Lingua   

Quando li toccano

Riccardo Venturi
Lingua: Italiano

Mostra / nascondi la lista delle versioni


Ti può interessare anche...

Χτες στην Οδό Αβέρωφ
(Riccardo Venturi)
Luoghi comuni (Una cantata irrisolta)
(Riccardo Venturi)
Dalla penultima galleria
(Riccardo Venturi)


"Orazione civile", 2011



Pochi giorni fa, in Toscana, è accaduto un episodio che ha provocato una specie di sollevazione tra "istituzioni", mass media, politicanti e quant'altro. Durante un normale controllo etilometrico in provincia di Grosseto, nei pressi del luogo dove si stava svolgendo un rave party, una pattuglia di carabinieri ha fermato un'automobile guidata da un ragazzo diciannovenne, con a bordo altri tre ragazzi e una ragazza (minorenni). Essendo stato trovato il conducente non in regola con il tasso alcoolico, la pattuglia stava procendendo al sequestro dell'autovettura e al ritiro della patente; senonché, i due carabinieri sono stati invece presi a randellate dai cinque ragazzi, e che randellate. I cinque hanno divelto i pesantissimi paletti di una recinzione, e hanno colpito i tutori dell'ordine. Uno è finito in coma, e l'altro rischia di perdere un occhio.

Questo episodio, e vorrei dirlo chiaramente, non mi piace. Così come, subito dopo, non mi sono affatto piaciute le reazioni di sindaci, presidenti di regione, giornalisti e altre figure che si sono lanciati in una gara di forcaiolismo assolutamente disgustosa, scordandosi "forse" di tanti e tanti episodi -messi regolarmente a tacere e, anzi, giustificati- nei quali le "forze dell'ordine" hanno compiuto crimini anche ben peggiori; siamo del resto il bel paese di Genova 2001. Non mi piace che ad un ragazzo di 19 anni, sia pure colpevole di un episodio francamente stupido e gratuito, sia affibbiata la patente di "boss", quando i veri boss circolano indisturbati e persino fanno i presidenti del consiglio. Non mi piace che dei rappresentanti di istituzioni si accodino ad un linciaggio, quando in occasione di episodi gravissimi che hanno visto come protagonisti dei poliziotti o dei carabinieri tacciono o giustificano a priori. Non mi piace che si faccia leva sui "sentimenti" mostrando le famiglie dei carabinieri colpiti, quando alle famiglie di chi è stato colpito da loro non è concessa neppure una lacrima. Non mi piace l'ipocrisia di questo paese diviso tra vittime di serie A e vittime di serie B.

E allora mi sono, un paio di notti fa, messo a scrivere questa cosa, in una forma che non mi è consueta. Una sorta di "orazione civile", senza per questo dare a tale espressione alcuna valenza definitiva. Non è una cosa, ovviamente, fatta affinché tutti siano d'accordo; tutt'altro. Espone però dei fatti che devono essere conosciuti prima di lanciarsi in richieste di forche, di fucilazioni sul posto, di torture, di "certezze della pena". Espone anche un bisogno elementare: quello di opporsi non soltanto alle ipocrisie e alle impunità, ma anche e soprattutto ai controlli sempre più oppressivi che dobbiamo subire nella nostra quotidianità. Si è "ubriachi alla guida" bevendo mezzo bicchiere in più di vino, si rischiano anni di galera per due grammi di marijuana. E le telecamere (presentate come "telecamere amiche", quando invece sarebbe bene ricordare che sono sempre nemiche); e la "sicurezza" che ci sta uccidendo rapidamente. Un episodio stupido, quello di Grosseto, certo; ma che cavolo gliene dovrebbe importare a due tizi, per uno stipendio mensile, di fermare cinque ragazzi che vanno a una festa, anche se magari sono un po' "allegri" per un po' di alcool e una canna? Ma credete davvero, sinceramente, che cose del genere provochino più incidenti mortali? Quel che è veramente mortale è il securitarismo. Quel che è veramente mortale è la repressione di ogni minima libertà. Al "rave party" cui stavano andando i ragazzi (ovviamente demonizzato) non è successo niente; l'unica cosa che è successa è stata a causa di un inutile "controllo", probabilmente casuale. Una cosa che non avrebbe aggiunto niente allo stipendio dei Signori Signorsì.

