Lingua   

La set

Barabàn


Lingua: Italiano (Lombardo Milanese)


Ti può interessare anche...

Fuoco e mitragliatrici
(anonimo)
Dopo Ardisun
(Collettivo Ticino Riva Sinistra)
Fiume Sand Creek
(Fabrizio De André)


testo:Franco Loi - musica: A. Citelli

La drammatica esperienza della guerra con i bombardamenti, le fucilazioni nelle piazze, gli impiccati, ha segnato profondamente Franco Loi e la sua poesia. Nell'agosto del 1944, la vista sul marciapiede di Piazzale Loreto dei corpi di quindici uomini (tra i quali scoprirà poi esserci anche il padre di un amico e un suo maestro) fucilati dai tedeschi e dai fascisti, sarà decisiva per la sua passione politica. La sei, anch'essa scritta nel l965 e pubblicata ne L'aria, racconta il clima di tragedia. attesa e speranza. che si respirava nelle settimane che precedettero la Liberazione nell'aprile del '45.
Se squajava l'invernu
l'invernu spój di tilli sanfurgnent,
cuj cadaver glicin fiumbent
sul tanabus del vial di nost paes,
dai paj sunant al rèf di urègg,
oh sangh ! bel sangh! torcia usulant al vent,
sgarbèl de tera!
ganivèj caruspi ai mur
níul che passa butti dal nient...

Popul armà, popul de speransa!
nìul che passo bufà dal nient...

L'invernu nevicant di nost broll,
i vegiàss in genogg piangent
suj carcàss sventra di vedèj mórvid,
quèl segèll d'invernu brusiànt
oh Ogg, gniff scabius
inestinguabil sij de pietà ai sguagn di mauser
al crespà di sten, i ciudàss s 'giandent
sul duls d'erba pasqué de la gesa,
quest'invernu s'amujeva smorbi al su d'avril,
spussà, giuin, sciur

Popul armà...

E burasch de taremot ràpid,
i camesasc, fruttaven in crosc dai strad,
tucch, tra i niul de l'urient,
vers i fum besinfi di cità,
e chi ànfen spetà

Tra 'l sugnàn e 'I tuajàn, de baltràm ma sveli,
ingualiven i cà, j òmm, el temp,
cureven medan di can, sgalìs e surbajant
ti, set, popul armà,
marasch che froll guttàven
sul tranfà surd di stipèrstit
a la luna góbba de l'invernu cruajent
medan d'un buff de mort
sul banfa de tucc, de tucc, de tucc,
de tra nel mund, sulient,
quaj càlis de giustissia.

Popul armà...

inviata da DoNQuijote82 - 28/12/2011 - 23:20



Lingua: Italiano

Versione italiana
Si squagliava l'inverno
l'inverno spoglio dei tigli scacciapensieri
coi cadaveri glicini fiondanti
sull'antro ombroso del viale dei nostri paesi
dai pali sonanti al filo delle orecchie
oh sangue ! bel sangue !
torcia uggiolante al vento
ferita della terra
agazzetti torsoli ai muri
nuvole che passano soffiate dal niente...!
Popolo armato, popolo di speranza!
nuvole che passano soffiate dal niente...
L'inverno nevicante dei nostri orti
le vecchiacce in ginocchio piangenti
sulle carcasse sventrate dei vitelli morbidi
quel secchiello d'inverno bruciante
oh occhi, ceffi scabbiosi
inestinguibili ciglia di pietà, ai guaiti dei mauser
al crepitare degli sten, i chiodacci sghiandanti
sul dolce d'erba sagrato della chiesa
quest'invento s'ammollava gaio e smorto al sole d'aprile
spossato, giovane, signore...? Popolo armato...? E, burrasche di terremoto rapide
gli scamiciati fiottavano a torme dalle strade
tocchi, tra le nuvole dell'Oriente
verso i fiumi rigonfi delle città
e qui ansimano aspettati
Tra il trasognato e il furbastro, da ingenui ma svegli
facevano uguali le case, gli uomini, il tempo
correvano come i cani, spavaldi e strillanti...i tu, sete, popolo armato
mareggiate che frolle gocciavano
sull'affanno sordo dei superstiti
alla luna gobba dell'inverno che si sgretolava
come un soffio di morte
sull'ansimare di tutti, di tutti, di tutti
per gettare nel inondo, ognuno in solitudine
un qualche calice di giustizia
Popolo armato...

inviata da DoNQuijote82 - 28/12/2011 - 23:26



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org