Lingua   

Yellow Triangle

Christy Moore


Lingua: Inglese

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Song of Choice
(Peggy Seeger)
Als die Nazis die Kommunisten holten
(Songgruppe Regensburg)
Yellow Triangle
(Hue and cry)


triangle.[1996]
Lyrics: Christy Moore, based upon a poem by pastor Martin Niemöller
Music: Christy Moore
Dedicated to the memory of Phyllis McGhee
Testo: Christy Moore, basato su una poesia di Martin Niemöller
Musica: Christy Moore.
Dedicato alla memoria di Phyllis McGhee
Album: Graffiti Tongue

niemMartin Niemöller (1892-1984), teologo e pastore luterano tedesco, appoggiò in un primo momento il nazismo per divenirne poi oppositore. Arrestato una prima volta nel 1935 per aver attaccato l'ideologo razzista Alfred Rosenberg, fu liberato per intercessione di alcuni potenti industriali tedeschi; fu però di nuovo arrestato il 1°luglio 1937 dalla Gestapo su diretto ordine di Hitler, infuriato per un suo sermone, e rimase prigioniero fino al 1945, prima a Sachsenhausen e poi a Dachau, quando fu liberato dalle truppe americane durante un trasferimento in Sud Tirolo. Nel dopoguerra si adoperò per la riconciliazione tra i tedeschi ed avversò la divisione della Germania, ma fu anche un organizzatore del movimento pacifista contro la guerra nel Vietnam e contro gli armamenti atomici.

Si tratta di una "poesia contro l'apatia", la "violenza della tranquillità". Nei campi di concentramento, i prigionieri erano costretti a portare dei triangoli di stoffa colorata a seconda della categoria cui appartenevano. Si notino i colori: gli ebrei portavano un triangolo giallo sormontato dalla stella di David. Gli internati politici (comunisti e sindacalisti) portavano un triangolo rosso, gli omosessuali un triangolo rosa e i testimoni di Geova un triangolo porpora. I triangoli verdi erano riservati ai "delinquenti comuni", quelli neri ai cosiddetti "asociali", quelli marroni agli zingari, quelli bianchi a chi aveva scioperato dal lavoro e, infine, quelli blu ai prigionieri di guerra dei paesi occupati.

La poesia, o raccolta di frasi di Martin Niemöller, Als die Nazis die Kommunisten holten è ripetuta in una pagina autonoma a causa dell'interpretazione della Songgruppe Regensburg. Ha una storia assai controversa, nella quale è intervenuta anche un'attribuzione a (o integrazione da parte di) Bertolt Brecht, tuttora assai diffusa. A tale riguardo si rimanda anche al completissimo articolo di en.wikipedia.

La canzone di Christy Moore (1996) è senz'altro la più celebre ispirata ai versi del pastore Niemöller. Fa parte dell'album Graffiti Tongue. (CCG/AWS Staff).

Martin Niemöller (1892-1984), a theologist and a Luteran pastor, supported Nazism at an early moment but came to oppose it later. He was firstly arrested in 1935 for attacking racism ideologist Alfred Rosenberg, but he was set free by intercession of a number of influential German magnates. On July 1st, 1937, he was arrested again by the Gestapo on Hitler's personal order, who was enraged by one of Niemöller's sermons, and remained in the KZ system (Sachsenhausen and Dachau) until 1945, when he was freed by the American troops in South Tirol. In the post-war period, pastor Niemöller contributed to the German reconciliation and opposed the division of Germany.

This is a "poem agains indifference", against the "violence of peacefulness". In the Nazi camps, the prisoners were obliged to wear fabric triangles on their uniforms, painted in different colors according to the category they belonged to. The various colors should be noted: Jews wore a yellow triangle overlapped by a David star. Political prisoners (communists and trade-unionists) wore a red triangle, homosexuals a pink triangle and Jehovah's Witnesses a purple triangle. Green triangles belonged to the "common criminals", black triangles to the so-called "asocials", brown triangles to Gypsies, white triangles to work strikers and, finally, blue triangles to war prisoners from occupied countries.