L' "orazione" è stata dapprima pubblicata sul mio blog, senza nessun commento; le CCG mi offrono la possibilità di ampliare un po' più il tema. A mo' di conclusione, vorrei riportare anche il commento che Elisabetta P. ha voluto fare su Femminismo a Sud, perché mi sembra che abbia centrato la cosa particolarmente bene:

I sadici e gli stressati

"Stavo rileggendo questo link di Riccardo Venturi e questi sono i pensieri che mi ha stimolato:

Insomma, la vigliaccheria e il sadismo dei quattro ragazzi che hanno massacrato dei carabinieri mentre facevano il loro “dovere” provoca ovviamente tanta repulsione. E se non la provoca il fatto in sé la fanno comunque provare i giornalisti con la loro retorica e i paroloni ad effetto.

Mentre quando si parla di uomini, operai o carabinieri o avvocati che siano, che uccidono a coltellate la moglie mentre sta di schiena a preparare la colazione per tutta la famigliola, o donne strangolate nel sonno tra le lenzuola ancora calde di un letto che dovrebbe essere luogo intimo e sicuro, magari davanti ai bambini, si sta ben attenti a riservare loro un trattamento di favore: erano stressati, erano gelosi, lei aveva una doppia vita, lei aveva l’amante, lui era stato licenziato, e tante chiacchiere giustificatorie.

Raramente leggo di crudeltà, vigliaccheria o sadismo quando si parla di uomini che massacrano le donne. Oppure di medici e di poliziotti che picchiano e poi fanno morire un ragazzo fermato per un po’ di droga. Raramente leggo di un padre che si rifiuta di incontrare in carcere il figliolo che ha fatto fuori la moglie.

Non si è vigliacchi quando si approfitta e si abusa del proprio potere, della propria posizione di vantaggio e di controllo, per arrecare sofferenza e perpetrare veri e propri crimini?

Non si è vigliacchi quando si stupra in gruppo o con una pistola puntata addosso alla vittima?

Non si è sadici quando si affonda un coltello nella carne? O per forza bisogna usare un paletto da recinzione per ottenere questa medaglia al disvalore?

La lucidità che il magistrato ha riconosciuto nel ragazzo toscano è puntualmente offuscata da gelosia/stress/passione/amore/sospetto di un tradimento, quando invece si tratta di uomini che sterminano le famiglie?"

Questa pagina mi permette anche di inserire delle note intese per una migliore comprensione di alcuni fatti presentati nel testo. [RV]
Quando li toccano.

Quando li toccano, coi loro etilometri,
con le loro usuali famigliuole (che a volte sterminano),
quando li toccano coi loro controlli
che potrebbero benissimo fare a meno di fare.

Quando li toccano coi loro giornali,
coi loro sindaci, coi loro parlamenti,
coi loro portatori di forche,
con quelli che "ma perché non hanno sparato"
quando li toccano coi loro giri di vite,
quando li toccano coi loro doveri,
quando li toccano con le loro regole,
con le loro certezze della pena
con i loro "devono pagare",
con le loro crocifissioni già pronte
con le loro interviste ai poveri genitori
con le loro bave
con i loro pesi e le loro misure,
quando li toccano.

E allora paginate, e titoli, e spiegazioni
e teletutto, e solidarietà, e penedimorte
che farebbero impallidire lo squartamento di Damiens. *1
Perché tutta la legge e l'ordine che invocano
stanno producendo soltanto più disordine.
Tamburi, grancasse, orchestre,
quando li toccano.

Dicono che fanno un mestiere pericoloso
ma non mi risulta che ne muoiano a migliaia ogni anno
come gli operai edili, come i vuotatori
di cisterne, come i manovratori di macchinari,
come qualsiasi altro lavoratore;
dicono che fanno un mestiere pericoloso,
che è quello di portare dentro
persone che nelle galere muoiono ben più di loro.
Lo sapranno, le loro mogli, i loro genitori,
i loro figli, quando li toccano?

E quando toccano loro.

