Lingua   

A un burattinaio vissuto e morto in tempo di guerra

Alessandro Casappa
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Rose Parks
(Alessandro Casappa)
Due metri più sotto
(Alessandro Casappa)
Un proiettile d'argento
(Alessandro Casappa)


Ho sentito che sono esisiti davvero. Guadagnavano da vivere con poco, e giravano sulle montagne, prevalentemente, quelle al confine fra parma, reggio e la liguria. La guerra li ha decimati, il dopoguerra annientati.
Tutti quei chilometri
come inchiostro steso a mano,
e tutti gli indirizzi
conservati nel taschino.
Nebbie piene e zitte,
rotte prese contromano
verso un cielo che si strappa
e s’incendia in un camino

Ma i passi d’oca sul cemento
non ti apparterranno mai
ché l’Italia va veloce e fiera
verso il precipizio, ormai.
A gruppi di ottocento
-o ottomila, casomai-
confondono la notte
con il giorno,
le partenze, col ritorno
a vecchi guai.

Ombre alle stazioni
dove appendere la giacca;
dopo il coprifuoco
si può anche immaginare
che la vita non si spenga
dietro a un lume che s’affaccia
da un bordo di persiana
come un naufrago sul mare

Ma libertà l’è morta
in bocca a sette ragazzini
appesi per il colo
da cinque giorni interi
E i bimbi non si fermano
quando infili i burattini
sulla dita che
non si confondono
che san parlare ancora
e non nascondono
la povertà.

L’uomo della radio
dice che la storia chiama,
che il nemico è già al confine,
che la patria è da onorare
Ma tutti hanno paura,
chiusi ognuno in una tana
e tremano dal freddo
senza niente da mangiare.

E tutte le tue storie
messe dentro la valigia
non hanno più risate
per farsi accarezzare,
che l’aria è ogni giorno
più pesante e dura e grigia.
Ma questo è il tuo mestiere
è la tua terra,
è vivere e morire
dentro a una guerra
mai stata tua.

inviata da alle



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org