Lingua   

A me stesso

Enrico Capuano
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Tarantella dei baraccati
(Canzoniere del Lazio)
Luna
(Enrico Capuano)
Operai
(Enrico Capuano)


2005
da "Lascia che sia"
lascia che sia
Testo e musica di Enrico Capuano
È molto tardi e non riesco proprio a dormire
prendo la chitarra,una penna e un colore
e molto tempo che non facevo questo
forse, mi sono un po’ perso

nonostante i processi della santa inquisizione
nonostante una politica che solo far carriera
nonostante ,nonostante,nonostante
non rinunciare mai
non rinunciare mai mai mai
ad amare

quanta gente ho incontrato nella piazze
ma dove sono ora adesso
io che mi sento fuori luogo e un po’ sbagliato
ma non rinuncio a me stesso
no no no no no a me stesso
no no no no no a me stesso
no no no no no a me stesso

non rinunciare ad ascoltare questo mondo
nel silenzio di una notte che fa male
io che ho amato mille volti da morire,
ora sono qui come un’animale

ma dove sei vecchio amore ormai andato
ma dove sei ora adesso
io che ricerco il calore nelle parole
e non rinuncio a me stesso
no no no no no a me stesso
no no no no no a me stesso
no no no no no a me stesso

poi ritorna la pazzia
la filastrocca il ritornello
e questa grande energia
che ci prende e poi ci assale
camminando controsenso non ci penso e non ci penso
camminando controsenso non ci penso e non ci penso
e giro giro tondo
diamo un calcio al vecchio mondo
voglio un mondo senza guerra
con i tiranni giù per terra
e canto canto canto la condizione
e canto canto canto la situazione
la canzone popolare
che ti prende e ti fa viaggiare
che ti prende e ti fa viaggiare
che ti prende e ti fa viaggiare
no no no no no non rinunciare mai
mai mai mai mai non rinunciare mai
mai mai mai mai ad amare

16/5/2006 - 16:32


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org