Lingua   

The Lament Of The Border Widow

anonimo


Lingua: Scozzese


Ti può interessare anche...

The Wars O' Germany
(Tannahill Weavers)
Gamble man
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
The Highland Widow's Lament
(Robert Burns)


childb
Child #106H
Tradizionale scozzese, XVI secolo
Scottish Traditional, 16th Century

borderwThe Lament of the Border Widow è una tipica border ballad dell’epoca, compresa tra la seconda metà del XVI e la prima metà del XVII secolo, in cui le terre di frontiera tra Inghilterra e Scozia erano terreno di guerra continua tra i sovrani dei rispettivi stati e tra i clan e le famiglie che li sostenevano. Fu un secolo terrificante per le Lowlands scozzesi (cfr. anche Captain Ker, or Edom o’ Gordon): una “guerra dimenticata” dell’epoca, che impoveri’ e spopolo’ la Scozia meridionale e l’Inghilterra settentrionale per secoli, annientando tra l’altro completamente la società tradizionale scozzese. Logico che i mille e mille episodi di questa guerra abbiano dato luogo a decine di ballate che sono tra le più belle dell’intero corpus childiano; in ogni guerra fioriscono le canzoni.

Gli avvenimenti narrati in questa straordinaria ballata sembrano riferirsi ad un episodio dei primissimi tempi della guerra, ovvero l’assassinio a tradimento di Cockburn di Henderland, fatto uccidere nel proprio castello da Giacomo V, nel 1529; è sicuramente una versione collaterale di un’altra (ed assai più lunga) ballata, intitolata The Famous Flower of Serving-Men (Child 106A), in cui viene narrata una delle più celebri stragi di clan, quella dei McGregor. Il presente testo proviene invece dalla celebre Minstrelsy of the Scottish Border di Sir Walter Scott, pp. 381-2 ("sentita recitare nella foresta di Ettrick"), mentre la melodia fu pubblicata nella Select Collection of Original Scotish [sic] Airs di George Thomson (1805).

The Lament of the Border Widow è senz’altro una delle più belle ballate scozzesi, l’espressione lirica (stavolta in prima persona) del dolore di una delle tante vedove di quei tempi lontani che si trovavano a dover affrontare la vita senza il proprio compagno al fianco. La ballate tradizionali sono spesso incentrate su battaglie, sul “coraggio”, e sull’ “eroismo”; in una parola, ciò che viene esaltato o comunque messo in grande risalto sono le cosiddette “virtù virili”. Ma dietro tutto questo, come in ogni epoca, c’erano il dolore e gli stenti di chi rimaneva. Mogli, figli, servi privati del padrone e, quindi, del lavoro e della protezione. Una volta tanto, una ballata dà voce a queste persone.[RV]
My love he built me a bonny bower,
And clad it a’ wi’ lilye flour;
A brawer bower ye ne’er did see
Than my true love he built for me.

There came a man by middle day,
He spied his sport and went away,
And brought the king, that very night,
Who brake my bower and slew my knight.

He slew my knight to me sae dear,
He slew my knight and poin’d his gear;
My servants all for life did flee
And left me in extremitie.

I sew’d his sheet, making my mane,
I watched the corpse myself alane,
I watched his body night and day;
No living creature came that way.

I took his body on my back,
And whiles I gaed, and whiles I sate;
I digg’d a grave and laid him in,
And happ’d him with the sod sae green.

But think na ye my heart was sair
When I laid the moul on his yellow hair?
O think na ye my heart was wae
When I turn’d about, away to gae?

Nae living man I’ll love again,
Since that my lovely knight is slain;
Wi’ ae lock of his yellow hair
I’ll chain my heart for evermair.

inviata da Riccardo Venturi




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi (1984)
da Ballate popolari angloscozzesi ("child ballads") e francesi
IL LAMENTO DELLA VEDOVA DI FRONTIERA

Una bella camera mi fece il mio amore,
La rivestì tutta quanta di fiori di giglio;
Più bella dimora non avreste mai visto
Di quella che mi fece il mio amore.

