Lingua   

Beshir

Piccola Orchestra Karasciò
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Nella mia terra non c'è il mare
(Salvatore Azzaro)
Fannie Sellins
(Anne Feeney)


Beshir è aggrappato forte, con la mano alla ringhiera
Mentre sotto il mare luccica di una luna quasi intera

Beshir è un uomo forte, come forte è il suo dolore
Che lo ha spinto a ritrovarsi semi morto in mezzo al mare

Beshir è un uomo forte come forte è la speranza
Di chi cerca nell’Italia un porto di sopravvivenza

Beshir resta aggrappato e ha la testa fra le gambe
Negli occhi ancora il sangue nella mente ancora il sangue

Ha in bocca una preghiera tutto quello che gli resta
Della sua terra stuprata, della sua famiglia morta

Beshir è un uomo libero e può sceglier di morire
Di botte in terra libica o di stenti in mezzo al mare

Beshir è un uomo libero senza libertà di scelta
O partire per l’Italia, o morire senza fretta

Beshir su quella barca vive, Beshir su quella barca prega
Beshir su quella barca ride, Beshir in quella barca, crede!

E Beshir è un uomo fortunato perché riesce ancora a respirare
Vicino a lui ne ha visti tanti spegnersi e finire in mare

Beshir è un uomo fortunato di una fortuna che nessuno
Vuole o vorrebbe mai avere

Beshir su quella barca vive, Beshir su quella barca prega
Beshir su quella barca ride, Beshir in quella barca, crede!

E Beshir è un uomo disperato come la sua voglia di vivere
Che lo spinge a continuare ancora che lo spinge ancora a
stringere
Nelle mani la ringhiera e nella bocca una parola…
Vivere!

inviata da DonQuijote82 - 27/7/2010 - 15:34


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org