The poem, or collection of sayings by Martin Niemöller, Als die Nazis die Kommunisten holten is repeated in a self-standing page because of its performance by Songgruppe Regensburg and has a long and controversial history, also superposed by its widespread attribution to (or integration by) Bertolt Brecht. See also the relevant, exhaustive article in en.wikipedia.

Christy Moore's song (1996) is no doubt the most famous musical transposition of Niemöller's verses. It has been recorded in the album
Graffiti Tongue.[AWS/CCG Staff]

INDICE RAPIDO DELLE VERSIONI DISPONIBILI
QUICK INDEX OF VERSION AVAILABLE


  • a) La canzone "Yellow Triangle" / The song "Yellow Triangle" (4 lingue sinora / 5 languages up to now)

  • ItalianoFrancese - Tedesco - Neerlandese - Finlandese

    ItalianFrench - German - Dutch - Finnish

  • b) La poesia "Als die Nazis die Kommunisten holten" di Martin Niemöller / The poem "Als die Nazis die Kommunisten holten" by Martin Niemöller
    (18 lingue sinora / 18 languages up to now)

  • L'originale tedescoEbraico - IngleseItalianoFranceseSpagnoloPortoghese - Catalano - Galego (galiziano) - Neerlandese 1 - Neerlandese 2 - SvedeseNorvegese (bokmål)Russo - Serbo o CroatoPolacco - GiapponeseEsperanto - Occitano

    German originalHebrew - EnglishItalianFrenchSpanishPortuguese - Catalan - Galician - Dutch 1 - Dutch 2 - SwedishNorwegian (bokmål)Russian - SerbocroatPolish - JapaneseEsperanto - Occitan
    Black triangle, pink triangle, green triangle,
    red triangle, blue triangle, lilac triangle,
    And they wore the yellow triangle.

    When first they came for the criminals, I did not speak.
    Then they began to take the Jews,
    When they fetched the people who were members of trade unions,
    I did not speak.
    When they took the Bible students,
    Rounded up the homosexuals,
    Then they gathered up the immigrants and the gypsies,
    I did not speak.
    Eventually they came for me
    And there was no one left to speak.

    inviata da Riccardo Venturi




    Lingua: Italiano

    Versione italiana di Riccardo Venturi (2004)
    Italian version by Riccardo Venturi (2004)

    graffititongue
    IL TRIANGOLO GIALLO

    Triangolo nero, triangolo rosa, triangolo verde
    triangolo rosso, triangolo blu, triangolo lillà
    loro portavano il triangolo giallo.

    Prima vennero per i criminali, e non parlai.
    Poi cominciarono a prendere gli ebrei
    e quando presero i sindacalisti
    io non parlai.
    Quando presero gli studenti di teologia
    ammassarono gli omosessuali
    e poi raccolsero gli immigranti e gli zingari.
    Io non parlai.
    Poi vennero per me
    e non c'era più nessuno che potesse parlare.



    Lingua: Francese

    Version française de Riccardo Venturi
    29 juin 2008
    TRIANGLE JAUNE

    Triangle noir, triangle rose, triangle vert
    triangle rouge, triangle bleu, triangle lilas
    eux, ils portaient un triangle jaune.

    Ils sont venus chercher les criminels, et je n'ai rien dit.
    Puis ils ont commencé à capturer les juifs
    et lorsqu'ils ont pris les syndicalistes
    je n'ai rien dit.
    Lorsqu'ils ont pris les étudiants de théologie
    ils ont amassé les homophiles
    et puis les immigrés et les gitans.
    Je n'ai rien dit.
    Lorsqu'ils sont venus me chercher
    il ne restait plus personne pour protester.

    29/6/2008 - 23:36




    Lingua: Tedesco

    Versione tedesca di Riccardo Venturi
    German Version by Riccardo Venturi
    30 giugno 2008
    GELBES DREIECK

    Gelbes Dreieck, rosa Dreieck, grünes Dreieck
    rotes Dreieck, blaues Dreieck, fliederfarbiges Dreieck,
    sie trugen ein gelbes Dreieck.

    Als sie die Verbrecher holten, habe ich geschwiegen.
    Dann fangen sie an, die Juden zu holen
    und als sie die Gewerkschafter holten
    habe ich geschwiegen.
    Als sie die Theologiestudenten holten
    häuften sie die Homosexuellen an
    und dann sperrten sie Immigranten und Zigeuner ein.
    Ich habe geschwiegen.
    Als sie mich holten,
    gab es keiner mehr, der protestieren könnte.

