Lingua   

Cermis

A.D.


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

A Silvia
(Alfredo Bandelli)
Via Italia
(Gang)
Per questo non dimentico
(A.D.)


La strage del Cermis. 3 febbraio 1998.
La strage del Cermis. 3 febbraio 1998.


Per ricordare: Il Filmato di BBC News sulla strage del Cermis.


"Il 3 febbraio 1998, poco dopo le 15, un aereo militare statunitense Ea-6B Prowler guidato dal capitano Richard Asbhy e da altri tre piloti americani (W.Raney II, J. Schweitzer, C.Seagraves), partito dalla base di Aviano per una esercitazione a bassa quota, tranciava i cavi della funivia che collega Cavalese all'Alpe del Cermis provocando la morte di 20 persone che si trovavano in vacanza in Val di Fiemme. A un anno di distanza, la corte marziale composta da otto militari dei marines ha deciso il verdetto: il capitano Richard Ashby, uno degli otto imputati poi ridotti a due, non è colpevole per la strage di Cavalese. Le accuse di omicidio colposo plurimo, strage e negligenza in stato di servizio non sono valide.

Un verdetto più che definitivo, sul quale i giudici americani non devono spiegare e nemmeno scrivere le motivazioni, per quanto questo possa ancora modificare qualcosa visto che la parte lesa non potrà ricorrere in appello.

L'esito di questa sentenza non ci ha colto di sorpresa. Non nutriamo alcuna fiducia nella "giustizia militare" e l'epilogo di questa farsa giudiziaria è un'ulteriore dimostrazione di quanto abbiamo sempre sostenuto: la violenza è intrinseca alla funzione degli eserciti, ne è la natura stessa. Mettere in discussione questo principio significa ridiscutere l'utilità degli eserciti, ma, in una società fondata sulla forza delle armi, tutto ciò non è possibile. In nome della Patria si possono commettere crimini inauditi, senza essere giudicati o condannati. A volte è conveniente scaricare la responsabilità su qualche soldato usato come capro espiatorio, ma la condanna di un soldato che fa il "suo dovere" metterebbe in discussione quei rapporti di complicità, fiduciosa sottomissione e quel senso di auto-assoluzione che sono veri e propri ingranaggi della macchina militare.

Nel corso di una conferenza stampa, Sindy Renkowitz, tedesca e parente di due delle vittime uccise dall'aereo assassino, cita un eloquente detto popolare usato nel suo paese: "un corvo non può cavare gli occhi ad un altro corvo". Sindy ha ragione. Avete mai visto un militare condannare un altro militare per "reati di servizio"? Così, Casalecchio sul Reno, Ustica e oggi Cavalese, sono la testimonianza che non ci sarà mai giustizia dove regna la perversa logica militare.

Non è possibile dare un giudizio sul tragico evento di Cavalese senza mettere in relazione l'uccisione di 20 persone con la presenza militare (italiana e straniera) nel nostro territorio. E qualsiasi presa di posizione che non parta da questo presupposto è, a nostro avviso, sbagliata.

Tra le recenti prese di posizione e le indignazioni di rito di qualche "strombazzante" politico nostrano, giri di parole e pura retorica, spiccano le prime reazioni di D'Alema ("Non commento le sentenze in Italia, figuriamoci negli USA") e del presidente della Camera Violante ("Non sono abituato a commentare le sentenze prima di averle lette"). La "gaffe" di D'Alema, in quei giorni in visita negli Stati Uniti, e del suo amico Violante in realtà nascondono un secondo fine. Evitare un inasprimento dei toni polemici con il governo americano che tra breve dovrà esprimersi sulla questione dell'ampliamento del consiglio di sicurezza dell'ONU, nel quale l'Italia spera ardentemente di entrare.

Ma da fedele alleato degli Stati Uniti il rappresentante del governo di centro-sinistra si porta a casa due belle sconfitte: l'assoluzione del pilota responsabile della strage in Val di Fiemme e il no di Clinton ad una possibile partecipazione dell'Italia al consiglio di sicurezza dell'ONU. Ma che bella figura!

In questi ultimi giorni si è fatto un gran parlare di sovranità limitata, di violazione del diritto internazionale, così come s'è invocata la volontà di individuare i veri responsabili dell'uccisione dei 20 turisti (ironia della sorte è lo stesso Presidente Clinton a dichiarare che la colpa è degli Stati Uniti!). E su queste ultime questioni avremmo qualche considerazione da fare.