Ma venne un uomo, venne in pieno giorno
A spiare quello che lui faceva;
La notte stessa fece entrare il Re In camera,
e uccise il mio cavaliere.

Il mio cavaliere, per me tanto amato,
Lo uccise e vendette tutte le sue cose;
I servi fuggiron per salvarsi la vita
E mi lasciarono in preda agli stenti.

Cucii il suo sudario e gli cantai il lamento,
Vegliai il suo corpo, lo vegliai da sola;
Vegliai il suo corpo giorno e notte,
Nessuno venne a vegliare con me.

Presi il suo corpo, lo presi in ispalla,
Facevo un passo e cadevo a sedere;
Scavai una fossa, ve lo posi dentro,
Lo ricoprii con le verdi zolle.

V’immaginate la pena nel cuore
Quando di terra coprii i biondi capelli?
V’immaginate la pena nel cuore
Quando andai via, voltandomi indietro?

Mai più nessuno avrà il mio amore
Perché il mio amato oramai giace ucciso;
Con una ciocca dei suoi biondi capelli
Ho incatenato il mio cuore per sempre.



Lingua: Inglese

Nell’introduzione a questa ballata Riccardo faceva riferimento ad un testo ben più lungo cui “The Lament of the Border Widow” si rifà. Si tratta per l’appunto di “Famous Flower of Serving Men”, il cui autore fu tal Laurence Price, balladeer londinese attivo tra il 1625 ed il 1680, che la pubblicò nel 1656.

Shearwater

Molti gli artisti inglesi che l’hanno interpretata, primo fra tutti Martin Carthy, a partire dal suo album del 1972 intitolato "Shearwater”.
Di seguito riporto note introduttive e testo della ballata nella versione di Carthy, come tratti da English Folk Music

“By common consent, the finest piece on the album is Famous Flower of Serving Men. The plot (brace yourself!): a mother sends violent thugs to her daughter's house to kill her husband and baby. The young woman digs their graves, buries them, dries her tears, cuts off her hair and dresses herself as a man. She goes to work at the King's court, where the King falls in love with her although he thinks she is a man, so he makes her his chamberlain. The King goes hunting one day and is led deep into the forest, to the site of the graves, by a magical white hind. He is visited by a white dove who is the spirit of the murdered husband and tells him the whole story, whereupon the King rides home, swearing vengeance on the mother, and sweeps the Famous Flower of Serving Men into his arms, and has the mother taken prisoner and burned at the stake. No mention of happy ever afters. The song is utterly compelling, with its complex but hypnotic rhythm and the vivid images it inspires: “They left me naught to dig his grave but the bloody sword that slew my babe”—it could easily be the substance of a full length opera, a film, a classical ballet, and Shakespeare could have made a major play out of it. Carthy manages to convey all this immense drama and emotion in under ten minutes. A. L. “Bert” Lloyd (one of the doyens of English folk music) apparently once said something about this: one shouldn't be surprised at such a song being so many verses long, but that it should be so many verses short.”



“[...] The last song is The Famous Flower of Serving Men—which is very close to my heart. I first recorded it on a now unavailable album called Shearwaterand felt that it was time to have another shot at it. Over time these big songs have a habit of revealing more of themselves to you and over the space of thirty years or more this is no exception. The Famous Flower is another name for the May flower which is a symbol of ill luck and mischief. This song is about terminal bullying, child killing, abject humiliation and shame, redemption and terrible revenge. And all in the name of justice. There's a fury in those first five verses which sends the same shiver through me as when I first read them in 1970. The parson who sent them to Sir Walter Scott never sent the rest (!) so I glued some bits together and made up chunks to tell a story which is clear and terrifying. How people do things like this to each other and survive such episodes is beyond me but they do, don't they?”