    30/6/2008 - 14:33




    Lingua: Francese

    Versione francese di Marc Robine, nell’album intitolato “L’exil” (1998)

    L’exil


    ALERTE

    Quand ils sont venus prendre, les Juifs,
    Je n'ai rien dit car je ne suis point juif
    Quand ils sont venus prendre, les Noirs,
    J'étais de ceux qui ne voulaient rien voir
    Quand ils sont venus prendre, les Beurs,
    Je n'ai rien fait, je n'étais pas des leurs

    Mais le jour où ils viendront me prendre
    Restera-t-il quelqu'un pour me défendre ?
    Oh, le jour où ils viendront me prendre
    Restera-t-il quelqu'un pour me défendre ?

    Quand ils sont venus prendre, les Rouges,
    Je n'ai rien dit, je me méfiais des Rouges
    Quand ils sont venus prendre, les femmes,
    J'étais de ceux qui n'avaient pas de femme
    Quand ils sont venus prendre, les gays,
    Je n'ai rien fait, je n'étais pas concerné

    Mais le jour où ils viendront me prendre
    Restera-t-il quelqu'un pour me défendre ?
    Oh, le jour où ils viendront me prendre
    Restera-t-il quelqu'un pour me défendre ?

    Quand ils ont commencé à prendre nos villes
    Je n'ai rien dit, j'étais d'une autre ville
    Quand ils ont défilé dans nos rues
    J'étais de ceux qui n'avaient toujours rien vu
    Quand ils sont venus prendre mon voisin
    C'était trop tard, je n'y pouvais plus rien

    Aujourd'hui qu'ils sont là pour me prendre
    Il n'y a plus personne pour me défendre !
    Aujourd'hui qu'ils sont là pour me prendre
    Il n'y a plus personne pour me défendre !
    Aujourd'hui qu'ils sont là pour me prendre
    Il n'y a plus personne pour me défendre !
    Aujourd'hui qu'ils sont là pour me prendre
    Il n'y a plus personne pour me défendre !

    inviata da Bernart Bartleby - 13/11/2014 - 20:56




    Lingua: Neerlandese

    Versione neerlandese (olandese/fiamminga) di Luc Wynants
    GELE DRIEHOEK

    Zwarte driehoek, roze driehoek, groene driehoek,
    rode driehoek, blauwe driehoek, paarse driehoek,
    en ze droegen de gele driehoek.

    Eerst kwamen ze voor de misdadigers, ik zei niets,
    Toen begonnen ze de Joden op te pakken,
    Toen ze de vakbondsmensen kwamen halen sprak ik niet.
    Toen ze de bijbelstudenten oppakten,
    De homoseksuelen uit de weg ruimden,
    En dan de immigranten en de zigeuners oppakten, sprak ik niet.
    Toen ze tenslotte voor mij kwamen
    Was er niemand meer over om te spreken.

    inviata da Riccardo Venturi




    Lingua: Finlandese

    Traduzione finlandese / Translation / Traduction / Suomennos: Juha Rämö
    KELTAINEN KOLMIO

    Musta kolmio, vaaleanpunainen kolmio, vihreä kolmio,
    punainen kolmio, sininen kolmio, sinipunainen kolmio,
    ja heidän kolmionsa väri oli keltainen.

    Kun he aluksi tulivat hakemaan rikollisia, minä vaikenin.
    Sitten he tulivat hakemaan juutalaisia,
    ja kun vuorossa oli ammattiyhdistysväki,
    minä vaikenin.
    Kun he tulivat hakemaan raamatuntutkijoita,
    alkoivat koota yhteen homoseksuaaleja
    ja sitten maahanmuttajia ja mustalaisia,
    minä vaikenin.
    Lopulta he tulivat hakemaan minua
    eikä enää ollut ketään, joka olisi voinut puhua.

