Lingua   

O Venezia

anonimo


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Beati noi
(Giovanna Marini)
Generale
(Francesco De Gregori)
La tradotta che parte da Novara
(anonimo)


Giovanna Daffini.
Giovanna Daffini.
Entrata stabilmente nel repertorio delle mondine e in particolare in quello di Giovanna Daffini, questa canzone, cantata su una melodia molto vicina alle arie del melodramma e ricca di echi e suggestioni Verdiane, si riferisce al coraggioso biennio repubblicano (1848-49) di Venezia ribellatasi all'impero austriaco, e alla drammatica repressione con cui gli austriaci annegarono nel sangue l'insurrezione del popolo veneziano.
L'ultima strofa, delicata e misteriosa, di rara intensità poetica, sembra in qualche modo evocare il sogno dell'Unità d'Italia.
(dalle note del libretto del disco "Il Fischio del Vapore" di Francesco De Gregori e Giovanna Marini)

La strofa "traditori signori ufficiali" - spesso inserita anche nell'impianto musicale di "O Gorizia, tu sei maledetta" - fu causa di celebri scandali nei teatri in cui la Daffini, o altri interpreti, la eseguivano coraggiosamente alla presenza dell'alta borghesia e della nobiltà dell'epoca.

Daniele Manin mentre parla alla folla in piazza San Marco
Daniele Manin mentre parla alla folla in piazza San Marco
O Venezia che sei la più bella
e tu di Mantova che sei la più forte
gira l'acqua intorno alle porte
sarà difficile poterti pigliar.

E quel giorno, entrando in Venezia
vedevo il sangue scorreva per terra
i feriti sul campo di guerra
e tutto il popolo gridava pietà.

Traditori signori ufficiali
e voi la guerra l'avete voluta
scannatori di carne venduta
e voi rovina della gioventù.

O Venezia, ti vuoi maritare?
E per marito ti daremo Ancona
e per dote le chiavi di Roma
e per anello le onde del mar.


Lingua: Inglese

Versione inglese
English version

The melody of this song is similar to the italian opera, particularly of suggestions from Giuseppe Verdi. It's about the two years of rebellion (1848-49) of Venice against the Austro-hungarian Empire, and about the bloody repression after the revolt. The last strophe is about the dream of Italian unification.
O VENICE

O Venice, you that are the most beautiful
and you that are stronger than Mantova
water goes all around your doors
it'll be difficult to come and take you

And that day, I was entering Venice
I saw blood pouring on the ground
the wounded on the battlefield
and the people crying for mercy

You traitors, generals, officers,
you who strongly pushed for this war,
you’re the butchers of our flesh for sale
you’re the ruin of the youth.

O Venice, do you want to get married?
And as husband we'll give you Ancona
and as dowry the keys of Rome
and as a ring the waves of the sea

Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org