Lingua   

Storia di Rosa

Nonò Salamone
Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Images
(Nina Simone)
L'orrore
(Marco Cantini)
‘N ciumi di genti
(Sciroccu)


[2000]
Testo e Musica di Nonò Salamone
Album: Rocca Calamita

005

La "Storia di Rosa", ispirata anch'essa a un fatto realmente accaduto, è un altro brano che riappare nell'ultimo CD di Nonò Salamone, "Focu Ardenti" (2008), prodotto da Navarra Editore, che raccoglie il meglio del repertorio dello storico cantastorie siciliano. L'album contiene 15 pezzi, tra cui Malarazza, Turiddu Carnivali e Ballata contro la mafia.
Rosa avìa quinnici anni, era figghia d'un dutturi
era beđđa veramenti e vulìa fari l'amuri..
Rosa 'un sapi cuntrullari li battuti di lu cori
e pi ıđđa 'un c'è cunfini: è nnuccènti lu so amuri
Li muntagni fannu arcova,
l'erba sicca la falzau
Rosa fici la so prova
senza lettu né linzola..
Ma la sorti nun l'ajuta, lu distinu ni fa abusu
picchì Rosa nni la panza... porta a spassu lu carusu.

Ma Rosa, Rosa, Rosa dunni vai?
O Rosa, Rosa, Rosa resta ccà !
O Rosa, Rosa, Rosa –Rosa, Rosa
ora lu to curùzzu s'arriposa..

So patri appena senti chistu fattu
ci dici: «'Un si cchiù degna di 'sta casa»
grapì la porta e poi ci duna un cauciu
la fa bulari menzu di la strata..
E Rosa scoppa versu la stazioni
scoppau cu tanti peni e tanti affanni
scoppau cu li spinuzzi nta lu cori
'un sapi ca l'aspetta un bruttu jornu..

Ma Rosa, Rosa, Rosa dunni vai?
O Rosa, Rosa, Rosa resta ccà !
O Rosa, Rosa, Rosa –Rosa, Rosa
ora lu to curùzzu si riposa..

Di lagrimi la facci si la vagna
'ncapu la testa ci havi 'na muntagna
e quannu arriva poi mmenzu a la negghia
si trova sula sula e nun travagghia..

E a ogni manu ca si ci prisenta
ıđđa s'aggrappa comu a 'na tinàgghia
'un appi mancu 'u tempu d'arrivari
ci dettiru p'affettu droga e pani

Ma Rosa, Rosa, Rosa dunni vai?
O Rosa, Rosa, Rosa resta ccà !
O Rosa, Rosa, Rosa –Rosa, Rosa
ora lu to curuzzu si riposa..

Ora la vita sua diventa amara
vinni l'amuri a cu è chı ci lu paga
e l'eroina è fonti di manciari
havi bisognu di tanti dinari.

E 'na matina fridda e chı chiuvìa
vinni truvata a menzu ad un pantanu
e nta bursetta 'na fotografia
cu so patri e so matri in primu pianu

Ora Rosa 'un sapi picchì ma nun è sula
so patri chianci e ci strinci la manu
ti castigau la mala furtuna
ca fusti figghia sulu in sepurtùra.

Ma Rosa, Rosa, Rosa dunni vai?
O Rosa, Rosa, Rosa resta ccà !
O Rosa, Rosa, Rosa –Rosa, Rosa
ora lu cori to s'arriposa.

Ma Rosa, Rosa, Rosa dunni vai?
O Rosa, Rosa, Rosa resta ccà !
O Rosa, Rosa, Rosa –Rosa, Rosa
ora lu to curuzzu si riposa..

inviata da giorgio - 25/6/2011 - 17:04



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org