR SON DÉLIRE

Au nom des dieux, permets-moi de boire, ‎
de boire à pleins bords: ‎
je veux, je veux un doux délire. ‎
Ils furent en délire après le meurtre ‎

de leur mère, Alcméon et Oreste ‎
aux pieds d'albâtre. ‎
Moi qui n'ai tué personne, ‎
m'enivrant d'un vin généreux, ‎
je veux, je veux un doux délire. ‎

Il était en délire, Hercule, ‎
quand il eut enlevé le terrible carquois ‎
et l'arc d'Iphytus; ‎
il était en délire Ajax, ‎
qui heurtait l'épée ‎

d'Hector sur son bouclier. ‎
Moi, ma coupe en main, ‎
la tête couronnée de fleurs, ‎
sans arc et sans épée, ‎
je veux, je veux un doux délire.‎

inviata da Bartleby - 7/2/2012 - 13:19




Lingua: Italiano

Tentativo di traduzione italiana (a partire da quella in francese) di Bartleby.

Bellissima la contrapposizione tra la dolce ed innocua follia che scaturisce dal vizio che "affligge" Anacreonte e tutto il sangue ed il dolore che invece accompagnano le azioni furiose e violente dei possenti eroi della mitologia greca, disdegnati dal Anacreonte e descritti come pazzi invasati grondanti del sangue dei loro stessi amici, madri, compagne...
SUL PROPRIO DELIRIO

In nome degli dèi, consentitemi di bere,‎
di bere quanto mi pare:‎
Io voglio, voglio un dolce delirio.‎
Furono presi dalla furia, dopo aver ucciso‎

le proprie madri, Alcmeone ed Oreste (1)‎
dai piedi d’alabastro.‎
Io che non ho ucciso nessuno,‎
ubriacandomi d’un vino generoso,‎
io voglio, voglio un dolce delirio.‎

Era in preda alla furia Eracle, ‎
quando si impadronì della temibile faretra‎
e dell’arco d’Ifito (2);‎
era fuori di sé Aiace
quando parava la spada

di Ettore col suo scudo (3).‎
Io, con la mia coppa in mano,‎
il capo inghirlandato,‎
senz’arco e senza spada,‎
io voglio, voglio un dolce delirio.‎

inviata da Bartleby - 8/2/2012 - 09:10


Chiedo sempre l’aiuto del “team greco” per eventuali errori o imprecisioni…‎

Bartleby - 7/2/2012 - 13:21


Siccome molte delle Odi vengono intitolate "Εις εαυτον", forse nel titolo è meglio specificarne tra parentesi il numero: questa è la Ode n.9...

Bartleby - 7/2/2012 - 13:27


Note:‎

‎(1)‎ Alcmeone ed Oreste, personaggi della mitologia greca, uccisero le proprie madri, Erifile e ‎Clitennestra, ed impazzirono, perseguitati dalle Erinni, le personificazioni femminili della ‎vendetta.‎

‎(2)‎ Eracle (Ercole) fu perseguitato per molto tempo dalla maledizione di Era, e più volte fece ‎cose atroci in preda alla furia, come quando uccise l’amata moglie Megara o l’amico Ifito, ‎figlio del suo maestro d’arco Eurito.‎

‎(3)‎ Si riferisce ai diversi cruenti scontri tra l’acheo Aiace ed il troiano Ettore.‎

Bartleby - 8/2/2012 - 09:11


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org