Lingua   

A Colombia

Marta Contreras


Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

Se acabó
(Marta Contreras)
Che Guevara
(Marta Contreras)
Amigo
(Marta Contreras)


Testo: Nicolás Guillén
Musica: Marta Contreras
La canzone fa parte dell'album "Marta Contreras canta Nicolás Guillén" pubblicato in Italia nel 1977.
Marta Contreras canta Nicolás Guillén

Bellissima poesia dedicata alla Colombia, oppressa da una feroce dittatura. La strofa fra parentesi quadre non è inserita nella canzone, che, per il resto, è assolutamente fedele al testo originale.
¡Oh Colombia prisionera,
orquídea puesta en un vaso,
trino a trino, paso a paso
te alcanza la primavera!
Con guadaña de luz fiera
la muerte el pecho te daña,
mas aunque con su guadaña
te daña el pecho la muerte,
pura te alzas, madre fuerte,
de la sangre en que te baña.

Las aguas del Magdalena
revueltas al mar bajando,
van, Colombia, publicando
cómo es de amarga tu pena.
En la gran noche serena
te retuerces y suspiras
mas aunque rajada miras
a puñal tu carne dura,
te alzas fuerte, madre pura,
del infierno en que deliras.

La fina frente arrogante
al yugo te unció el verdugo;
resplandece bajo el yugo
tu frente como un diamante.
Con aletear incesante
crueles te rondan las horas,
mas aunque triste demoras
puliendo una roca viva,
fiera te alzas, madre altiva,
de la cárcel en que lloras.

[Desde la arena que arde
bajo un sol de hambrienta llama,
hasta donde el Tequendama
llena de sueños la tarde,
un mismo buitre cobarde
multiplica el sucio vuelo,
mas aunque nocturno velo
tu faz cubre todavía,
bella te alzas, madre mía,
entre los Andes y el cielo.]

Rompe valladar y muro
tu furor no detenido
y es un torrente encendido
sobre el matorral oscuro.
Del pueblo el ímpetu puro
la aurora prende en tu ocaso;
trino a trino, paso a paso
te alcanza la primavera...
¡Oh Colombia prisionera,
orquídea puesta en un vaso!

inviata da Maria Cristina Costantini - 7/6/2011 - 22:12



Lingua: Italiano

Versione italiana di Maria Cristina Costantini.
E' una traduzione assolutamente inadeguata, ma spero che lasci trasparire almeno una minima parte della bellezza della scrittura originaria.
Alla Colombia

Oh Colombia prigioniera
orchidea costretta in un vaso,
trillo a trillo, passo a passo
ti raggiunge la primavera!
Con una falce di luce fiera
la morte il petto ti ferisce
ma anche se con la sua falce
ti ferisce il petto la morte,
pura ti innalzi, madre forte
dal sangue che ti bagna.

Le acque del Magdalena,
che scendono turbinose al mare
rivelano, Colombia,
quant'è amara la tua pena.
Nella grande notte serena
ti contorci e sospiri,
ma anche se vedi lacerata
da un pugnale la tua carne dura,
fiera ti innalzi, madre pura,
dall'inferno in cui deliri.

Sulla bella fronte superba
un giogo impose il carnefice,
risplende sotto il giogo
la tua fronte come un diamante.
Con battito d'ali incessante
crudeli ti circondano le ore,
ma anche se triste indugi
levigando una roccia viva,
fiera ti innalzi madre altera
dalla prigione in cui piangi.

[Dalla sabbia ardente
sotto un sole di bramosa fiamma,
fin dove il Tequendama
popola la sera di sogni,
uno stesso vile avvoltoio
moltiplica l'osceno volo,
ma anche se un notturno velo
copre ancora il tuo volto,
bella ti innalzi, madre mia,
tra le Ande e il cielo].

Spezza recinti e mura
il tuo furore non più trattenuto
ed è un torrente in fiamme
sulla boscaglia oscura.
Del popolo l'impeto puro
accende l'aurora nel tuo tramonto;
trillo a trillo, passo a passo,
ti raggiunge la primavera...
Oh Colombia prigioniera,
orchidea costretta in un vaso!

inviata da Maria Cristina Costantini - 8/6/2011 - 13:44



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org