Lingua   

Mi voria saver

Gualtiero Bertelli


Lingua: Italiano (Veneto Veneziano)


Ti può interessare anche...

A Porto Marghera
(Canzoniere Popolare Veneto)
Proprio voi
(Gualtiero Bertelli)
Noi
(Isa e Gualtiero Bertelli)


[1975]
Album "Mi voria saver"

bertmivoria

"L'esodo di molti veneziani a causa delle alluvioni in città si è diretto negli anni del 'boom' verso Marghera, nei nuovi insediamenti sorti vicino al polo industriale. Ma l'inquinamento di quei luoghi e la lontananza dalla città natìa ne hanno fatto una generazione di malinconici." (da Il Deposito)
Mi voria saver
perché 'st'aria xe ciara
e 'sta zente sbasia
che speta el siroco;
'sto mar grosso che va
soto un cielo de piombo
e che porta lontan
un sol povaro e stanco.

'Sta zente va, no varda el tempo
ciapa do strasse che impegnisse un burcio
la sbarca più in là, dove l'aria xe scura
ma l'aqua no riva, la se sente sicura.
Sicura de no morir co i ossi bagnai
ma neri de un fumo che no se ferma mai
de un carbon duro e nero come una tomba
ti piansi la to tera, casa nova no basta.

Ti rimpiansi do muri
in sima a un canal
e ti serchi la speranza
de tornarghe doman.
Ma te spaca i polmoni
'st'aria nera de piera
e te par che no riva
mai 'sta primavera.

Anca la piova de geri te par benedeta
ti seri i balconi, ti te slavi da la spussa
ti cori in terassa a ciamar su i fioi
co parla Marghera tase i disperai.
Ti tasi ogni giorno e ti pensi che mai
ti dovevi lassar el to campo e la to casa.
Morir forse negai no xe la nostra condana,
ma senza respirar, o brusai de 'na fiama.

Po ti conti che in fondo
sento e trenta xe tanto
sento e trenta mila al mese
paga tute le spese.
Viver poco te basta
cassar fora la miseria
se no basta se spera
de poderse salvar.
E ti te senti mal serà tra do foghi
co l'aqua che cresse e col fumo che tira
tornar no se pol, restar no se vive,
crepar xe la sorte che el paron ne destina.
Tornar no se pol, restar no se vive,
crepar xe la sorte ch'el paron ne destina.
Tornar no se pol, restar no se vive,
crepar xe la sorte ch'el paron ne destina.

inviata da The Lone Ranger - 1/7/2010 - 15:04



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da ‎‎La ‎Musica de L’Altra Italia
IO VORREI SAPERE

Io vorrei sapere
perché l'aria è così chiara
e la gente infreddolita
che aspetta lo scirocco;
questo mare che si ingrossa
sotto un cielo di piombo
e che porta lontano
un sole pallido e stanco.‎

Questa gente va, non guarda il tempo
prende le sue cose e riempie una barca
le sbarca più in là, dove l'aria è scura
ma l'acqua non arriva, si sente sicura.
Sicura di non morire con le ossa bagnate
ma nere di un fumo che non si ferma mai
di un carbone duro e nero come una tomba
rimpiangi la tua città, la casa nuova non basta.‎

Rimpiangi i due muri
sopra a un canale
e cerchi la speranza
di tornare domani.
Ma ti spacca i polmoni
quest'aria nera di pietra
e ti sembra che non arrivi
mai la primavera.‎

Anche la pioggia di ieri ti sembra benedetta
chiudi le finestre, ti salvi dalla puzza,
corri in terrazza a chiamare su i figli
quando parla Marghera tacciono i disperati.
Taci ogni giorno e pensi che mai
avresti dovuto lasciare il tuo campo e la tua casa.
Morire forse annegati non è la nostra condanna
ma senza respirare o bruciati da una fiamma.‎

Poi conti che in fondo
centotrentamila sono tanti
centotrentamila al mese
pagano tutte le spese.
Vivere con poco ti basta
cacciar via la miseria
se non basta si spera
di salvarsi domani.‎

E ti senti male chiuso tra due fuochi
con l'acqua che cresce e il fumo che tira
tornare indietro non si può, restare non si vive,
crepare è la sorte che il padrone ci ha destinato.
Tornare indietro non si può, restare non si vive,
crepare è la sorte che il padrone ci ha destinato.
Tornare indietro non si può, restare non si vive,
crepare è la sorte che il padrone ci ha destinato.‎

inviata da Dead End - 5/3/2013 - 13:29


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org