Lingua   

4 maggio 1944 - In memoria

Gang


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Aprile
(Gang)
Lacrime del sole
(Gang)
An Rhein und Ruhr marschieren wir
(anonimo)


[2006]
Dal nuovo album dei Gang, Il seme e la speranza

Seme.


Album uscito e presentato il 1° giugno 2006; i testi sono già disponibili sul sito ufficiale.
Progetto realizzato grazie alla collaborazione della Regione Marche. Canzoni nuove, qualche rifacimento e collaborazioni con artisti incontrati durante gli ultimi anni. Lo spirito dell'album è quello della testimonianza storica delle radici contadine del nostro Paese.

Il 4 Maggio 1944 le orde nazifasciste (più di duemila aguzzini) assediarono la località di Sant’Angelo di Arcevia, o Monte Sant'Angelo, nella provincia di Ancona.
Uccisero barbaramente 63 persone, partigiani e civili. Fra questi i componenti della famiglia Mazzarini, una famiglia contadina che aveva offerto rifugio e riparo ai partigiani che operavano in quella località.


4 maggio 1945: commemorazione del 1° anniversario dell’eccidio di Sant’Angelo di Arcevia, a pochi giorni dalla Liberazione.
4 maggio 1945: commemorazione del 1° anniversario dell’eccidio di Sant’Angelo di Arcevia, a pochi giorni dalla Liberazione.


Gang
La rossa primavera
2011

rossaprimavera





“LA ROSSA PRIMAVERA”, il 13 album dei Gang, è un Cammino lungo i canti della Resistenza. Un Cammino che ripercorre le tracce piu’ significative e passa per la migliore canzone d’autore italiana ispirata dalla lotta contro il nazi-fascismo. Non potevano mancare le canzoni dei Gang
Ospiti i Ned Ludd, e dall’incontro con il loro spirito folkeggiante nasce un nuovo episodio che testimonia e ribadisce la scelta di stare ancora oggi dalla parte giusta, quella della Resistenza contro i nuovi e i vecchi fascismi.
Fischia il vento (tradizionale) - Dante Di Nanni (Stormy Six) - La brigata Garibaldi (tradizionale) - Su in collina (Francesco Guccini) - Poco di buono (Claudio Lolli) - La pianura dei sette fratelli (Gang) - Pane, giustizia e libertà (Massimo Priviero) - Tredici (Yo Yo Mundi) – E quei briganti neri (tradizionale) – Festa d'aprile (Franco Antonicelli) – 4 maggio 1944 - In memoria (Gang) - Eurialo e Niso (Gang e Massimo Bubola) - Pietà l'è morta (Nuto Revelli) - Aprile (Gang) - Le storie di ieri (Francesco De Gregori)

All'alba del 4 di Maggio
arrivarono le orde assassine
portavano croci uncinate
la feccia del terzo regime

Li guidavano i cani da guardia
la guardia dei repubblichini
in tanti più di duemila
duemila vili aguzzini

E all'alba quassù sopra il monte
Sant'Angelo s'era svegliato
quando aprirono il fuoco
e a calci le porte sfondarono

ed entrò così l'inferno
l'inferno qui sulla terra
l'inferno quello dei vivi
l'inferno che chiamano guerra

E pietà, pietà gridammo
fra le lacrime e i lamenti
prima gli alberi e le mura
poi noi cademmo innocenti

Mazzarini Maria presente
Mazzarini Lello presente
Mazzarini Marino presente
Mazzarini Pietro presente
Mazzarini Rosa presente
Mazzarini Santa presente
Mazzarini Palmina di anni sei
Presente

All'alba del 4 di Maggio
ci bucarono gli occhi e le mani
perché nostra colpa era quella
di esser fratelli dei partigiani

Ma il sangue nostro versato
è quello che inizia la terra
nell'ora della promessa
ora e sempre Resistenza

Mazzarini Maria presente
Mazzarini Lello presente
Mazzarini Marino presente
Mazzarini Pietro presente
Mazzarini Rosa presente
Mazzarini Santa presente
Mazzarini Palmina di anni sei
Presente

