Lingua   

Joan Peiròl

Lou Dalfin
Lingua: Occitano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Terra 1209
(Lou Dalfin)
Uech oras
(Dupain)
Seguida Dels Camisards: Joan Cavalier / Bauç / Mac Marçons
(Lou Dalfin)


1995
Dall'album "Gibous, bagase e bandì"

150114

" Visto che stiamo saccheggiando 'gobbi bagasce e delinquenti', béccati il pirata di Provenza, che si rompe i maroni un po' di tutto e ci lascia le piume combattendo contro gl'inglesi (una specie di irakeno della Crau, se vogliamo). "
[Marco Sopegno dal NG it.fan.musica.de-andre]
Ara s'envisquen li lumieras,
scrasàas dal cèl, aval a l'orizont
pian pian veu despareiser Iera,
devino encar lo pòrt de Tolon
La libertat es l'aire sul morre,
aquesta mar es tot çò que ai
l'aire e la tela, vòli dire,
sies estat abituda, vida e pantalh
Mòri per estre çò que eri,
ma vida val la mia finicion,
e dins lo cul aquel Emperi,
tuchi i Engles e Napoleon
Fraire de la mar, fraire de la còsta,
l'aiga nos pòrta al nòste destin
la libertat es l'aire e la vela,
la libertat, l'onda e lo dalfin.

inviata da Marco Sopegno



Lingua: Italiano

Versione italiana fornita da Marco Sopegno
JOAN PEIRÒL

Si stanno accendendo le luci,
schiacciate dal cielo, laggiù all'orizzonte,
pian piano vedo scomparire Hyères,
indovino ancora il porto di Tolone.
La libertà è l'aria che ti batte in faccia,
questo mare è tutto quello che ho,
l'aria e la tela, voglio dire,
siete stati per me un'abitudine, vita e sogno
Muoio per essere quello che ero,
la mia vita vale la mia fine,
e nel culo quell'impero,
tutti gli inglesi e Napoleone.
Fratelli del mare, fratelli della costa,
l'acqua ci porta al nostro destino,
la libertà è il vento e la vela,
la libertà l'onda e il delfino.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org