Lingua   

È proprio inutile

Pino Masi
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Quello che mai potranno fermare
(Pino Masi)
Progressio populorum
(Canzoniere Pisano)
Siamo al guinzaglio del capitale
(Canzoniere Pisano)


[1966?]
Testo trovato su Pino Masi. Quarant’anni di canzoni. Dal Canzioniere Pisano al Tribal Karma Ensemble



“Fu allora che, dai cortili delle Accademie delle Belle Arti (fin lì ben poco utilizzate), dalle soffitte dove dipingevi isolato in quarantena, dalle aule delle sedi universitarie, dalle misere stanze in affitto dove, separato, studiavi, dalle entusiasmanti - ma solo estive - escursioni in autostop (nelle culture di un’Europa vissuta solo ‘on the road’) e dalla assidua lettura dei coevi poeti e scrittori californiani, [fu allora che] la nostra deliziosa pratica, sostanzialmente innocua e socialmente indispensabile, dell'appena scoperto e universalmente diffuso 'love&peace' - gioiosa affermazione del diritto di tutti alla vita - dovette trovare - e fu così anche nell'Arte - altre forme (nella naturale nostra opposizione mondiale alla guerra, nel dissenso alla politica dei blocchi contrapposti e alla conseguente minaccia di sterminio atomico per tutti, nella protesta contro scuola autoritaria e fabbrica disumana) per poter sopravvivere - senza rinunciare ai sogni - all'attacco, concentrico, contro di noi, di forze oppostamente schierate in Parlamento (come i due opposti imperi allora padroni del mondo) ma ai nostri occhi, al nostro vivere, al nostro sentire e capire, entrambe nemiche e, per giunta, vomitevolissimevolmente incravattate e supponenti…” Pino Masi.


Non che sia cambiato molto da allora…
É proprio inutile
girare il mondo
cercando chi non c'è

Vai per le strade,
ti guardi attorno
ma ci sei solo tu

Bianche pareti di un mondo che muore
La gente grida intorno a noi
Dalle lenzuola di questo letto sento bisogna uscir!

Adesso so
che devo lottare
per la mia libertà

Perché domani
io possa guardare
dritto negli occhi tuoi

Bianche pareti di un mondo che muore
La gente grida intorno a noi
Dalle lenzuola di questo letto sento bisogna uscir!

Sì, adesso so
che devo lottare
per la mia libertà

Perché domani
io possa guardare
dritto negli occhi tuoi

Senza vergogna di me,
senza vergogna di me...

inviata da Bartleby - 31/8/2011 - 14:22



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org