    inviata da Juha Rämö - 8/7/2016 - 06:38




    Lingua: Tedesco

    La poesia attribuita a Martin Niemöller
    (Si veda anche Als die Nazis die Kommunisten holten)

    firsttheycame


    In realtà sembra che non esista una poesia completa scritta da Niemöller e pubblicata ufficialmente, anche se queste frasi vengono ampiamente citata e con molte varianti. Nei paesi di lingua spagnola (e anche altrove) la poesia è spesso attribuita a Bertolt Brecht, ma la cosa è stata smentita a più riprese anche dal Bertolt Brecht Archiv di Berlino. Sicuramente, comunque, i sentimenti espressi nella poesia si trovano nei sermoni di Niemöller fin dal 1946. Fu pubblicata per la prima volta in volume nel 1955 da Milton Mayer in They Thought They Were Free; la versione qui riprodotta è quella che lo stesso Niemöller, in un'intervista del 1971, disse di "preferire come definitiva" perché maggiormente rispondente ai suoi pensieri. La prima edizione curata dall'autore è del 1976

    Si vedano anche, per la loro completezza:

  • L'articolo relativo di en.wikipedia.

  • Lo studio completo sull'origine dei versi, di Harold Marcuse (segnalato da Franco Senia): Martin Niemöller's famous quotation: "First they came for the Communists" What did Niemoeller really say? Which groups did he name? In what order? Harold Marcuse, UC Santa Barbara (2005)
  • ALS DIE NAZIS DIE KOMMUNISTEN HOLTEN

    Als die Nazis die Kommunisten holten,
    habe ich geschwiegen;
    ich war ja kein Kommunist.

    Als sie die Sozialdemokraten einsperrten,
    habe ich geschwiegen;
    ich war ja kein Sozialdemokrat.

    Als sie die Gewerkschafter holten,
    habe ich nicht protestiert;
    ich war ja kein Gewerkschafter.

    Als sie die Juden holten,
    habe ich nicht protestiert;
    ich war ja kein Jude.

    Als sie mich holten,
    gab es keinen mehr, der protestieren könnte.

    6/11/2005 - 22:17




    Lingua: Ebraico

    La versione ebraica della poesia
    (da he.wikipedia - מרטין נימלר)
    לא הרמתי את קולי
    בגרמניה לקחו הנאצים תחילה את הקומוניסטים,
    אני לא הרמתי את קולי, כי לא הייתי קומוניסט,
    ואז הם לקחו את היהודים,
    ואני לא הרמתי את קולי, כי לא הייתי יהודי,
    ואז הם לקחו את חברי האגודים המקצועיים,
    ואני לא הרמתי את קולי, כי לא הייתי חבר אגוד מקצועי,
    ואז הם לקחו את הקתולים,
    ואני לא הרמתי את קולי, כי הייתי פרוטסטנטי,
    ואז הם לקחו אותי,
    אך באותה עת כבר לא נותר אף אחד שירים את קולו למעני.

    inviata da Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 19:58




    Lingua: Inglese

    Versione inglese della poesia

    niemquote
    FIRST THEY CAME FOR THE COMMUNISTS

    First they came for the communists,
    I did not speak out
    because I was not a communist.

    When they came for the social democrats,
    I did not speak out
    because I was not a social democrat.

    When they came for the trade unionists
    I did not speak out
    because I was not a trade unionist.

    When they came for the Jews
    I did not speak out
    because I was not a Jew;

    And when they came for me,
    there was no one left to speak out.

    6/11/2005 - 22:21




    Lingua: Italiano

    Versione italiana della poesia

    Martin Niemöller e la figlia Sybil assieme al fisico Linus Pauling, nel 1983.
    Martin Niemöller e la figlia Sybil assieme al fisico Linus Pauling, nel 1983.
    PRIMA VENNERO PER I COMUNISTI

    Prima vennero per i comunisti,
    e io non dissi nulla
    perché non ero comunista.

    Poi vennero vennero per i socialdemocratici
    io non dissi nulla
    perché non ero socialdemocratico

    Poi vennero per i sindacalisti,
    e io non dissi nulla
    perché non ero sindacalista.

    Poi vennero per gli ebrei,
    e io non dissi nulla
    perché non ero ebreo.

    Poi vennero a prendere me.
    E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa.

