Lingua   

Italiella

Nuova Compagnia di Canto Popolare


Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Terra bruciata
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)
Dint' 'o mercato
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)
Acqua ‘e mare
(Consiglia Licciardi)


[1868]
Di anonimo autore napoletano.

Incisa dalla NCCP nell'album "11 mesi e 29 giorni" (1977)

nccp 11mesi 29giorni

"Evviva l'Unità d'Itaglia!" (Italiella, Italià...)

"Italiella è una antica canzone napoletana, riproposta dalla Nuova Compagnia di canto Popolare, che il popolo napoletano riservò ai Savoia del nord quando unificarono l'Italia. Era uno sberleffo ai nuovi dominatori, ai loro degradati e degradanti costumi politici e morali... La ripropongo in questo filmato perché penso che sia molto attuale nell'epoca di Berlusconi, anzi, i costumi dei nuovi padroni settentrionali, in fatto di degrado politico e morale, non hanno proprio precedenti...." (introduzione del filmato su YouTube) (The Lone Ranger)


"Nel carnevale del 1868 uscì per le strade di Napoli un particolare carro detto 'de la sfrantumazione'. Su tale carro era visibile una Colombina con gonna tricolore circondata da una turba di Pulcinella laceri e scalzi che cantavano strofe dense di ironia alla condizione di una Napoli conquistata e non unita alla monarchia sabauda."
www.canticapopularia.it
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

'Mmiez''e cosce d'a frescura
llà se ferma 'o nainanà,
'a bannera 'e tre culure
mò ce ha dato 'a libbertà...
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

T'he fatto la vunnella talià,
T'he fatto la vunnella talià...
te l'è fatta de tre culure,
e nuje simmo rimaste annure
comme ce ha fatto mamma,
scauze annure e muorte 'e famma.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

'A mugliera 'e Garibaldi
vend 'a 'nzogna e accatt''o lardo,
'a mugliera e Carlo Alberto
tene sempe 'a cascia aperta,
'a mugliera 'e Napulione
sape fà 'nu cuppulone,
'a mugliera 'e Manuele
vasa 'o pesce 'e san Rafele.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

T'he fatto la carrozza talià,
T'he fatto la carrozza talià...
t'he l'è fatta bella mia
'nzuoccolo 'nzuoccolo pe' la via,
pe' la via te la purtammo,
e nuie da sotto la carriammo.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

'Mmiez''e cosce d'a frescura
là se ferma 'o nainanà,
'a bannera 'e tre culure
mò ce ha dato 'a libbertà...
'A mugliera 'e Garibaldi
vend 'a 'nzogna e accatt''o lardo,
'a mugliera 'e Napulione
sape fà nu cuppulone,
e s''o ffà matin'e sera,
e le pror''a tabacchera...
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

T'he fatto lu stivale talià,
T'he fatto lu stivale talià...
te l'he fatto bello e pronto
'ncoppa ce stà Turino ca conta
'ncoppa Turino conta
e nuie simmo lu tacco 'e ponta.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

'A mugliera e Carlo Alberto
tene sempe 'a cascia aperta,
'Mmiez''e cosce d'a frescura
là se ferma 'o nainanà,
'a bannera 'e tre culure
mò ce ha dato 'a libbertà...
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

T'he fatto la pettenessa talià,
T'he fatto la pettenessa talià...
te l'he fatta cu li turnese
ca pigliaieno 'a 'stu paese,
pò ce dettero pe' surpresa
la muneta cartaginesa...
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

'Mmiez''e cosce d'a frescura
là se ferma 'o nainanà,
'a bannera 'e tre culure
mò ce ha dato 'a libbertà...
'A mugliera 'e Garibaldi
vend 'a 'nzogna e accatt''o lardo,
'a mugliera e Carlo Alberto
tene sempe 'a cascia aperta,
'a mugliera 'e Napulione
sape fà 'nu cuppulone,
e s''o ffà matin'e sera,
e le pror''a tabacchera...
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

T'he fatto lu cursetto talià,
T'he fatto lu cursetto talià...
te l'he fatto cu la credenza
'stu cursetto de Firenze,
Firenze è capitale
e Turino se n'have a male.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

