Lingua   

Bells of Rhymney

Pete Seeger


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Watercress-O
(The Young Tradition)
La Guerre de Cent mille ans
(Marco Valdo M.I.)
We Shall Overcome
(Pete Seeger)


[1938]
Scritta dal poeta gallese Idris Davies (1905-1953).
Musica di Pete Seeger dall’album dal vivo “Pete Seeger and Sonny Terry”, 1958.
Celeberrima anche la versione dei Byrds dall’album di debutto “Mr. Tambourine Man” del 1965.


Tyldesley, Manchester - Minatori davanti alla Miners Hall durante lo sciopero generale del 1926
Tyldesley, Manchester - Minatori davanti alla Miners Hall durante lo sciopero generale del 1926

Idris Davies scrisse “Bells of Rhymney” sul modello della canzone infantile settecentesca "Oranges and Lemons" ma il tema trattatovi non era per nulla leggero.
Nel 1926 i minatori inglesi entrarono in sciopero contro le riduzioni salariali preannunciate dalla compagnie come risposta alla crisi che aveva investito il settore, causata dai contraccolpi e dagli assestamenti del mercato successivi alla iperproduzione del periodo bellico. Il governo conservatore guidato da Stanley Baldwin sembrò in un primo momento voler intervenire in favore dei lavoratori ma in realtà i temporanei sussidi erogati servirono soltanto a far prendere tempo alle compagnie. Sebbene alcuni anni prima una commissione governativa avesse addirittura consigliato la nazionalizzazione de settore minerario, il governo Baldwin, dopo aver illuso i lavoratori, decretò che per salvare profitti ed investimenti i salari dovevano essere ridotti in media del 13,5%. I padroni non se lo fecero dire due volte e tagliarono le retribuzioni dal 10 fino al 25%, minacciando serrate se i sindacati si fossero opposti…
Il 3 maggio 1926 iniziò lo sciopero generale. Vi furono coinvolti più di 1 milione e mezzo di lavoratori, insieme ai minatori quelli dei trasporti, della stampa, i portuali e i metallurgici. In tutta risposta il governo formò una milizia, una polizia speciale per il mantenimento dell’ordine dalla quale furono tuttavia tenuti fuori elementi dell’estrema destra, per evitare scontri. I fascisti però organizzarono una propria milizia anti-sciopero agli ordini di Rotha Lintorn-Orman, pioniere del fascismo britannico. La milizia governativa e l’esercito cominciarono a proteggere quelli che volevano riprendere il lavoro ed i crumiri. Poi il governo convinse alcune sigle sindacali dell’illiceità dello sciopero e minacciò azioni legali ed il sequestro dei beni delle organizzazioni, così il fronte sindacale si spaccò ed il 12 maggio decise la fine dello sciopero, la resa senza condizioni a patto che non vi fossero ritorsioni di alcun genere contro chi aveva aderito allo sciopero. Molti minatori continurono a resistere per diversi mesi e molti furono licenziati. Quelli che rientrarono dovettero piegarsi a turni più lunghi, ad una produttività maggiore e ad un salario sensibilmente più basso. Intanto il governo varò una disciplina dello sciopero più restrittiva che vietava gli scioperi di solidarietà e che impediva l’affiliazione sindacale ai lavoratori dei servizi essenziali…

Come direbbe il nostro Marco Valdo M.I., un altro capitolo de La Guerre de Cent mille ans che i ricchi ed i potenti conducono contro i poveri ed il lavoratori.
Oh what will you give me?
Say the sad bells of Rhymney.
Is there hope for the future?
Cry the brown bells of Merthyr.
Who made the mine owner?
Say the black bells of Rhondda.
And who robbed the miner?
Cry the grim bells of Blaina.

They will plunder will-nilly,
Cry the bells of Caerphilly.
They have fangs, they have teeth,
Shout the loud bells of Neath.
Even God is uneasy,
Say the moist bells of Swansea.
And what will you give me?
Say the sad bells of Rhymney.

Throw the vandals in court,
Say the bells of Newport.
All will be well if, if, if,
Cry the green bells of Cardiff.
Why so worried, sisters why?
Sang the silver bells of Wye.
And what will you give me?
Say the sad bells of Rhymney?

inviata da Bartleby - 7/2/2011 - 09:37




Lingua: Spagnolo

Traduzione spagnola di Gustavo Sierra Fernández
CAMPANAS DE RHYMNEY

Oh, ¿qué me daréis?
Dijeron las tristes campanas de Rhymney.
¿Hay esperanza para el futuro?
Dijeron las campanas marrones de Merthyr.
¿Quién hizo al propietario de la mina?
Dijeron las negras campanas de Rhondda.
¿Y quién robó a los mineros?
Dijeron las graves campanas de Blaina.

Saquearán queramos o no,/
Dijeron las campanas de Caerphilly.
Tienen colmillos, tienen dientes,
Dijeron las claras campanas de Neath.
¡Hasta Dios está inquieto!
Dijeron las húmedas campanas Swansea.
¿Y qué me daréis?
Dijeron las tristes campanas de Rhymney.

Lanzar a los vándalos en el tribunal,
dijeron las campanas de Newport.
Todo estaría bien si, si, si, si, si, si…
Dijeron las verdes de Cardiff.
¿Por qué estáis tan abrumadas, hermanas, por qué?
Cantaron las plateadas campanas de Wye.
¿Y qué me daréis?
Dijeron las tristes campanas de Rhymney.

inviata da Bartleby - 7/2/2011 - 09:38




Lingua: Italiano

Anche Dylan ha offerto un paio di interpretazioni di “Bells of Rhymney”‎
Quella che segue è la traduzione italiana (a cura di Michele Murino da ‎‎Maggie’s Farm) della versione del 1967 che si trova su ‎‎“The Basement Tapes” pubblicati nel 1975.‎
LE CAMPANE DI RHYMNEY

Oh che cosa mi darete?
Dicono le tristi campane di Rhymney
C'è speranza per il futuro?
Dicono le scure campane di Merthyr.
Chi ha creato il proprietario della miniera?
Dicono le campane nere di Rhondda.
E chi ha derubato il minatore?
Dicono le grandi campane di Blaina. ‎

Saccheggeranno senza neanche pensarci
Dicono le campane di Caerphilly
Hanno zanne ed hanno denti
Dicono le rumorose campane di Neath
Persino Dio è inquieto
Dicono le umide campane di Swansea
E che cosa mi darete?
Dicono le tristi campane di Rhymney ‎

Gettate i vandali in tribunale
Dicono le campane di Newport
andrà tutto bene, hip, hip, hip, hip, hip, hip, hip, hip
Dicono le verdi campane di Cardiff.
Perchè sei così preoccupata, sorella, perchè?
Dicono le campane d'argento di Wye
E che cosa mi darete?
Dicono le tristi campane di Rhymney ‎

inviata da Bartleby - 21/3/2012 - 15:15


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org