Lingua   

Canecutters

Loris Vescovo


Lingua: Friulano


Ti può interessare anche...

A Scream For Lampedusa
(Michele Braga)
Argjentina
(Luigi Maieron)


[2009]
Album:Borderline
o soi jo, platât pai spielis di chist puart
o soi jo, che o cjali chiste tiare cence tuart
se tu vens ca sù pa cretis tu sês muart
se tu mi lassis impastanade tu sês un bastart
look around, what you've found

ei tu mate, cjonçecjanis cjoc di un cence pan
muse nere, voi celescj, manarie uçade in man
glot le lenghe dolce e il savôr di sei talian
cjane che si disfe in sucar e al furlan in australian
look around, watch your wond

al soreli tropicâl dal Queensland come altâr
e jo achì a cuinçâ cjanis o soi un organâr
les blestemis intonadis come al cjant di un gnûf messâl
al ricuart di jê mi tache tant che rusin su pal fiar
look around, that's your sound

le mê fie mi dîs che me nevôt si scuint
cuant che jê lu mene ator pal mieç de int
che al inglês che si ’sabae lontan si sint
cuant che al sloche al cjacarâ tant che a Tarcint
look around feel your wound

inviata da adriana - 27/10/2009 - 18:59




Lingua: Italiano

Versione italiana da questa pagina
Tagliatori di canna

Sono io, nascosto tra gli specchi di questo porto
sono io, che guardo questa terra senza torto
se vieni quassù sulle pareti di roccia sei morto
se mi lasci così a metà sei un bastardo
guardati in giro, cos’hai trovato

hey tu compare tagliacanne ubriaco di un senza pane
faccia nera, occhi celesti, ascia affilata in mano
ingoia la lingua dolce ed il sapore di essere italiano
canna che si disfa in zucchero ed il friulano in australiano guardati in giro, guarda la tua bacchetta magica

il sole tropicale del Queensland come altare
ed io che metto a posto canne sono un organaro
le bestemmie intonate come il canto di un nuovo messale
il ricordo di lei mi corrode come la ruggine sul ferro
guardati in giro, questo è il tuo suono

mia figlia mi dice che mio nipote si nasconde
quando lei lo porta in mezzo alla gente
perchè l’inglese che si farfuglia si riconosce da lontano
quando scatta la parlata di Tarcento
guardati in giro, senti la tua ferita

inviata da adriana - 27/10/2009 - 19:00




Lingua: Inglese

Versione inglese da questa pagina
t’s me, hidden between the mirrors of this port
it’s me, who looks at this land without blame
if you come here up in the mountain cliffs you’re dead
if you leave me in half like this you’re a bastard
look around, what you have found

hey you my drunk cane cutter friend, not even a piece of bread
black face, blue eyes, hatchet sharpened in hand
swallow your sweet tongue and the taste of being Italian
cane that dissolves into sugar and Friulian into Australian
look around, look at your magic wand

the tropical sun of Queensland an alter
and me that ties away the sugarcane a pipe organ maker
the swearing in tune like a hymn in a new missal
the memory of her eats at me like rust on iron
look around, that’s your sound

my daughter tells me that my nephew hides himself
when she takes him amongst the people
because the English we mumble stands out in the crowd
when the language clicks like back in Tarcento
look around, feel your wound

inviata da adriana - 27/10/2009 - 19:02


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org