Italiano, carabiniere, accusato di avere ucciso la moglie.
Baricella, 2 aprile, una donna di 35 anni.
Il marito, appuntato dei carabinieri.
Tre carabinieri e un vigile,
accusati di stupro.
Italiano, ex carabiniere, aveva già ucciso la compagna;
esce dal carcere e commette di nuovo violenza.
Ex carabiniere, Quartu Sant'Elena, Sardegna:
uccide l'ex suocera, ferisce l'ex moglie,
uccide il nuovo compagno della sua moglie, famigliuola, figli, dovere.
Questo soltanto nel 2011,
come leggo da Bollettino di Guerra.
Nessun sindaco.
Nessun articolista di giornali di regime.
Nessun presidente di consiglio, regione, quartiere, bocciofila.
Nessun "rave party".
Carabiniere, arriva a casa, sorprende la figlia
tredicenne, una bambina, su "Facebook"; le spara alla nuca,
lei morta, ferita la sorellina quindicenne. *2
Due righe.
Era stressato.
E lo stress, si sa, uccide.
Due righe se va bene.
Il "riserbo".
Bisogna capirlo, poveretto.
Tutti i giorni in mezzo agli etilometri,
0,57%, ritirare patenti, sequestrare,
arrestare.
O trascinare in un furgone Franca Rame *3.

Sorin Calin, rumeno, anni ventiquattro,
arrestato a Montecatini Terme per aggressione alla fidanzata,
massacrato in caserma dai carabinieri,
ventuno ottobre duemilanove. *4
Controlli, controlli, controlli! Sicurezza!
Rovereto.
Stefano Frapporti viene fermato a un semaforo
da due carabinieri in borghese:
era passato col rosso, in bicicletta.
Lo picchiano, lo trascinano in caserma,
lo portano in cella senza permettergli nessun contatto
né con la famiglia, né con l'avvocato;
la mattina dopo Stefano Frapporti lo trovano impiccato in cella,
quarantotto anni, la mia stessa età,
impiccato in cella. *5
Si chiamava Tarzan, Tarzan per davvero,
Tarzan Sulic, undici anni, piccolo nomade,
Ponte di Brenta, 24 settembre 1993.
Fermato per due piccoli furti
assieme alla cuginetta, Mira Djuric, tredici anni.
In caserma, botte, schiaffi
e poi a un carabiniere spunta la pistola,
quella che sui giornali giornaloni giornaletti
ora invocano a gran voce.
Tarzan Sulic, undici anni, morto sul colpo.
Mira Djuric, tredici anni, ferita gravemente.
La "certezza della pena":
il carabiniere assassino di bambini
e il comandante della caserma di Ponte di Brenta
vengono allontanati. *6
Nessun presidente di regione per loro.
Anzi, il presidente di una regione
si fa ricattare da dei carabinieri delinquenti
che lo hanno incastrato
nei suoi vizi privati
(corrispondenti naturalmente alle pubbliche virtù). *7

Pochi nomi e pochi fatti,
quelli sopra.
Li conoscevate?
Ne sentite parlare, di quando toccano?
Li avete visti i paginoni sui giornali?
E si osservi:
mi sono guardato bene, finora, dal nominare
genove e placaniche,
macellerie e estintori,
delorenzi e colpi di stato *8,
e gli obbedienti servitori delle leggi speciali,
padri di finti moralprogressisti
e di feroci conduttrici di trasmissioni false,
quelle coi giudici integerrimi in pensione. *9

Oh come ama i servi dello stato questo paese!
Il maresciallo Rocca, e addirittura
il tenente Riccardo Venturi. *10
Ama Salvo d'Acquisto
e magari ama anche i carabinieri di Salò,
e quelli collusi con la 'Ndrangheta
(Fiscarelli, Policano, Venuto i loro nomi)
e magari li ama ancora di più
quando una banda di ragazzini stracotti
strafatti stratutto li piglia
a randellate una serata qualsiasi
guadagnandosi l'odio perpetuo
di una nazione ricca di umanità e di virtù
com'è attualmente la Centocinquantànnia
unitissima e coi tricolori alle finestre
(peraltro già preda dello smog e dei piccioni).

Stigmatizzazioni,
quando li toccano.
Quando li toccano
s'aprano forche e segrete,
si compri la "Nazione",
e si osanni il Sindaco del Bello *11
che afferma: "Devono pagare".
Pagheranno carissimo un quarto d'ora di follia,
ma non ha pagato un bel nulla
il carabiniere ausiliario Francesco Tramontani,
braccio poggiato su un'auto per prendere meglio la mira
e poi una serie di colpi esplosi in rapida successione.
Bologna, undici marzo 1977.
Muore Francesco Lorusso
mentre sta scappando senz'armi.
La certezza della pena di Tramontani:
viene arrestato mesi dopo,
si fa un mese e mezzo di galera
e poi
processato
viene prosciolto
per aver fatto
"uso legittimo delle armi".
Quando toccano loro.