    6/11/2005 - 22:23




    Lingua: Francese

    Versione francese della poesia
    LORSQUE LES NAZIS SONT VENUS CHERCHER LES COMMUNISTES

    Lorsque les nazis sont venus chercher les communistes
    Je n'ai rien dit
    Je n'étais pas communiste.

    Lorsqu'ils sont venus chercher les sociaux-démocrates
    Je n'ai rien dit
    Je n'étais pas social-démocrate.

    Lorsqu'ils sont venus chercher les syndicalistes
    Je n'ai rien dit
    Je n'étais pas syndicaliste.

    Lorsqu'ils sont venus chercher les juifs
    Je n'ai rien dit
    Je n'étais pas juif.

    Puis ils sont venus me chercher
    Et il ne restait plus personne pour protester.

    6/11/2005 - 22:25




    Lingua: Spagnolo

    Versione spagnola della poesia
    PRIMERO VINIERON POR LOS COMUNISTAS

    Primero vinieron por los comunistas,
    pero como yo no era comunista
    no alcé la voz.

    Luego vinieron por los socialistas y los sindicalistas,
    pero como yo no era ninguna de las dos cosas,
    tampoco alcé la voz.

    Después vinieron por los judíos,
    y como yo no soy judío,
    tampoco alcé la voz.

    Y cuando vinieron por mi,
    ya no quedaba nadie que alzara la voz
    para defenderme.

    inviata da Riccardo Venturi - 14/10/2007 - 00:19




    Lingua: Portoghese

    La versione portoghese della poesia
    (da Together we Stand, Divided we Fall)
    PRIMEIRO VIERAM PRENDER OS COMUNISTAS

    Primeiro vieram prender os comunistas,
    e eu não levantei a minha voz
    porque não era comunista.

    Depois vieram prender os sindicalistas e os socialistas,
    e eu não levantei a minha voz
    porque não era nem uma coisa nem outra.

    Depois vieram prender os judeus,
    e eu não levantei a minha voz
    porque não era judeu.

    Depois vieram prender-me
    e já não restava ninguém para levantar a voz por mim.

    inviata da Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 19:34




    Lingua: Catalano

    La versione catalana della poesia
    (da ca.wikipedia - Martin Niemöller)
    QUAN ELS NAZIS VAN VINDRE A BUSCAR ELS COMUNISTES

    Quan els nazis van vindre a buscar els comunistes,
    vaig guardar silenci,
    perquè jo no era comunista,

    Quan van empresonar els socialdemòcrates,
    vaig guardar silenci,
    perquè jo no era socialdemòcrata,

    Quan van vindre a buscar els sindicalistes,
    no vaig protestar,
    perquè jo no era sindicalista,

    Quan van vindre a buscar els jueus,
    no vaig protestar,
    perquè jo no era jueu,

    Quan van vindre a buscar-me,
    no hi havia ningú més que poguera protestar.

    inviata da Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 19:48




    Lingua: Galiziano

    La versione della poesia in lingua galega (galiziana)
    (da gl.wikipedia - Martin Niemöller)
    CANDO OS NAZIS VIÑERON BUSCAR AOS COMUNISTAS

    Cando os nazis viñeron buscar aos comunistas,
    gardei silencio,
    porque eu non era comunista,

    Cando encarceraron aos socialdemócratas,
    gardei silencio,
    porque eu non era socialdemócrata,

    Cando viñeron buscar aos sindicalistas,
    non protestei,
    porque eu non era sindicalista,

    Cando viñeron buscar aos xudeus,
    non protestei,
    porque eu non era xudeu,

    Cando viñeron buscarme a min,
    non había ninguén máis que puidese protestar.

    inviata da Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 19:53




    Lingua: Neerlandese

    La versione neerlandese (olandese/fiamminga) della poesia
    (da Vrije Encyclopedie van het Conflict Israël-Palestina)
    TOEN ZE DE COMMUNISTEN KWAMEN HALEN

    Toen ze de communisten kwamen halen
    heb ik niets gezegd,
    ik was geen communist.

    Toen ze de vakbondsleden kwamen halen
    heb ik niets gezegd,
    ik was geen vakbondslid.

    Toen ze de joden kwamen halen
    heb ik niets gezegd,
    ik was geen jood.

