Lingua   

A Casalduni e Pontelandolfo

Enzo Morzillo
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Cindecinquande
(Folkabbestia)
La versione del brigante
(La Resistenza)
L’altra storia
(Sandro Sottile)


Questa canzone, scritta ed arrangiata da Enzo Morzillo, e' dedicata a Renato Rinaldi. Profondo sostenitore della memoria dei fatti d'arme del 14 Agosto 1861 a Pontelandolfo.
Grazie alla collaborazione dell 'amico Renato, ho avuto modo di approfondire questo argomento , che tratta le gesta eroiche dei Martiri civili, caduti quel maledettissimo giorno, sotto le baionette dell'esercito Piemontese, come ritorsione ad un fatto precedentemente avvenuto, che vedeva coinvolti , Briganti , quindi soldati, contro Esercito Piemontese. Mentre L'eccidio di cui narra la canzone, vuole dare eco a tutti quei civili inermi , che si trovarono a subire la violenza spietata di soldati armati .
Tutto questo , soltanto per non dimenticare.....MAI !!!!

20 GENNAIO 2008 ENZO MORZILLO
Fonte:Pontelandolfo news
Era la festa dellu patrono
purtavano o santo in prucessione
viecchi e criaturi alluccavano o nomme
femmene scauze pe voto a maronna

na vota all'anno sta celebrazione
e tutta la gente pe devuzione
se porta a spasso pe tutto o paese
alla faccia do populo piemuntese

a Casalduni e Pontelandolfo
campane a festa e botte di zolfo
allucca lu cristo da n'gopp'alla croce
po' sanghe che scorre se sentja la voce

se sceta a matina stu bellu paese
se trova e surdati piemuntesi
che torce abbruciavano tutte le case
curtielli affilati e genta sterminata

fucili puntati e cape tagliate
femmene accise po' viulentate
criaturi schiacciati e viecchi scannati
pe tutto o paese li piemuntesi

a Casalduni e Pontelandolfo
campane a festa e botte di zolfo
allucca lu cristo da n'gopp'alla croce
po' sanghe che scorre se sentja la voce

e quanno a nutizia arrivaje alli briganti
scennetteno subbeto a n'gopp'a muntagna
e corza fujevano abbascio alla scesa
se ne era fujuto lu piemuntese

cu e man'indo sanghe e cu o core spezzato
vendetta pa' vita io l'aggio giurato
ca fino alla morte io t'aggia scuvare
curtiello alla gola io t'aggia scannare

a Casalduni e Pontelandolfo
campane a festa e botte di zolfo
allucca lu cristo da n'gopp'alla croce
po' sanghe che scorre se sentja la voce

inviata da adriana - 4/9/2010 - 13:18


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org