Lingua   

La rosa bianca

Sergio Endrigo




Ti può interessare anche...

Una casa al sole
(Sergio Endrigo)
Ci vuole altro che un fiore
(Lello Vitello)
Guantanamera
(Autori Vari / Different Authors)


[1963]
Originariamente nell'album "Endrigo"
Testo e musica di Sergio Endrigo
Versione italiana di una poesia di José Martí

Una stupenda poesia di pace e di amicizia del più grande poeta cubano, José Martí, è diventata una delle canzoni di Sergio Endrigo più giustamente note nel mondo. Sarebbe bene non dimenticarsi che, oramai quasi dimenticato in Italia, Sergio Endrigo resta un cantautore ancora assai apprezzato ovunque nel mondo si senta parlare di libertà e poesia.
Invitato a Cuba per tenere un concerto nel 1964, Endrigo cantò questa canzone (invertendo l'ordine delle strofe: prima l'originale spagnolo e poi la versione italiana) davanti a decine di migliaia di spettatori. Tra di essi vi era Ernesto Che Guevara.

(RV)

*

Naturalmente la poesia di José Martí è alla base anche di Guantanamera.

*

“La rosa bianca” parla di qualcosa simile al porgere l’altra guancia, al cercare di perdonare, anche se io penso che l’uomo è l’animale più intelligente della terra ma anche il più stronzo perché gli animali non fanno quello che fanno gli uomini
(intervista a Sergio Endrigo)
Coltivo una rosa bianca
In luglio come in gennaio
Per l’amico sincero
Che mi dà la sua mano franca
Per chi mi vuol male e mi stanca
Questo cuore con cui vivo
Cardi nè ortiche coltivo
Coltivo una rosa bianca.

Cultivo una rosa blanca
en julio como en enero,
para el amigo sincero
que me da su mano franca.
Y para el cruel que me arranca
el corazón con que vivo,
cardo ni oruga cultivo:
cultivo una rosa blanca.

inviata da Riccardo Venturi - 22/5/2005 - 02:36




Lingua: Italiano

Questa è la versione della poesia che conosco io...
Coltivo una rosa bianca
sia pur nell'avversa stagione
per l'anima buona che pone
nella mia la sua mano franca
Ma per colui che m'abbranca
dal petto il cuore mio vivo
nè cardo nè ortica coltivo
coltivo una rosa bianca

inviata da silvia - 14/8/2007 - 23:16




Lingua: Inglese

Versione inglese
I cultivate a white rose
In July as in January
For the sincere friend
Who gives me his hand frankly.

And for the cruel person who tears out
the heart with which I live,
I cultivate neither nettles nor thorns:
I cultivate a white rose.

inviata da silvia - 14/8/2007 - 23:26




Lingua: Francese

Versione francese
Je cultive une rose blanche
En Juin comme en Janvier
Pour l'ami sincère
Qui me tend franchement la main.
Et pour la personne cruelle qui déchire
Le coeur qui me fournit la vie,
je ne cultive ni agaces ni épines:
Je cultive une rose blanche.

inviata da silvia - 14/8/2007 - 23:28


Una bella versione live è contenuta all'interno dell'album dal vivo "L'arca di Noè", del 1970, ristampato su supporto CD dalla Warner appena nel 2003:

http://www.sergioendrigo.it/Discografia/Discografia%20-%20Italia%20-%20Anni%2070%20-%20LPX%205-6.htm

Alberta Beccaro - 6/1/2008 - 01:43


La versione da studio originale, invece, è ascoltabile nella doppia compilation "Sergio Endrigo - I Grandi Successi Originali" pubblicata dalla allora BMG Ricordi nel 2002 all'interno della sua collana denominata Flashback:

http://www.sergioendrigo.it/Discografia

Alberta Beccaro - 7/1/2008 - 01:30




Lingua: Portoghese

versione portoghese da L'italia in Brasile
Cultivo uma rosa branca
em julho como em janeiro,
para o amigo sincero
que me dá a sua mão franca.

Para quem me quer mal e cansa
este meu coração com quem vivo,
cardos nem urtigas cultivo,
cultivo uma rosa branca.

Cultivo uma rosa branca
em julho como em janeiro,
para o amigo sincero
que me dá a sua mão franca.

Para quem me quer mal e cansa
este meu coração com quem vivo,
cardos nem urtigas cultivo,
cultivo uma rosa branca.

inviata da DonQuijote82 - 18/10/2012 - 09:15




Lingua: Italiano

"Imitazione da José Marti" di Edoardo Sanguineti

(più traduzione che imitazione, direi).
Coltivo una rosa mia bianca
d'estate come d'inverno
per il mio amico fraterno
che mi tende la mano fedele.

Per chi mi strappa crudele
il cuore nel quale io vivo
né cardo né ortica coltivo
coltivo una rosa mia bianca.

inviata da Grigua - 19/11/2012 - 21:25


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org