    Toen ze de katholieken kwamen halen
    heb ik niets gezegd,
    ik was geen katholiek.

    Toen kwamen ze mij halen,
    en er was niemand meer om iets te zeggen.

    inviata da Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 19:39




    Lingua: Neerlandese

    Ulteriore versione neerlandese (olandese/fiamminga)
    (da nl.wikipedia - Martin Niemöller)
    TOEN DE NAZI'S DE COMMUNISTEN ARRESTEERDEN

    Toen de nazi’s de communisten arresteerden
    heb ik gezwegen;
    Ik was immers geen communist.

    Toen ze de sociaaldemocraten gevangen zetten
    heb ik gezwegen;
    Ik was immers geen sociaaldemocraat.

    Toen ze de syndicalisten kwamen halen
    heb ik gezwegen;
    Ik was immers geen syndicalist.

    Toen ze de Joden opsloten
    heb ik gezwegen;
    Ik was immers geen Jood.

    Toen ze de katholieken arresteerden
    heb ik gezwegen;
    Ik was immers geen katholiek.

    Toen ze mij kwamen halen
    was er niemand meer die nog kon protesteren.

    inviata da Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 19:46




    Lingua: Svedese

    La versione svedese della poesia
    (da sv.wikipedia)
    I TYSKLAND HÄMTADE DE FÖRST KOMMUNISTERNA

    I Tyskland hämtade de först kommunisterna,
    och jag protesterade inte,
    för jag var inte kommunist,

    Sedan hämtade de de fackanslutna,
    och jag protesterade inte,
    för jag var inte fackansluten,

    Sedan hämtade de judarna,
    och jag protesterade inte,
    för jag var inte jude,

    Sedan hämtade de de mig,
    och då fanns ingen kvar som protesterade.

    inviata da Riccardo Venturi - 29/6/2008 - 15:49




    Lingua: Norvegese

    La versione norvegese (bokmål) della poesia, che in questo caso si intitola "Indifferenza" (Likegyldighet).
    (da no.wikipedia)
    LIKEGYLDIGHET

    Først tok de jødene
    men jeg brydde meg ikke
    for jeg var ikke jøde.

    Deretter tok de kommunistene
    men jeg brydde meg ikke
    for jeg var ikke kommunist.

    Så tok de fagforeningsfolkene
    men jeg brydde meg ikke
    for jeg var ikke fagforeningsmann.

    Til slutt tok de meg.
    Men da var det ingen igjen
    til å bry seg.

    inviata da Riccardo Venturi - 29/6/2008 - 16:38




    Lingua: Russo

    La versione russa della poesia (con trascrizione in caratteri latini)
    (da ru.wikipedia - Нимёллер, Мартин)
    КОГДА НАЦИСТЫ ПРИШЛИ ЗА КОММУНИСТАМИ

    Когда нацисты пришли за коммунистами,
    я оставался безмолвным.
    Я не был коммунистом.

    Когда они сажали социал-демократов,
    я промолчал.
    Я не был социал-демократом.

    Когда они пришли за членами профсоюза,
    я не стал протестовать.
    Я не был членом профсоюза.

    Когда они пришли за евреями,
    я не возмутился.
    Я не был евреем.

    Когда пришли за мной,
    не осталось никого, кто бы выступил против.

    Kogda nacisty prišli za kommunistami
    ja ostavalsja bezmolvnym.
    Ja ne byl kommunistom.

    Kogda oni sažali social-demokratov,
    ja promolčal.
    Ja ne byl social-demokratom.

    Kogda oni prišli za členami profsojuza,
    ja ne stal protestovat'.
    Je ne byl členom profsojuza.

    Kogda oni prišli za evrejami,
    je ne vozmutilsja.
    Ja ne byl evreem.

    Koda prišli za mnoj,
    ne ostalos' nikogo, kto by vystupil protiv.

    inviata da Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 20:21




    Lingua: Serbo

    La versione in serbo o croato della poesia
    (da sh.wikipedia)
    PRVO SU DOŠLI PO KOMUNISTE

    Kada su nacisti došli po komuniste,
    ja sam ćutao;
    jer nisam bio komunista.

    Kada su zatvorili socijaldemokrate,
    ja sam ćutao;
    jer nisam bio socijaldemokrata.