'A mugliera 'e Ferdinando
s'ha cuseva 'na mutanda,
'a mugliera 'e re Vittorio
fà 'nu pireto e scioglie 'a gloria,
'A mugliera e Carlo Alberto
tene sempe 'a cascia aperta,
'A mugliera 'e Garibaldi
vend 'a 'nzogna e accatt''o lardo,
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

Te vuò fà nu cappiello talià,
Te vuò fà nu cappiello talià...
lu cappiello bene mio
t'è venuto 'stu vulìo,
lu vuò levà' a lu Papa
e già te lu sì miso 'ncapa.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

'A mugliera e Carlo Alberto
tene sempe 'a cascia aperta,
'a mugliera 'e Manuele
vasa 'o pesce 'e san Rafele.
'A mugliera 'e Ferdinando
s'ha cuseva 'na mutanda,
'a mugliera 'e re Vittorio
fà 'nu pireto e scioglie 'a gloria,
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

T'he fatto li cazette talià,
T'he fatto li cazette talià...
te l'he fatte de seta 'ngrese
e nuie avimmo fatto li spese,
pavammo nuie da sotto
e Manuele se ne fotte.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

T'he fatto la vunnella talià,
t'he fatto la carrozza talià,
t'he fatto lu stivale talià,
t'he fatto la pettenessa talià,
t'he fatto lu cursetto talià,
t'he fatto lu cappiello talià,
t'he fatto li cazette talià,
t'he fatto la bannera talià,
la bannera de tre culure,
e nuje simmo rimaste annure
comme ce ha fatto mamma,
scauze annure e muorte 'e famma.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...

inviata da The Lone Ranger - 9/5/2010 - 17:44



Lingua: Italiano

Versione italiana di Saponara Leonardo
ITALIELLA

Oh Italiella, oh Italià,
Oh Italiella, Oh Italià.

In mezzo alle cosce della frescura [1]
la si è fermato il nainanà [2]
la bandiera di tre colori
ora ci ha dato la libertà
Oh Italiella, Oh Italià
Oh Italiella, Oh Italià

Ti sei fatta la gonnella Italia,
Ti sei fatta la gonnella Italia,
te la sei fatta di tre colori
e noi siamo rimasti nudi
come mama ci ha fatto:
scalzi, nudi e morti di fame.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.

La moglie di Garibaldi
vende la sogna e compra il lardo
la moglie di Carlo Alberto
tiene sempre le cosce aperte
la moglie di Napoleone
è brava a fare le seghe
la moglie di Emanuele
bacia il pesce [3] di San Raffaele.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.

Ti sei fatta la carrozza Italia,
Ti sei fatta la carrozza Italia.
Te la sei fatta bella mia
va dolcemente per la via
per la strada te la trasportiamo
e noi da sotto la portiamo.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.

In mezzo alle cosce della frescura
la si è fermato il nainanà
la bandiera di tre colori
ora ci ha dato la libertà
La moglie di Garibaldi
vende la sogna e compra il lardo,
la moglie di Napoleone
è brava a fare le seghe
e le fa mattina e sera
è proprio una tabaccaia(??)
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.

Ti sei fatto lo stivale Italia,
Ti sei fatto lo stivale Italia
te lo sei fatto bello e pronto
Sopra c'è Torino che vale
sopra Torino vale
e noi siamo la punta del tacco [4]
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.

La moglie di Carlo Alberto
tiene sempre le cosce aperte
In mezzo alle cosce della frescura
là si ferma il nainanà
la bandiera di tre colori
ora ci ha dato la libertà.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.

Ti sei fatto il pettine Italia,
ti sei fatto il pettine Italia
te lo sei fatto coi tornesi [5]
che presero da questo paese [6]
poi ci diedero per sorpresa
la moneta cartaginese [7]
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.

In mezzo alle cosce della frescura
la si è fermato il nainanà
la bandiera di tre colori
ora ci ha dato la libertà
La moglie di Garibaldi
vende la sogna e compra il lardo,
la moglie di Napoleone
è brava a fare le seghe
e le fa mattina e sera
è proprio una tabaccaia(??)
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.

Ti sei fatto il corsetto Italia,
ti sei fatto il corsetto italia
te lo sei fatto con la credenza
questo corsetto di Firenze,
Firenze è capitale
e Torino se ne dispiace [8]
Oh Italiella, oh Italia,
Oh Italiella, oh Italia.