FAMOUS FLOWER OF SERVING MEN

My mother did me deadly spite
For she sent thieves in the dark of night
Put my servants all to flight
They robbed my bower they slew my knight

They couldn't do to me no harm
So they slew my baby in my arm
Left me naught to wrap him in
But the bloody sheet that he lay in

They left me naught to dig his grave
But the bloody sword that slew my babe
All alone the grave I made
And all alone the tears I shed

And all alone the bell I rang
And all alone the psalm I sang
I leaned my head all against a block
And there I cut my lovely locks

I cut my locks and I changed my name
From Fair Eleanor to Sweet William
Went to court to serve my king
As the famous flower of serving men

So well I served my lord, the king
That he made me his chamberlain
He loved me as his son
The famous flower of serving men

Oh oft time he'd look at me and smile
So swift his heart I did beguile
And he blessed the day that I became
The famous flower of serving men

But all alone in my bed at e'en
Oh there I dreamed a dreadful dream
I saw my bed swim with blood
And I saw the thieves all around my head

Our king has to the hunting gone
He's ta'en no lords nor gentlemen
He's left me there to guard his home
The famous flower of serving men

Our king he rode the wood all around
He stayed all day but nothing found
And as he rode himself alone
It's there he saw the milk white hind

Oh the hind she broke, the hind she flew
The hind she trampled the brambles through
First she'd mount, then she'd sound
Sometimes before, sometimes behind

Oh what is this, how can it be?
Such a hind as this I ne'er did see
Such a hind as this was never born
I fear she'll do me deadly harm

And long, long did the great horse turn
For to save his lord from branch and thorn
And but long e'er the day was o'er
It tangled all in his yellow hair

All in the glade the hind drew nigh
And the sun grew bright all in their eye
And he sprang down, sword drew
She vanished there all from his view

And all around the grass was green
And all around where a grave was seen
And he sat himself all on the stone
Great weariness it seized him on

Great silence hung from tree to sky
The woods grew still, the sun on fire
As through the woods the dove he came
As through the wood he made his moan

Oh, the dove, he sat down on a stone
So sweet he looked, so soft he sang
“Alas the day my love became
The famous flower of serving men”

The bloody tears they fell as rain
As still he sat and still he sang
“Alas the day my love became
The famous flower of serving men”

Our king cried out, and he wept full sore
So loud unto the dove he did call
“Oh pretty bird, come sing it plain”

“Oh it was her mother's deadly spite
For she sent thieves in the dark of the night
They come to rob, they come to slay
They made their sport, they went their way

“And don't you think that her heart was sore
As she laid the mould on his yellow hair
And don't you think her heart was woe
As she turned her back away to go

“And how she wept as she changed her name
From Fair Eleanor to Sweet William
Went to court to serve her king
As the famous flower of serving men”

Oh the bloody tears they lay all around
He's mounted up and away he's gone
And one thought come to his mind
The thought of her that was a man

And as he rode himself alone
A dreadful oath he there has sworn
And that he would hunt her mother down
As he would hunt the wildwood swine

For there's four and twenty ladies all
And they're all playing at the ball
But fairer than all of them
Is the famous flower of serving men

Oh he's rode him into his hall
And he's rode in among them all
He's lifted her to his saddle brim
And there he's kissed her cheek and chin

His nobles stood and they stretched their eyes
The ladies took to their fans and smiled
For such a strange homecoming
No gentleman had ever seen

And he has sent his nobles all
Unto her mother they have gone
They've ta'en her that's did such wrong
They've laid her down in prison strong

And he's brought men up from the corn
And he's sent men down to the thorn
All for to build the bonfire high
All for to set her mother by

All bonny sang the morning thrush
All where he sat in yonder bush
But louder did her mother cry
In the bonfire where she burned close by

For there she stood all among the thorn
And there she sang her deadly song
“Alas the day that she became
The famous flower of serving men”

For the fire took first all on her cheek
And then it took all on her chin
It spat and rang in her yellow hair
And soon there was no life left in

inviata da Bernart Bartleby - 16/11/2016 - 08:33


Beh Bernart, che fare se non ringraziarti? Da "vecchio ballatajolo" come mi definisco a volte, mi fa un immenso piacere vedere la "106A" qua dentro. Sono cose, per me, che mi riportano invariabilmente ai miei "salad days"...

