Lingua   

La parabola dei Battagghi

Talco


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Ti può interessare anche...

Ultima età
(Talco)
Correndo solo
(Talco)
Chi mi ha ucciso questa notte
(Andrea Moraldi “Pap3ro”)


{2010]
Album: La Cretina commedia

lacretinacommedia

Quinto brano dell'album La Cretina Commedia, Concept Album dedicato a Peppino Impastato.

01 Intro
02 Correndo solo
03 Dalla grotta
04 Punta Raisi
05 Al Carneval
06 La parabola dei Battagghi
07 Ultima età
08 Non è tempo di campare
09 La Cretina Commedia
10 Perduto maggio
11 La mia terra
12 Casa Memoria

"Se l’omertà della gente di Cinisi e dintorni lo bollava come un pazzo scapestrato in un covo di pagliacci e prostitute (così erano definite le organizzazioni femministe che frequentavano il circolo Musica e Cultura), con l’avvento della radio, RADIO AUT, la sua figura venne presa sempre più sul serio e i racconti ironici e satirici, sulla figura del mafioso ridicolizzata, entrando nelle case della gente, irrigidì non poco l’ambiente mafioso, molto legato ed attento a crearsi un’immagine falsamente benevola e minacciosamente intoccabile. Don Tano Badalamenti, capo di Cosa Nostra di quegli anni, convocò spesso il padre di Peppino, anch’egli facente parte del clan mafioso di Cinisi, intimandogli di “frenare” il figlio. Ma le trasmissioni della Radio proseguivano raccontando anche la storia di “Don Tano Seduto” (come veniva satiricamente definito in una delle trasmissioni più famose di Radio Aut “western a Mafiopoli”), partito da umile vaccaro (i Battagghi sono i campanacci delle mucche), e fattosi strada in modi violenti e poco chiari, tipici del codice mafioso. Anche i giorni nostri vedono molti Tanto Badalamenti, il più famoso, partito come umile lavoratore di navi da crociera, divenuto l’imprenditore più potente e pericoloso d’Italia, fondatore di un partito colluso con la mafia, ora presidente del Consiglio."
Vespro che dai armonia
Ai rintocchi dei pagliacci
Infondi inavvertiti fasti di lesa ovvietà
Scandendo ad ironia
Un fragor di campanacci
Tersi misteri per chi annaspa senza età

Venghino e ascoltino con me
La parabola dei Battagghi
Una scalata purgata da suadenti oscurità
Di macerie che salpano
Dal rigurgito dei Battagghi
Vuoti onori che arruolano parvenze d’onestà

Balie di convenienza
Alienanti adulazioni
Sudano contrite lungo un peso a fedeltà
Pagano un’astinenza
Nel celare costernazoni
Specchio inviso ad un’apparenza
Ascesa a carità

Regalo a voi follia
Di denudar l’onore
Di chi annoda oscuri canti su scaltre beltà
Inviso dall’ironia
Di sostare su un letto ad ore
Che dipinge a fecondità
Inafferrate età

inviata da DonQuijote82 - 6/11/2010 - 15:32



Lingua: Inglese

Versione inglese da www.talcoska.com

"With biting irony, a radio spoke of what people had never dared discuss: the story of a man feared and revered, someone nourished by the terror he inspired in others – the son of a lowly cowherd who had made his way through violence and corruption. To this day, few bells are sounded for those men who have regrettably made their way to the top, not least thanks to the cunning and cowardly silence they command. * “Battagghi” is the Sicilian word for “cowbells”."
THE PARABLE OF THE BATTAGGHI*

Vesper, you who bestow harmony
On the clinging of clowns
And suffuse an unnoticed pomp of lese-obviousness
Ironically sounding
A clang of bells
Clear mysteries for the ageless people floundering about
Come and listen with me
To the parable of the battagghi
An ascendance purified by enticing obscurities
Ruins sailing off
From the outburst of the battagghi
Empty honours enrolling seeming honesty
At the mercy of convenience
Alienating adulations
Penitently bear the weight of loyalty
Paying for an abstinence
By concealing consternation
A mirror unwelcome to appearance turned into charity
I give you folly
In stripping the honour bare
Of he who weaves obscure songs on cunning beauties
Unwelcome because of his irony
In resting on a bed paid by the hour
As he profusely paints unheeded ages

inviata da DonQuijote82 - 6/11/2010 - 15:33


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org