La moglie di Ferdinando
si cuciva una mutanda
la moglie di re Vittorio
scoreggia e scioglie la gloria,
la moglie di Carlo Alberto
tiene sempre le cosce aperte,
la moglie di Garibaldi
vende la sugna e si compra il lardo.
Oh Italiella,oh Italia
Oh Italiella, Oh Italia.

Ti vuoi fare un cappello Italia,
ti vuoi fare un cappello Italia
Il cappello, bene mio,
ti è venuta questa voglia
lo vuoi levare al Papa
e già te lo sei messo in testa.[9]
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh italiella, Oh Italia.

La moglie di Carlo Alberto
tiene sempre le cosce aperte
la moglie di Emanuele
bacia il pesce di San Raffaele
la moglie di Ferdinando
si cuciva una mutanda
la moglie di re Vittorio
scoreggia e scioglie la gloria
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh italiella, Oh Italia.

Ti sei fatta le calzette Italia,
ti sei fatta le calzetta Italia
te le sei fatta di seta Inglese[10]
e noi ne abbiamo fatto le spese,
paghiamo noi da sotto
ed Emanuele se ne fotte.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh italiella, Oh Italia.

Ti sei fatta la gonnella Italia,
ti sei fatta la carrozza Italia,
ti sei fatta lo stivale Italia,
ti sei fatto il pettine Italia,
ti sei fatto il corsetto Italia,
ti sei fatto il cappello Italia,
ti sei fatto le calzette Italia,
ti sei fatto la bandiera Italia,
La bandiera di tre colori,
e noi siamo rimasti nudi
come ci ha fatto mamma:
scalzi, nudi e morti di fame.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh italiella, Oh Italia.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh italiella, Oh Italia.
Oh Italiella, Oh Italia.
[1] Per frescura si intende probabilmente il meridione.
[2] Soprannome riferito a persona boriosa e/o arrogante
[3] Metafora per il pene, non ho ben capito il senso però. (integrazione di amedeo: indica il famoso pesce di San Raffaele presente nell'omonima chiesa sita a Napoli nel rione Mater Dei. Secondo la tradizione, le donne che volevano uscire incinte, dovevano baciare proprio il pesce che la statua di San Raffaele ha (ancora oggi) tra le sue mani.)
[4] Metafora per dire che il Meridione dopo l'unità non vale niente e sta in basso come la punta del tacco
[5] Moneta in uso nelle Due Sicilie di cui tra l'altro non esisteva versione cartacea ma circolavano solo monete.
[6] Si riferisce alle Due Sicilie
[7] Dopo l'annessione l'Italia si portò via il capitale monetario ed introdusse delle banconote che, a causa dei debiti contratti per via della guerra contro l'Austria e della seguente inflazione, valevano pochissimo.
[8] Nel 1865 la capitale fu trasferita da Torino a Firenze. I torinesi non la presero bene e ci furono scontri duramente repressi che causarono almeno 55 morti e 133 feriti. (Evento noto come Strage di Torino).
[9] Lo stato pontificio verrà annesso solo nel 1870 ma già nel 1868, anno di scrittura della canzone erano chiare le sue intenzioni.
[10] Con questa strofa si vuole sia rimandare al consistente aiuto inglese nell'annessione delle Due Sicilie sia si vuole dare più valore alle "calzette" in quanto la seta inglese era costosa e di lusso.

inviata da Saponara Leonardo - 18/4/2016 - 22:25


nota nr.3 indica il famoso pesce di San Raffaele presente nell'omonima chiesa sita a Napoli nel rione Mater Dei. Secondo la tradizione, le donne che volevano uscire incinte, dovevano baciare proprio il pesce che la statua di San Raffaele ha (ancora oggi) tra le sue mani.

