Lingua   

Cantone de sos bestidos de biancu

Frantziscu Màsala / Francesco Masala


Lingua: Sardo


Ti può interessare anche...

Senza Ali
(Linfa)
E qualcuno poi disse
(Gianni Nebbiosi)
Io so che un giorno
(Ivan Della Mea)


[1981]‎
Dalla raccolta “Poesias in duas limbas – Poesie bilingui”, Scheiwiller, Milano (2° ed. 1993, 3° ed. ‎‎2006 per i tipi de Il Maestrale di Nuoro).‎



Una ballata, una poesia-canzone (anzi, "cantone") che mi ha ricordato canzoni come Io so che un giorno di Ivan Della Mea o Emigrato su in Germania e E qualcuno poi disse di Gianni Nebbiosi...
Intendide, bona zente,
dae cando mundu est mundu,
semper gìrana in tundu
gìrana semper in tundu
sos bestidos de biancu.

Semus in custa barca
dae tempus de cando mai,
in-d unu campu de trigu
ue messadore benit
ne oe ne crasa ne mai.

Amigos malefadados,
cumpagnos de malasorte,
intendide custa istória,
ch’est istória de vida,
ch’est istória de morte.

Babbu meu fit massaju,
cun sa matta unfiada
de orzattu e de abba,
messende sutta su sole
ispiga ruinzada.

Mamma mia, ojos de craba,
fit craba chena latte,
donzi notte, tota notte,
a una pupia de istratzu
cantat s’anninnia.

Bénnidos sunu poi
sos deos de Milanu:
Abbandona la terra, mi ana nadu,
lavora nella fabbrica,
diventerai operaio!


M’ana leadu sa terra
e custu mi est toccadu:
semenare mattones,
tubàmine, limbiccos,
zimineas de fogu,
óbigas e tropeas,
matraccas de inferru:
gàrriga, isgàrriga, piga,
suera, trabàglia, fala,
avvita, ispinghe, gira,
pintzas, tenazas, tira.

Sa fràbica de néula
caminat a sa sola:
non sono diventato operaio
non so pius massaju,
so unu chena tribàgliu.

Una valigia ligada a ispau,
emigradu in Germania:
fràbicas de padronos
chi donzi sero si sàmunan
su culu cun abba de rosas.

Montierenkette:
gàrriga, isgàrriga, piga,
suera, trabàglia, fala,
avvita, ispinghe, gira,
pintzas, tenazas, tira,
arbaiten… arbaiten… schlapp…
arbaiten… schlapp… arbaiten…


Una valigia ligada a ispau,
leada a ispuntadas de pê
dae sa mala fortuna.
Sa vida in pinnetas de latta,
semus in milli in cue intro,
chie drómmidi, chie màndigada,
chie fùmada, chie bùffada,
chie iscrìede, chie lèggede,
chie iscarràsciada, chie prègada,
chie frastìmada, chie tróddiada,
chie àndada a su tribàgliu,
chie tòrrada dae su tribàgliu
die e notte, notte e die.

Oe mi ada iscrittu una lìttera
sa colza ’e muzere mia:
«Proite non torras? So sola,
comente unu sulcu senza sèmene».
Isterrugiadu in-d un’anta,
penso a pramma dorada.

Mariposas de ammentu
e tràntulas nieddas
mi móssigan su coro:
no isco pius chie so…
no so pius nudda…
camicia di forza… librium…
doccia fredda… elettroshock…


Cumpresu, bona zente? So torradu
e mi che ana tzaccadu
in mesu a sos bestidos de biancu
chi giran sempre in tundu
semper gìrana in tundu
dae cando mundu est mundu
comente poveroscristos
a contare onzi die
su tempus de cando mai
in custu campu de trigu
ue messadore benit
ne oe ne crasa ne mai.

inviata da Bartleby - 5/1/2012 - 21:36



Lingua: Italiano

Versione italiana di Francesco Masala.
BALLATA DEI VESTITI DI BIANCO

Ascoltate, buona gente,
da quando mondo è mondo,
sempre girano in tondo
girano sempre in tondo
i vestiti di bianco.

Siamo nella stessa barca
dal tempo di quando mai,
in un campo di grano
dove il mietitore viene
né oggi né domani né mai.

Amici malfatati,
compagni di malasorte,
ascoltate questa storia,
che è una storia di vita,
una storia di morte.

Mio padre contadino
aveva la pancia gonfia
di pane d’orzo e d’acqua,
mietendo sotto il sole
le spighe arrugginite.

Mia madre, occhio di capra,
era capra senza latte,
ogni notte, tutta notte,
a una bambola di stracci
cantava la ninna nanna.

Dopo sono venuti
Gli déi di Milano:
Abbandona la terra, mi hanno detto,
lavora nella fabbrica,
diventerai operaio.


Mi hanno preso la terra
e questo mi è toccato:
seminare mattoni,
tubature, alambicchi,
ciminiere di fuoco,
trappole, trabocchetti,
ordigni infernali:
carica, scarica, monta,
suda, fatica, smonta,
avvita, spingi, gira,
pinze, tenaglie, tira.

La fabbrica di nebbia
camminerà da sola, è cibernetica:
non sono diventato operaio,
non sono più contadino,
sono solo disoccupato.

Una valigia legata con lo spago,
emigrato in Germania:
fabbriche di signori
che ogni sera fanno la doccia
al culo con acqua di rose.

‘Catena di montaggio’:
carica, scarica, monta,
suda, fatica, smonta,
avvita, spingi, gira,
pinze, tenaglie, tira,
‘lavorare… lavorare… presto…
lavorare… presto… lavorare…’


Una valigia legata con lo spago,
presa a calci
dalla malafortuna.
Viviamo nei capannoni,
siamo in mille lì dentro,
chi dorme, chi mangia,
chi fuma, chi beve,
chi scrive, chi legge,
chi sputa, chi prega,
chi bestemmia, chi scorreggia,
chi va al lavoro,
chi torna dal lavoro,
giorno e notte, notte e giorno.

Oggi mi ha scritto una lettera
la mia povera moglie:
«Perché non torni? Sono sola
come un solco senza seme».
Sdraiato in un angolo,
penso a palma adorata.

Farfalle della memoria
e tarantole nere
mi mordono il cuore:
non so più chi sono…
non sono più nulla…
camicia di forza… librium…
doccia fredda… elettroshock…


Capito, buona gente? Sono tornato
e mi hanno messo qui
fra i vestiti di bianco
che giran sempre in tondo
sempre girano in tondo
da quando mondo è mondo
come poveri cristi
a contare ogni giorno
il tempo di quando mai
in questo campo di grano
dove il mietitore viene
né oggi né domani né mai.

inviata da Bartleby - 5/1/2012 - 21:37


Cercavo Sognando di Donbacky e ho trovato tante belle (tristi, ma reali) canzoni.
Perché solo i testi e non anche l'interpretazione???
Grazie
Rita Ruiu

RITA - 22/7/2012 - 23:28


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org