Lingua   

Amerigano

Trimad


Lingua: Italiano



(1991)
Ho visto la luce

Non proprio un'analisi politica di alto livello... ma sicuramente una canzone che ha segnato un'epoca e che ha animato per anni le notti dello storico Cencio's di Prato.
Amerigano!

Amerigano amerigano amerigano, amerigano merda
Amerigano amerigano amerigano, amerigano merda

Non ti sopporto, non ti sopporto, non ti sopporto, non ti sopporto proprio
Prima sorridi poi sputi in terra
Tu chiedi pace e poi cerchi la guerra
Vattene via Vattene via Vattene via amerigano merda

Amerigano amerigano amerigano amerigano merda
Amerigano amerigano amerigano amerigano merda

Questo governo che ti ha ospitato
Questo governo governo americano
Vattene via, vattene via
Tu sei la mafia, tu sei la polizia
Come possiamo mandarti via
In uno stato a base di anarchia

Amerigano amerigano amerigano amerigano merda
Amerigano amerigano amerigano amerigano merda

Amerigano amerigano amerigano amerigano merda
Amerigano amerigano amerigano.....tu se'na merda!

Amerigano...tu se'na merda!

26/6/2010 - 23:59


Ho un buon ricordo delle serate al Cencio's e dei concerti dei Trimad; in una di esse serate ebbi anche la conferma del fatto che la propaganda è una cosa, la realtà un'altra, spesso opposta.
Come molti ricorderanno, nel settembre 2001 il territorio statunitense fu oggetto di alcuni radicali interventi urbanistici sulla scia dei quali l'amministrazione in carica tentò una "politica muscolare" demenziale ed assassina, assecondata in questo da tutta la feccia redazionale a libro paga. L'idea era quella di utilizzare gli eventi per spazzare sotto il tappeto un'incompetenza ed una pochezza infarcite di lobbysmo e di veri e propri intenti tra l'incosciente e il criminale che erano -e sono- perfetta espressione di un elettorato di cui si è giustamente sostenuto che è connotato dall'autoconsapevolezza di uno scarafaggio.

Una sera d'autunno del 2001 i Trimad eseguirono Amerigano al Cencio's, tentando di addolcirne i toni secondo una scellerata e disgustosa political correctness che indusse Diego Conforti ad alternare il vocabolo "Americano" con "Talebano" in tutti i ritornelli.
Problema: il pubblico, fittissimo ed entusiasta, non ne volle sapere. Americano era e americano rimase, per tutta la durata della canzone.
L'antiamericanismo in Toscana era -e per certi versi è a tutt'oggi- talmente diffuso che un paio d'anni dopo uno zero di nome Roberto Tortoli, coordinatore di Forza [omissis] attualmente (2010) deputato con tre anni e quattro mesi di condanna in primo grado per le solite questioni, pensò bene di aprire la campagna elettorale definendo la Toscana "il buco nero dell'occidente", fornendo una delle migliori prove di quello che non si deve fare in una campagna elettorale.

Io non sto con Oriana - 29/6/2010 - 08:50



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org