Lingua   

Più di mille giovedì [Canzone per chi non c'era]

Andrea Melis
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

El cóndor vuelve
(Mercedes Sosa)
Una salida
(Jahmila)
María Pilar
(Teresa Parodi)


Senza grida arrivano lente
dalle lacrime non sembrano tante
ma dagli occhi diresti un milione
è la forza di chi c'ha ragione

Per terra uno zero che non conta niente
ma resti lontano dal cerchio, sergente!
unite dall'odio per le nostre divise
temibili, forti, vincenti e derise

arriveranno fin qui
coi mille e più Giovedì
e i loro circoli in terra
bianco cammino di guerra

Un fazzoletto alla testa
altro che mille bandiere…
non riusciremo a fermare i ricordi, sergente
perché non hanno frontiere

- e allora cosa facciamo?

ciechi sordi e muti staremo
non si dirà proprio niente…
mi ha capito sergente?
né sulle loro memorie
né sulle macabre storie...
...poi l'avviserò io.

- ma potrei giurar che non c'ero e se c'ero dormivo e dormiva anche Dio!

Io le credo, davvero, sergente
un po' meno mi fido di Dio
ma rimane la storia del cerchio
e la gente col suo borbottio…

Si sussurra di monache sante
di un aereo e di morte volante
pare abbiano prove del salto…

Le ha mai viste sfilare dall'alto?
Sembra proprio un vecchissimo ballo
od un lento e lugubre giglio,

le vedesse sergente che guaio:

petali bianchi che piangono un figlio.

- ma ti giuro figliuolo non c'ero, ho l'anima linda che niente la sporca
ero ricco potente ma poi la sfortuna… e ora vogliono me sulla forca?


Si figuri che io neanche esistevo, sergente!
E la fortuna per noi nasce morta:
siamo in tanti a vent'anni lavando via merda
dalla nostra bandiera già sporca.

Ma arriveranno fin qui
coi mille e più Giovedì
e i loro circoli in terra
bianco cammino di guerra

Un fazzoletto alla testa
altro che mille bandiere…
non riusciremo a fermarle, sergente
perché non hanno frontiere.

inviata da Adriana - 16/3/2006 - 21:46



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org