Dovrò terminare, ora.
Non provo alcuna simpatia per delle teste vuote
e per le loro feste, per i loro "sballi";
forse neppure sono in grado di capirli,
o non me ne importa nulla di capirli
e sono sempre più felice
di non avere avuto figli
perlomeno a me noti.

Vivo la mia vita coi miei amori e coi miei odi,
e con le mie indifferenze,
e con le mie paure e le mie vigliaccherie
e con i miei segreti e le mie sigarette spente a metà.
Ma di fronte all'ipocrisia merdosa
io mi ribello.
E non ho nessun timore
né pudore
nel dirlo.
Nessuna intenzione di santificare
le cretinate immonde che profferì San Pierpaolo. *12

Mi auguro che quelle persone
vivano e guariscano
perché non desidero rinunciare a quella
che ritengo una necessaria umanità,
ma non era loro "dovere"
perché il dovere è l'arma più tremenda
inventata per renderci tutti schiavi.
Non devono niente.
Che se ne rendano conto.
E ci risparmino le lacrime delle loro madri
perché le lacrime delle madri
di coloro che
sono caduti per mano loro
non le abbiamo mai viste,
non le vediamo
e non le vedremo mai.
Non sono "vittime del dovere", quelle;
l'unica cosa che intendevano dovere era dover vivere
e anche dovere sbagliare.
E hanno dovuto pagare spesso con la vita
il male fatto in un'ora
o in un quarto d'ora.
Come diceva un genovese
morto. *13

E a te, articolista, opinionista, istituzionista,
politichista,
auguro di cuore
che un giorno ti bussino alla porta
e traggano via tuo figlio.
Che vengano da te i tuoi colleghi
e che ti mostri piangente e esterrefatto
e che tu dica loro:
"è un bravo ragazzo...è sempre stato tranquillo..."
Ti auguro che te lo facciano ritrovare
tumefatto
picchiato a sangue durante il fermo,
e magari, perché no, morto.
Deve toccare soltanto al figlio di un qualsiasi signor Cucchi,
o al figlio di una qualsiasi signora Lonzi?
Deve toccare soltanto al tifoso della Lazio
puntato mentre dormiva in macchina?
Si vedrebbe allora
quante "certezze della pena" invocheresti,
quante forche, quanti pagamenti,
quanti sdegni.
Si vedrebbe allora il prezzo vero
del tuo sporco stipendio di mercenario.
Quando te lo toccassero.

E ti auguro di cominciare la trafila del "perdono",
obbligatorio in questo paese cattolico di merda
che Cristo stesso schiferebbe.
E ti auguro soprattutto che tuo figlio, invece,
se ne vada via, vivo, bello
e diverso
e senza nessuna divisa,
senza nessun'arma,
senza nessun "comandi"
perché nessuno deve
obbedire.
NOTE AL TESTO


[*1] Il 28 marzo 1757 Robert François Damiens, che il 5 gennaio dello stesso anno aveva tentato di accoltellare il Re Luigi XV provocandogli poco più di un graffio, fu sottoposto ad un terribile supplizio: prima fu squarciato, poi nelle ferite gli furono versate pece ardente e piombo fuso. Infine fu legato con gli arti a dei cavalli in corsa e squartato (l' écartèlement che era la pena prevista per i regicidi sotto l'Ancien Régime). Una leggenda narra che, quando gli fu letto il dispositivo della sentenza prima del supplizio, dispositivo che elencava minuziosamente tutte le atrocità che avrebbe dovuto subire, commentò: "La journée sera rude" ("Sarà una dura giornata").



[*2] Episodio avvenuto a Subiaco (Roma) il 6 novembre 2010. Si veda questo articolo del “Messaggero”.

[*3] Il 9 marzo 1973, l'attrice Franca Rame, moglie del Premio Nobel per la letteratura Dario Fo, fu sequestrata, trascinata in un furgone e stuprata da alcuni elementi legati all'estrema destra e al traffico d'armi; tra di loro si sospetta vi fossero anche alcuni esponenti delle "forze dell'ordine". La stessa Rame ricordò questo episodio in un drammatico monologo teatrale:



[*4] Si veda questo articolo da Reti Invisibili

[*5] Alla vicenda e alla morte di Stefano Frapporti è dedicato un intero blog: Cos'è successo a Stefano Frapporti?