Il problema della sovranità limitata è un falso problema. Se l'Italia nel dopoguerra ha subito la presenza militare americana con la sottoscrizione degli accordi che concedevano agli Stati Uniti le basi militari e con l'entrata nell'Alleanza Atlantica, oggi, venute meno le condizioni storiche del cosiddetto "contenimento del blocco comunista", il governo italiano avrebbe la possibilità di annullare quegli accordi e di uscire dalla NATO, ma al contrario riconferma la sua piena fedeltà alla politica militare americana ed atlantica. Gli interessi economici (all'origine di ogni intervento militare) ai quali anche l'Italia concorre (Balcani, Medio Oriente, ecc.) vanno ben oltre la questione della sovranità di uno stato quando questo è, per di più, coinvolto nella ridefinizione dei nuovi equilibri geo-politici.

La denuncia di violazione dei più elementari principi di diritto internazionale rientra tra le ipocrisie di una classe politica con la "coda di paglia", che in tutti questi anni ha depistato le indagini sulle stragi militari e protetto i responsabili.

Nei documenti che regolamentano i rapporti tra Italia e Stati Uniti in tema di basi militari (memorandum d'intesa relativo alle installazioni/infrastrutture e quello relativo all'uso della base di Aviano), documenti con caratteristiche di riservatezza, citati più volte dalla Procura della Repubblica di Trento, si stabiliscono precisi compiti e responsabilità del Comando Italiano, "al quale è comunque sottoposta l'installazione". Nell'art. 9 si dice: "il Comandante Italiano è responsabile dei Servizi del Traffico Aereo e dell'emanazione di norme relative alla Sicurezza del volo ..."; nel paragrafo 6, art.5 si dice: "... Il Comandante italiano interverrà affinché il Comandante USA interrompa con effetto immediato le attività statunitensi che manifestamente costituiscono un pericolo per la vita o la salute pubblica."

Sarebbero sufficienti queste prove per dimostrare in maniera inconfutabile che le responsabilità in primis sono del Comando Italiano che doveva intervenire per sospendere quei voli a bassa quota più volte denunciati dagli abitanti di Cavalese alle autorità competenti. Ma a cancellare ogni dubbio è la Procura di Trento. Nella sua inchiesta si legge "ogni altro volo di quel reparto (riferito al reparto di appartenenza del Prowler di Ashby e colleghi) che non fosse finalizzato per le operazioni previste da Deliberate Guard non rientrava in alcuna previsione `pattizia', volta a consentire la sua permanenza sul suolo nazionale".

Certo che i politici italiani la sanno lunga. Prima permettono il trasferimento del processo negli Stati Uniti per evitare un coinvolgimento dei vertici militari italiani e poi si scandalizzano denunciando la violazione del diritto internazionale. In verità tutto questo ha come unico scopo quello di disorientare l'opinione pubblica e di nascondere quella parte di responsabilità che investe le autorità militari italiane nella strage di Cavalese.

Con questo non vogliamo sollevare i piloti americani e le autorità militari statunitensi dalle loro responsabilità. La storiella delle mappe date in dotazione ai piloti del Prowler sulle quali non era riportata la funivia è fin troppo comica. Per l'Enav (Ente nazionale di assistenza al volo) sulle carte in possesso di Ashby erano segnalati ostacoli superiori ai 61 metri, ma erano esclusi viadotti, funivie, teleferiche, ponti sospesi, etc., perché i voli militari si svolgono, infatti, "a quote superiori ai mille piedi (300 metri), rispetto al più basso ostacolo della zona", mentre nelle missioni addestrative a bassissima quota, "è previsto che l'equipaggio abbia conoscenza diretta della zona in cui vola". Riconoscere come buone le prove a carico dei piloti americani, paradossalmente, sarebbe come sostenere che se domani uno di noi finisse con la sua auto dentro un negozio facendo una strage e avendo la cartina della città sbagliata, la responsabilità sarebbe di chi gli ha dato la carta o di chi l'ha realizzata.

Un'ultima considerazione la vogliamo fare a proposito delle accuse di antiamericanismo che ci rivolgono in ogni occasione in cui contestiamo la presenza dei militari americani.

fredLa nostra lotta non è contro il popolo americano, semmai siamo contro l'imperialismo del governo americano. Ci sentiamo vicini alle lotte dei lavoratori e degli sfruttati americani, così come siamo solidali con le lotte di tutti lavoratori. Siamo fermamente convinti che il fine ultimo di tutte le classi oppresse sia l'emancipazione dallo sfruttamento politico ed economico. La nostra solidarietà va oltre i confini degli stati. Siamo internazionalisti ed antimilitaristi. Crediamo che gli eserciti servano solo a difendere gli interessi e i privilegi delle classi dominanti. Essi sono inoltre portatori di una cultura di violenza e morte; sono la negazione della libertà di ogni uomo che nell'esercito viene intruppato, disciplinato, comandato, omologato e punito.