Era l'alba del 4 di Maggio
per sempre ne avremo memoria
perché è l'alba di un giorno
che fa nostra la storia

Perché mai più ritorni
l'inferno qui sulla terra
l'inferno quello dei vivi
l'inferno che si chiama guerra

Mazzarini Maria presente
Mazzarini Lello presente
Mazzarini Marino presente
Mazzarini Pietro presente
Mazzarini Rosa presente
Mazzarini Santa presente
Mazzarini Palmina di anni sei
Presente

inviata da Riccardo Venturi - 26/4/2006 - 12:00



Lingua: Francese

Version française de Riccardo Venturi
4 juin 2006

Le 4 mai 1944 les hordes nazi-fascistes (plus de deux milles assassins) mirent le siège devant le village de Sant’Angelo di Arcevia, ou Monte Sant’Angelo, dans la province italienne de Ancona. Ce fut un massacre d’innocents: 63 personnes, des partisans comme des civils, furent massacrées brutalement. Parmi les victimes du massacre, une entière famille de paysans, les Mazzarini, qui avaient offert réfuge et protection aux partisans qui opéraient dans les environs.
4 MAI 1944 – IN MEMORIAM

Le 4 mai à l’aube arrivèrent
les hordes des assassins.
Ils avaient des croix gammées,
la lie du troisième régime.

Les chiens de garde comme guides,
la garde des fascistes de Salò.
Ils étaient beaucoup, plus de deux mille,
deux mille vils bourreaux.

A l’aube, ici en haut
Sant’Angelo s’était réveillé
quand ils ouvrirent le feu
en defonçant les portes

Et ainsi l’enfer entra,
l’enfer ici sur terre,
l’enfer, mais celui des vivants,
l’enfer qu’on appelle guerre

Ayez pitié, pitié, nous criâmes
en larmes, en gémissant
d’abord les arbres et les murs,
puis nous tombâmes innocents.

Mazzarini Maria: Présente!
Mazzarini Nello: Présent!
Mazzarini Marino: Présent!
Mazzarini Pietro: Présent!
Mazzarini Rosa: Présente!
Mazzarini Santa: Présente!
Mazzarini Palmina, de six ans:
Présente!

Le 4 mai à l’aube
ils nous trouèrent les yeux et les mains
notre faute, c’était que nous étions
des frères pour les partisans.

Mais le sang que nous avons versé
c’est le sang qui féconde la terre
à l’heure de la promesse
Résistance maintenant et toujours

Mazzarini Maria: Présente!
Mazzarini Nello: Présent!
Mazzarini Marino: Présent!
Mazzarini Pietro: Présent!
Mazzarini Rosa: Présente!
Mazzarini Santa: Présente!
Mazzarini Palmina, de six ans:
Présente!

C’était le 4 mai à l’aube
nous garderons ce souvenir à jamais
car c’était l’aube d’un jour
qui nous rend notre histoire

Pour que ne revienne jamais
l’enfer ici sur terre
l’enfer, mais celui des vivants
l’enfer qu’on appelle guerre

Mazzarini Maria: Présente!
Mazzarini Nello: Présent!
Mazzarini Marino: Présent!
Mazzarini Pietro: Présent!
Mazzarini Rosa: Présente!
Mazzarini Santa: Présente!
Mazzarini Palmina, de six ans:
Présente!

4/6/2006 - 21:35


Grande canzone. Come sempre i Gang non si smentiscono mai.
Sempre così "Companeros"

Rosario - 3/10/2006 - 09:42


Ciao!
Sono di Arcevia e conosco molto bene la triste vicenda cantata dai Gang in questa commovente canzone, che apprezzo molto!
Voglio solo fare una precisazione: Arcevia è in provincia di Ancona e non di Pesaro e Urbino.
Grazie

Lilith Verdini - 26/2/2008 - 22:34


GRAZIE PER AVER COMMEMORATO I MIEI NONNI E I MIEI ZII MAI CONOSCIUTI. GRAZIE ANCORA.

attilio mazzarini - 4/11/2013 - 20:17


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org