Riccardo Venturi - 16/11/2016 - 10:49




Lingua: Italiano

Traduzione di Cattia Salto della versione di Martin Carthy

Nella versione di Martin Carthy che ha rielaborato il testo di Child integrandolo con alcuni frammenti di The Lament of the Border Widow,gli orrori delle razzie dei Border Rivers sono trasfigurati nella fiaba e la parte del cattivo spetta alla madre o matrigna della protagonista: come la regina cattiva di Biancaneve, manda i suoi sgherri a uccidere la famiglia della figliastra, non è ben chiaro come la fanciulla riesca a salvarsi (forse lasciata volutamente in vita come una raffinata forma di crudeltà), ma marito e figlioletto vengono massacrati e lei, sola, li piange e seppellisce.

Ed ecco che arriva la parte magica: mentre il re si trova a caccia, una cerva bianca (vedi) lo guida nel folto della foresta presso le tombe e un uccello (una colomba bianca) gli racconta tutta la storia. Il re così rimette le cose a posto, sposa la fanciulla e manda al rogo la matrigna.
Terre celtiche
IL FIOR FIORE DEI SERVITORI

Mia madre mi fece un terribile torto
perché mi mandò dei ladri nel cuore della notte
che hanno fatto fuggire tutti i miei servitori,
hanno distrutto la mia casa, ucciso il mio cavaliere.

Ma non potevano farmi del male,
così mi uccisero il bambino in braccio
e non mi lasciarono niente con cui avvolgerlo
se non il lenzuolo insanguinato in cui giaceva

Non mi lasciarono nulla con cui scavare la sua tomba, solo la spada insanguinata che uccise il mio bambino.
Da sola scavai la fossa
e da sola versai le lacrime.

E da sola suonai la campana
e da sola recitai i salmi
chinai la mia testa sul ceppo
e tagliai i miei bei riccioli

Mi tagliai i capelli e cambiai il nome
da Eleonora la bella in William il bello
e andai a corte a servire il mio re
come il fior fiore dei servitori

Così bene servii il re mio signore
che mi fece suo ciambellano
e mi amò come un figlio
il fior fiore dei servitori.

Spesso mi guardava e sorrideva
così presto il suo cuore incantai
ed egli benedì il giorno in cui divenni
il fior fiore dei servitori

Ma tutta sola nel letto di sera
sognai un sogno terribile
vidi il letto bagnato di sangue
e vidi i ladri tutti intorno al mio capezzale.

Il nostro Re è andato a caccia
non ha preso Lord o cavalieri
mi ha lasciata qui a custodire la sua casa
il fior fiore dei servitori

Il nostro re cavalcò nei dintorni del bosco
e vi rimase tutto il giorno senza trovare nulla
e mentre cavalcava tutto solo
vide una cerva bianca come il latte

La cerva scappava, la cerva volava
via, la cerva calpestava i rovi
prima scompariva, poi lanciava un richiamo
a volte davanti, a volte dietro

"Che cos'è, com'è possibile?
Non ho mai visto una cerva come questa
una tale cerva non è mai nata (1),
temo che mi porterà un male mortifero"

Tante volte il grande cavallo svoltò
per salvare il suo padrone dai rami e dalle spine
ma molto prima che la giornata finisse
si aggrovigliarono ai suoi capelli biondi

In una radura la cerva si avvicinò,
il sole splendeva luminoso nei suoi occhi,
egli balzò giù e sguainò la spada
e lei scomparve di colpo alla sua vista.

E l'erba era verde tutt'intorno
tutt'intorno dove c'era stata una tomba
e lui si sedette sulla pietra
preso da una grande stanchezza.

Un grande silenzio scese sugli alberi dal cielo
il bosco immobile e il sole di fuoco,
mentre dal bosco venne una colomba (2)
e dal bosco lanciò il suo richiamo.