amedeo - 26/10/2016 - 17:15


Al sesto capoverso, al decimo rigo, avete messo due punti interrogativi fra parentesi (??)in corrispondenza della Vostra traduzione che, a mio modesto parere, sembrerebbe non perfettamente corretta. Infatti sarei quasi certo che la traduzione non sia "è proprio una tabaccaia" ma bensì "le prude la figa". Infatti è oltremodo noto, anche nei testi di altre canzoni, che la tabacchera (per intenderci, quella in metallo dalla quale si estrae il tabacco da fiuto)non sia altro che l'organo genitale femminile. Come ripeto, vi sono altri testi di musica napoletana che fanno esplicito riferimento alla tabacchera in tal senso. In ogni caso, complimenti per il vostro lavoro.
Cordiali saluti
Dott. Sergio Masula

sergio.masula@teletu.it - 10/3/2017 - 08:47


Che orrore, signor Masula.
Che allocuzione sessista e patriarcale ha osato tirar fuori, irrispettosa della dignità e della libertà di tuttasterisco!
Che metafora odiosa!
Si vergogni, femminicida, e si vergognino con lei gli ignoti autori napoletani sciovinisti!

Io non sto con Oriana - 10/3/2017 - 11:25


Tsk tsk, caro INSCO. Invece di capitare periodicamente qua dentro con bojate varie, nelle quali è peraltro riconosciuto maëstro, ancora staremmo aspettando (da anni, direi!) un Suo prezïoso contributo consistente in una bella canzone khomeinista de' tempi della vittoria della Repùbbrïa 'Slàmïa, con testo fârsi e traduzioni in urdu, arabo classico (rigorosamente coranico e vocalizzato) e pisano di campagna. Invece di molestare l'incolpevole dott. Masula, si dìa da fare una buona volta e illustri questo sito con un contributo alquanto originale, dato che gli argomenti non mancherebbero di certo (a partire dal "Venerdì Nero" del 1978, quando la polizia dello scià sparò sulla folla, 58 morti ufficiali ma probabilmente centinaja in realtà). E non si scordi neppure di convolare a breve a giuste nozze, invece di vivere oramai da anni nel più infernale peccato di concubinaggio che La condurrà a ardere (o a congelarsi) per l'eternità nei più profondi pozzi ove non ebbe neppure a metter piede padre Dante!

Riccardo Venturi - 10/3/2017 - 13:11


Tranquillo, i centoottanta abbondanti chilometri da pendolare percorsi ogni giorno, assommati alle nove ore di permanenza lavorativa interrotte da una parca mensa di riso integrale e verdure crude, sono un ottimo deterrente alla fornicazione perché si arriva a casa anelando il mero guanciale...
L'anima ringrazia, e tira un sospiro di sollievo.

Il problema è che la canzone, reperibilissima senz'altro perché il signor Ruhullah Musavi non rifuggiva certo dall'uso dei mass media più moderni (spalloni volenterosi hanno contrabbandato per anni dall'Iraq le musicassette con i suoi discorsi, e i previdentissimi francesi dotarono la sua casa a Neauphle Le Chateau di quattro linee telefoniche) sarebbe tutt'altro che una Antiwar song.

Ciò premesso, rilevo indignatissimo e costernato che il signor Masula ha usato una allocuzione sessista e patriarcale irrispettosa della dignità e della libertà di tuttasterisco; una metafora odiosa di cui si deve vergognare, femminicida lui e gli ignoti autori napoletani sciovinisti!![*]


[*]Doppio esclamativo.

Io non sto con Oriana - 10/3/2017 - 13:30


Il signor Masula ha usato un'espressione filologicamente esatta, cosa per la quale non lo ringrazieremo mai abbastanza perché questo è, notoriamente, un sito di storia e di memoria attraverso lo strumento della canzone e della musica in genere, e non una collezione di politically correct. Altrimenti, che so io, si dovrebbe estendere tutto questo a tutte le canzoni in cui l'anarchico Georges Brassens, fautore del libero amore, anticlericale e quant'altro, fa il machista omofobo (si veda ad esempio Le mécréant, solo per dirne una). Salud!

Riccardo Venturi - 10/3/2017 - 15:11


Cito da vecchia ""tammurriata":

"aiccanna 'a tabacchera ... favurite
cercate 'e pazzià nun m''a rumpite
zitta nennella mia nun dubitate
si sana m'aita data... rotta l'avite"
il riferimento all'organo sessuale è evidente, piaccia o non piaccia fa parte della tradizione, quindi quoto in pieno quanto "giustamente" scritto dai Sigg. Masula e Venturi

6/8/2017 - 11:57


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org