[*6] Sul caso del piccolo Tarzan Sulic, si veda questo bell'articolo da Polvere da Sparo


[*7] Il riferimento è ovviamente al caso di Piero Marrazzo, l'ex presidente della Regione Lazio tutto casa e famiglia, ma sorpreso a frequentare transessuali (uno dei quali ucciso misteriosamente) e “incastrato” da alcuni carabinieri che lo ricattavano.

[*8] Il generale dei carabinieri Giovanni De Lorenzo, monarchico e massone, comandante generale dell'Arma, aveva organizzato per il luglio del 1964 un colpo di stato fascista in Italia con la probabile complicità del presidente della Repubblica, Antonio Segni.



[*9] Il generale dei carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa (1920-1982), principale esecutore delle “Leggi Speciali” che, negli anni '70, sospesero di fatto la democrazia in Italia nel nome della lotta al terrorismo (quasi esclusivamente di sinistra). Fu poi prefetto di Palermo, e ucciso dalla mafia il 3 settembre 1982 in via Carini assieme alla seconda moglie. Dei suoi figli, Nando Dalla Chiesa fa il giornalista tutto “legalità”, con posizioni considerate “progressiste”; Rita Dalla Chiesa è invece una conduttrice televisiva di Mediaset, nota per il programma “Forum” dove si presentano -davanti a giudici in pensione- casi giuridici di “persone qualsiasi” -in realtà attori pagati per interpretare delle figure comuni. Recentemente ha destato scalpore il caso di una tizia beccata a fare propaganda pro-Berlusconi, durante una puntata di “Forum”, insultando i terremotati dell'Aquila.

[*10] Il protagonista di una “fiction” incentrata su un tenente dei RIS (la “scientifica” dei Carabinieri) che si chiama esattamente come il sottoscritto: Riccardo Venturi. E' interpretato dall'attore Lorenzo Flaherty. Sicuramente assai più bellino di me, però io mi guardo bene dal fare lo sbirro, sia pure televisivo.

[*11] Il sindaco di Firenze, il supermediatico Matteo Renzi. Riguardo all'episodio di Grosseto ha dichiarato immediatamente che “i cinque ragazzi devono pagare tutto”. Non lo si è sentito però dichiarare alcunché riguardo allo scempio edilizio e affaristico compiuto nella piana fiorentina con la costruzione di una enorme e inutile scuola per marescialli di carabinieri (con il relativo scandalo all'italiana, va da sé).

[*12] Il riferimento è ai famosi versi di una poesia di Pier Paolo Pasolini dove, commentando i fatti di Valle Giulia del 1° marzo 1968 (il primo caso di scontri tra il Movimento Studentesco e le forze dell'ordine, con queste ultime che dovettero arretrare), dichiarò di “essere dalla parte della polizia e dei carabinieri, perché sono figli del popolo”. Parole poi ripetute anche da Gianfranco Fini nel luglio 2001, in “cabina di regia” durante i fatti del G8 di Genova. Nonostante le successive rettifiche di Pasolini, continuo a ritenere che si trattasse di idiozie, e che idiozie restino ancora oggi. Non ritengo neppure che Pasolini si sia limitato a queste, a costo di essere considerato uno smitizzatore o addirittura un iconoclasta

[*13] Fabrizio de André, nella Ballata degli impiccati.

30/4/2011 - 22:49




PER IL GRAVE ET ATROCE DELITTO COMMESSO DA DIVERSI SBIRRI LI 15
FEBBR. 1722 CONTRO ALCUNI SCOLARI NELL'INTERNO DI QUESTA ABITAZIONE,
FURONO DALL'ECCELSO CONSIGLIO DI X A 24 SETTEMBRE 1723 TUTTI LI
SBIRRI REI AL NUMERO DI 12 À MISURA DELLE LORO DIFFERENTI RILEVATE
COLPE CONDANNATI RESPETTIVAMENTE AL PATIBOLO DELLA FORCA ALLA
GALERA, ET ALL'OSCURO CARCERE, À TEMPO ET IN VITA CON STRETTISSIME
CONDIZIONI. IL CHE RESTI À PERPETUA MEMORIA E DELLA PUBBLICA
GIUSTIZIA, E DELLA PUBBLICA COSTANTE PROTEZIONE VERSO LA
PREDILETTA INSIGNE UNIVERSITÀ DELLO STUDIO DI PADOVA.

l'episodio completo

Dq82 - 24/12/2016 - 09:18



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org