La colomba si fermò su una pietra
così bella sembrava, così soave cantava
"Ahimè il giorno in cui il mio amore
è diventato il fior fiore dei servitori"

Lacrime di sangue cadevano come pioggia
mentre immobile cantava
"Ahimè il giorno in cui il mio amore
è diventato il fior fiore dei servitori"

Il nostro re gridò e pianse pieno di dolore
così forte verso la colomba che la chiamò
"O bell'uccello, vieni a raccontare tutto"

"Oh fu la la cattiveria mortale della madre
che mandò dei ladri nel cuore della notte
vennero a depredare,vennero a uccidere (3)
fecero i loro comodi e ripresero la loro strada.

Non credi che il suo cuore fosse dolorante
mentre si cospargeva i biondi capelli di cenere
e non credi che il suo cuore soffrisse
mentre voltava le spalle per andarsene?

E come piangeva mentre si cambiò il nome
da Eleonora la bella a William il bello,
andò a corte a servire il suo re
come il fior fiore dei servitori"

Lacrime di sangue si sparsero tutt'intorno
(la colomba) volo in alto e andò via
e un pensiero gli riempì la mente
il pensiero di lei che era un uomo.

Così mentre correva da solo
un patto terribile giurò
che avrebbe ucciso la madre
così come dava la caccia
ai porci nel bosco

C'erano in tutto 24 fanciulle
che giocavano alla palla (4)
ma la più bella tra loro era
il fior fiore dei servitori

Lui cavalcò verso il castello
e corse in mezzo a loro
e la sollevò sul bordo della sella
e la baciò sulla bocca. (5)

I nobili si alzarono e strizzarono gli occhi
e le dame presero i loro ventagli (6) e sorrisero
per un tale inusuale ritorno a casa
che nessun cavaliere aveva mai visto.

E lui mandò tutti i suoi nobili,
dalla madre di lei andarono
la presero in malo modo
e la portarono in una prigione sicura.

E lui mandò gli uomini nei campi
e li mandò tra i rovi
perché costruissero un falò alto
perché fosse tutto pronto per la madre di lei.

Dolcemente cantò il tordo del mattino
dove stava posato su un cespuglio
ma più forte gridò la madre di lei
nel falò dove bruciava.

Perché lei stava tra le spine
e cantava la sua canzone terribile
"Ahimè il giorno che lei divenne
il fior fiore dei servitori"

Così il fuoco prese prima tutta la sua guancia
e poi prese tutto il suo mento
divampò tra i suoi capelli biondi
e presto non rimase vita in lei
NOTE
le strofe da I a V sono riportate dalla Signora Barnard di Derry come comunicate dal figlio a Percy nel 1776 "Mrs. Barnard makes this note: I remember to have seen a printed ballad, at least seventy years since, in which this was containd, as sung by a youth, overheard by a king he servd, and exalted to become his queen. I fancy these scenes were in Germany, by the names. Percy regards the verses as a "fragment of an older copy than that printed of 'The Lady turnd Serving-Man.'" The English and Scottish Popular Ballads: Vol. 3 1964
1) la cerva non è una creatura mortale, ma un essere magico e infatti è bianca come tutti i servitori delle fate. IN latre versioni si tratta di un cigno
2) la colomba è l'anima del marito e svolge il ruolo di narratore della storia
3) si riferisce agli autori del misfatto evidentemente dei banditi prezzolati o dei taglia gole che vivevano e si nascondevano nei boschi
4) il gioco della palla è un tipico passatempo dei ragazzi e delle giovinette nelle ballate medievali e veniva praticato nelle vie cittadine o nei parchi dei castelli
5) è buffo come nella ballate non si parli mai di appassionati baci sulla bocca, ma spesso si usi un eufemismo: tra la guancia e il mento c'è per l'appunto la bocca
6) il ventaglio era un accessorio alla moda fin dal medioevo anche se fu il 600 a consacrarlo come inseparabile oggetto di seduzione femminile

inviata da Cattia Salto - 24/4/2017 - 15:57


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org