Per questo ribadiamo che non siamo contro gli americani, ma siamo contro tutti gli eserciti!"

(Comitato Unitario Contro Aviano 2000)
Da "Umanità Nova" n.10 del 21 marzo 1999
3/2/98 la strage è compiuta
un viaggio solo andata a bassa quota
a sfidare il vento guardo verso terra
venti corpi senza vita occhi spenti come il ghiaccio
questo è il loro cimitero questo è l’unico verdetto
di un processo senza prova e senza accuse
assassini a piede libero con licenza di uccidere
tra il silenzio generale filmato tutto come fossi in real tv
difeso da uno stato inesistente senza più una dignità
ha chiuso gli occhi e poi si è arreso ad un padrone a stelle e strisce
che fa stragi e poi le assolve in sette ore
questa me la spacci per giustizia?
e questa me la spacci per giustizia?
ora pretendo le risposte
Cermis
subiamo ancora una volta l’arroganza americana
di chi fa quello che vuole dove vuole
tutto gli è dovuto senza chiedere il permesso
gli assassini del mondo che non provano rimorsi e ora
voglio sapere chi ha occultato le prove
chi è colpevole sono le vittime a deciderlo
chi sbaglia paga se sei tu a permetterlo
alle tue regole e condizioni come con Silvia Baraldini
per dieci anni hai ignorato il trattato di Strasburgo
trattata come fosse ricompensa di un fedele servilismo
se i Cermis killas sono liberi allora voglio Silvia libera
se i Cermis killas sono liberi allora voglio Silvia libera
Silvia Baraldini libera
Cermis
u.s.a. è l’ipocrisia di chi vuole una pace figlia della guerra
di chi parla di vita seminando la morte di chi vuole giustizia
ma è la giustizia del più forte è l’impero da servire come schiavi
e dimmi se ti senti libero si ti senti veramente libero
o una sezione del pentagono Camp Darby, Aviano e Sigonella
questa è la mia terra e non vi devo nulla
questa è la mia terra ed io vi voglio fuori

Ashby, Schweitzer, Raney, Seagraves

Cermis

questi sono i nomi dei quattro assassini del Cermis.

che nessuno si dimentichi di questi uomini, della strage che hanno commesso e della vergognosa sentenza militare che li ha coperti ed assolti.

Ricordiamoci di loro, e aiutiamo la storia a NON averne pietà.

inviata da adriana - 21/9/2005 - 03:50



Lingua: Inglese

Versione inglese (americana) di Riccardo Venturi
(American) English version by Riccardo Venturi
21 settembre 2005 / September 21, 2004

La traduzione è volutamente condotta in inglese americano il più possibile colloquiale, tranne l'ultima parte, che è altrettanto volutamente in inglese sostenuto.

The following translation is deliberately in colloquial US English except the last part, deliberately using high-flown English.

(r.v.)
CERMIS

2/3/98 the massacre is done
a single ticket low flight
bravin’ the wind, I’m lookin’ down there
twenty dead bodies and their ice-cold eyes
this is their grave this is the only verdict
of a trial without evidence and without charge
unpunished killers with a license to kill
in indifference and well shot as if it was real tv
defended by a nonexistent outrageous state
pretendin’not to see and then surrenderin’ to the star-and-stripes masters
who slaughter people and then release the culprits in seven hours
an’ ya wanna pass off all this as justice ?
ya wanna pass off all this as justice ?
now I expect some answer
for Cermis
we’re sufferin’ again u.s. arrogance
they do whatever they want everywhere
everything’s due to ‘em without permission
the world killas don’t feel remorse and now
I want to know who concealed evidence
the victims should decide who is guilty
mistakes are paid only if you allow for this
on your conditions and rules as you did with Silvia Baraldini
for ten years you’ve been ignoring the Strasbourg treaty
she’s been treated as if she was a reward for your faithful lackeys
if the Cermis killas are free so I want you to free Silvia
if the Cermis killas are free so I want you to free Silvia
free Silvia Baraldini
Cermis
u.s.a. is the hypocrisy of those wantin’ peace to outspring from war
of those yakkin’ ‘bout peace while they’re spreadin’ death
of those who want justice provided it’s the justice of the strongest
provided it’s the justice of the empire to be served by its slaves
an’ tell me now if ya feel free if ya really feel free
or rather a pentagon department or Camp Darby, Aviano and Sigonella
this is my country, don’t owe you anything
this is my country, I wanna you to get off my back

Ashby, Schweitzer, Raney, Seagraves

Cermis


here are the names of the four killers of Cermis.

nobody should forget these men, the massacre they did and the shameful verdict returned by a u.s. military court which covered up for them and set them free.

let us remember them, let us help history NOT to have mercy upon them.

21/9/2005 - 18:45



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org