Lingua   

Quanno turnammo a nascere

Musicanova




Ti può interessare anche...

Canto allo scugnizzo
(Musicanova)
Teresa stanca di guerra
(Teresa De Sio)
Riturnella
(anonimo)


quanno turnammo a nascere A Sud A Sud


Perla di Carlo D'Angiò scritta per i Musica Nova nel 1979 che riportiamo nella versione che Teresa De Sio (che, giovanissima, ha fatto parte del progetto Musica Nova), ha riproposto venticinque anni dopo nell'album del 2004 "A sud A sud!". La prima strofa, quella in italiano ed esplicitamente contro la guerra, non è presente nella versione originale.

Così Teresa de Sio commenta la nuova versione
"Solo io, la mia voce e la chitarra, suonata in quel modo che mi sono inventata che è a metà strada tra come faceva qualche volta Modugno e l’idea di suonare una chitarra come una percussione."
Oi padreterno padreterno mio s'io torno a nascere
fammi nascere libero come un uccello del cielo
fammi nascere libero come un pesce del mare
Oi padreterno padreterno mio
fammi nascere in un mondo
senza più guerre, senza più guerre.

Oi padreterno mio s'io torno a nascere
voglio essere criate piscitiello
pe nun vedè e nu sentere a sto munno
tutte lli cose brutte ca succedeno.
Ah! Si tu me crije auciello oi padreterno
per ll'aria pozze libere vulare
non comm'a mmò ca porto ll'i catene
e aggia faticà comm'a nu schiave.
S'io torno a nascere e me faje
omme n'ata vota, oi padreterno
nun fa figlie e figliastre
nun fa padrone e sotto n'ata vota.
Si o mare volle e n'furia la tempesta
tirammo a varca a sicco, amici miei,
e ce addurmimmo e ce sunnammo
a nu munno addò i figliole ridono
cu li perle d'a vocca schiuse a 'o sole.

inviata da Lorenzo Masetti - 21/2/2005 - 21:50



Lingua: Italiano

Versione italiana di Marco "Che" Randolo
QUANDO NASCEREMO DI NUOVO

Oh, Padreterno, Padreterno mio, se nascerò di nuovo
fammi nascere libero come un uccello del cielo
fammi nascere libero come un pesce del mare.
Oh, Padreterno, Padreterno mio
fammi nascere in un mondo
senza più guerre, senza più guerre.

Oh Padreterno mio, se nascerò di nuovo
voglio essere un pesciolino
per non vedere e non sentire, in questo mondo
tutte le cose brutte che succedono.
Ah! Se tu mi farai rinascere uccello, oh Padreterno
per l'aria potrò volare libero,
non come ora che ho le catene
e devo lavorare come uno schiavo.
Se rinascerò, e mi rifarai
uomo un'altra volta, oh Padreterno,
non fare figlio e figliastro,
non fare padrone, e sotto ancora.
Se il mare bolle e infuria la tempesta
tiriamo la barca a secco, amici miei,
e addormentiamoci, e sognamo
un mondo dove i bambini ridono
con le perle della bocca aperte al sole.

inviata da MarcoChe - 7/9/2006 - 21:56



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org