Lingua   

Fuel

Ani DiFranco


Lingua: Inglese

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Sing Me Back Home
(Merle Haggard)
Il condannato
(Herbert Pagani)
My Name Is Lisa Kalvelage
(Pete Seeger)


da "Little Plastic Castle" (1999)

Ani DiFranco.
Ani DiFranco.


"L’ho scritta ispirandomi a un fatto reale. A Downtown Manhattan stavano scavando delle fondamenta e hanno trovato un cimitero di schiavi. La cosa mi ha impressionato: non dobbiamo scordare la nostra storia, dobbiamo essere coscienti di cosa è venuto prima di noi. Quando ho scritto il pezzo mi chiedevo cosa avrebbero pensato quei poveretti del cimitero della nostra società, della falsità dell’industria musicale... Oggi non c’è più la schiavitù, ma in compenso abbiamo la pena di morte, che è molto razzista, perché a morire alla fine sono soprattutto i neri e i messicani. Dai tempi della schiavitù sono cambiate molte cose, i grattacieli sono più alti, ma sotto sotto è lo stesso."
(Ani DiFranco)

Lo so, forse non è propriamente una canzone contro la guerra, ma è una descrizione secondo me efficacissima di una società statunitense (ma potremmo dire occidentale) in cui la guerra è solo un inevitabile corollario. E poi è una canzone fantastica!
(Lorenzo Masetti)
They were digging a new foundation in Manhattan
and they discovered a slave cemetery there
may their souls rest easy now that lynching is frowned upon
and we've moved on to the electric chair

and i wonder who's gonna be president
tweedle dumb or tweedle dumber?
and who's gonna have the big
blockbuster box office
this summer
how 'bout we put up a wall
between the houses and the highway
and then you can go your way
and i can go my way

except all the radios agree with all the t.v.'s
and the magazines agree with all the radios
and i keep hearing that same damn song
everywhere i go
maybe i should put a bucket over my head
and a marshmallow in each ear
and stumble around for another dumb numb week
for another hum drum hit song to appear

people used to make records
as in a record of an event
the event of people
playing music in a room
now everything is cross-marketing
it's about sunglasses and shoes
or guns or drugs
you choose

we got it rehashed
we got it half-assed
we're digging up all the graves
and we're spitting on the past
and we can choose between the colors
of the lipstick on the whores
'cuz we know the difference
between the font of twenty percent more
and the font of teriyaki
you tell me
how does it make you feel?
you tell me what's real

they say that alcoholics are always alcoholics
even when they're as dry as my lips for years
even when they're stranded on a small desert island
with no place in two thousand miles to buy beer
and i wonder is he different
is he different
has he changed
what he's about
or is he just a liar
with nothing to lie about

am i headed for the same brick wall
is there anything i can do
about anything at all
except go back to that corner in manhattan
and dig deeper
dig deeper this time
down beneath the impossible pain of our history
beneath unknown bones
beneath the bedrock of the mystery
beneath the sewage system and the path train
beneath the cobblestones and the water main
beneath the traffic of friendships and street deals
beneath the screeching of kamikaze cab wheels
beneath everything i can think of to think about
beneath it all
beneath all get out
beneath the good and the kind and the stupid and the cruel
there's a fire that's just waiting for fuel

17/4/2006 - 22:20



Lingua: Italiano

Versione italiana di Lorenzo Masetti
17 aprile 2006
BENZINA

Stavano scavando delle nuove fondamenta a Manhattan
Ed hanno scoperto un cimitero di schiavi
Possano le loro anime riposare in pace
Ora che il linciaggio è considerato una barbarie
E siamo passati alla sedia elettrica

E mi chiedo chi diventerà presidente?
scemo o più scemo?
E quale sarà il grande successo al botteghino quest'estate?
Che ne dici di costruire un muro tra le case e l'autostrada
Così tu puoi andare per la tua strada e io per la mia

Solo che tutte le radio sono d'accordo con tutte le TV
E le riviste son d'accordo con tutte le radio
E io continuo a sentire la stessa cazzo di canzone dovunque vada
Forse dovrei mettere la testa nel secchio
e una caramella in ogni orecchio
e trascinarmi barcollando
Aspettando in silenzio che arrivi il prossimo tormentone

La gente una volta incideva i dischi
come la registrazione di un evento
l'evento di persone che suonano musica in una stanza
Adesso è tutto strategia di marketing
sugli occhiali e le scarpe
e le pistole e le droghe
che scegli

Siamo rimaneggiati
Siamo instupiditi
Stiamo scavando tutte le tombe
e sputiamo sul passato
E puoi scegliere i colori
dei rossetti sulle puttane
Perché sappiamo la differenza tra
Le lettere in caratteri più grandi del 20%
e i caratteri tipo teriyaki
Mi dici
Come ti fa sentire
Mi dici
Cos'è reale?

Dicono che gli alcolizzati sono sempre alcolizzati
Anche quando sono asciutti come le mie labbra per anni
Anche quando sono naufragati in una piccola isola deserta
senza neanche un posto dove comprarsi una birra nel raggio di duemila miglia
E mi chiedo
è diverso?
è diverso?
è cambiato? lui è riuscito a cambiare?
O è solo un bugiardo senza niente su cui mentire?

Sono diretta verso lo stesso muro di mattoni
C'è qualcosa che posso fare
qualsiasi cosa?
Se non tornare indietro a quell'angolo a Manhattan
E scavare più a fondo, scavare più a fondo stavolta
Giù sotto l'impossibile dolore della nostra storia
Sotto ossa sconosciute
Sotto le fondamenta dell'enigma
Sotto i tombini e le fognature
Sotto i ciottoli e le condutture dell'acqua
Sotto il traffico di amicizie e di affari per strada
Sotto lo stridere delle ruote di taxi kamikaze
Sotto tutto ciò che posso pensare di pensare
Sotto tutto questo, sotto tutto ciò che è stato tirato fuori
Sotto il buono e il gentile e lo stupido ed il crudele
C'è un fuoco che aspetta solo la benzina

17/4/2006 - 23:38


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org