    Kada su došli po sindikalce,
    ja se nisam pobunio;
    jer nisam bio sindikalac.

    Kada su došli po mene,
    nije preostao niko da se pobuni.

    inviata da Riccardo Venturi - 29/6/2008 - 16:41




    Lingua: Polacco

    La versione polacca della poesia
    (da pl.wikipedia - Martin Niemöller)
    KIEDY PRZYSZLI PO KOMUNISTÓW

    Kiedy przyszli po komunistów,
    nie protestowałem.
    Nie byłem komunistą.

    Kiedy przyszli po Żydów,
    nie protestowałem.
    Nie byłem Żydem.

    Kiedy przyszli po socjaldemokratów,
    nie protestowałem.
    Nie byłem socjaldemokratą.

    Kiedy przyszli po związkowców,
    nie protestowałem.
    Nie byłem związkowcem.

    Kiedy przyszli po mnie,
    nikt nie protestował. Nikogo już nie było.

    inviata da Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 20:11




    Lingua: Giapponese

    La versione giapponese della poesia
    (da jp.wikipedia)
    彼らが最初共産主義者を攻撃したとき

    彼らが最初共産主義者を攻撃したとき、私は声をあげなかった、
    (ナチの連中が共産主義者を攻撃したとき、私は声をあげなかった、)
    私は共産主義者ではなかったから。

    社会民主主義者が牢獄に入れられたとき、私は声をあげなかった、
    私は社会民主主義ではなかったから。

    彼らが労働組合員たちを攻撃したとき、私は声をあげなかった、
    私は労働組合員ではなかったから。

    彼らがユダヤ人たちを連れて行ったとき、私は声をあげなかった、
    私はユダヤ人などではなかったから。

    そして、彼らが私を攻撃したとき、
    私のために声をあげる者は、誰一人残っていなかった。

    inviata da Riccardo Venturi - 29/6/2008 - 16:43




    Lingua: Esperanto

    La versione in esperanto della poesia
    (da eo.wikipedia)
    UNUE ILI LA JUDOJN VENIGIS

    Kiam la nazioj forkondukis la komunistojn,
    Silentis mi,
    Mi estis ja ne komunisto.

    Kiam ili malliberigis la socialdemokratojn,
    Silentis mi,
    Mi estis ja ne socialdemokrato.

    Kiam ili forkondukis la sindikatanojn,
    Mi ne protestis,
    Mi estis ja ne sindikatano.

    Kiam ili min venigis,
    Estis jam neniu,
    Kiu povis protesti.

    inviata da Riccardo Venturi - 29/6/2008 - 16:44




    Lingua: Occitano

    La versione occitana della poesia
    (da oc.wikipedia - Martin Niemöller)
    QUAND LOS NAZIS VENGUÈRON QUÈRRE LOS COMUNISTAS

    Quand los nazis venguèron quèrre los comunistas
    Diguèri pas res, qu'èri pas comunista..
    Quand venguèron quèrre los socialdemocratas
    Diguèri pas res, qu'èri pas socialdemocrata.
    Quand venguèron quèrre los sindicalistas
    Diguèri pas res, qu'èri pas sindicalista.
    Quand venguèron quèrre los josieus
    Diguèri pas res, qu'èri pas josieu.
    Puèi me venguèron quèrre
    E i aviá pus degun per protestar.

    inviata da Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 20:04


    Gli stessi concetti espressi da Heinrich Böll...
    (Segnalazione di Francesco Senia)

    boell


    «Quando Hitler andò al potere, i primi che andò a prendere furono sindacalisti, comunisti e socialisti. Ma io non ero né sindacalista, né comunista, né socialista e quindi dissi: “Che me ne frega?”. Poi mandò a prendere i cristiani, protestanti e cattolici e io non ero né protestante né cattolico e dissi: “Che me ne frega?”. Quando andarono a prendere gli ebrei dissi: “Ma io non sono mica ebreo e quindi perché mai mi dovrebbero detestare?”. Il risultato fu che quando vennero a prendere me non c’era più nessuno che potesse protestare per la mia cattura».

    Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 14:02


    ...e da Charles Mingus
    (segnalazione di Francesco Senia)

    chamingus


    Don't Let It Happen Here
    by Charles Mingus

    One day they came and they took the communists,
    And I said nothing because I was not a communist.

    Then one day they came and they took the people of the Jewish faith,
    And I said nothing because I was had no faith left.

    One day they came and they took the unionists,
    And I said nothing because I was not a unionist.

    One day they burned down the Catholic churches.
    And I said nothing because I was born a Protestant.

    Then one day they came and they took me.
    And I could say nothing because I was guilty as they were,
    For not speaking out and saying that all men have a right to freedom.

    Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 14:10




    Lingua: Inglese

    Il testo completo (reperito su “I Know what I Know: The Music of Charles Mingus”, di Todd S. Jenkins) della versione di Charles Mingus, il brano con cui si chiude il suo album dal vivo “Music Written for Monterey, 1965 ( Not Heard... Played in its Entirety, at UCLA), registrato nel 1965 e pubblicato l’anno seguente.

    Music Written for Monterey 1965
    DON’T LET IT HAPPEN HERE

    One day they came and they took the Communists
    And I said nothing because I was not a Communist
    Then one day they came and they took the people of the Jewish faith
    And I said nothing because I had no faith left
    One day they came and they took the Unionists
    And I said nothing because I was not a Unionist
    One day they burned the Catholic churches
    And I said nothing because I was born a Protestant
    Then one day they came and they took me
    And I could say nothing because I was as guilty as they were
    For not speaking out and saying
    That all men have a right to freedom on any land
    I was as guilty of genocide as you, all of you
    For you know when a man is free
    And when to set him free from his slavery
    So I charge you all with genocide

    inviata da Bernart Bartleby - 3/7/2016 - 21:55


    Quelle parole virali come un video di YouTube
    di Luca Carlucci
    Da: WebNews Blog, 29 maggio 2008
    (segnalato da Francesco Senia)

    Mentre la poesia di Brecht che non è di Brecht - di cui ho scritto, non certo per primo, in un recente post cui vi rimando per una corretta comprensione di quanto segue - continua a tracimare sui blog, finisce addirittura in prima pagina su Liberazione e, mi dicono, imperversa perfino sui cellulari via sms, riprendo le fila del discorso per relazionare sugli sviluppi della mia dilettantesca indagine quei lettori filologo-feticisti che come me si sono appassionati a questo piccolo mistero.

    Nei commenti al mio primo post, la lettrice Carmela mi segnalava una precisazione del romanziere Gianni Biondillo su Nazione Indiana. In breve: Biondillo cita in un post la solita poesia con la solita attribuzione a Brecht, un lettore nei commenti fa notare che non è di Brecht ma di Martin Niemöller, Biondillo risponde “Ok, è vero, è di Niemöller ma è stato Brecht a renderla celebre”.

    Come, dove e quando Brecht avrebbe reso famoso un testo non suo, finendo addirittura (si immagina suo malgrado) per farselo attribuire, rimane un gaudioso mistero (per la cronaca, Biondillo è ritornato sulla questione proprio in questi giorni, sempre su Nazione Indiana, e sempre ribadendo questo bislacco assunto).

    Dopo aver risposto a Carmela che la posizione di Biondillo, in base alle mie webindagini e in totale assenza di un qualche riferimento bibliografico, faceva acqua da tutte le parti, ho deciso di tagliare la testa al toro di carta: ho preso tastiera e polpastrelli e ho scritto a Bertolt Brecht stesso, o meglio, ai custodi della sua memoria: ovvero al Bertolt Brecht Archiv di Berlino.

    Domande semplici: il testo è di Brecht o di Niemöller? Se è di Niemöller, vi risulta che Brecht ci abbia mai avuto a che fare o che l’abbia reso famoso?

    Il Brecht Archiv di Berlino, nella persona della gentile curatrice Helgrid Streidt, mi ha sollecitamente risposto. E la risposta è di quelle che lasciano pochi dubbi.

    Sehr geehrter Herr Carlucci,

    nein, dieser Text ist nicht von Brecht, sondern von Pastor Martin Niemöller (1892-1984).

    Risposta chiarissima anche a chi, come me, conosce il tedesco come l’arabo:

    Gentile signor Carlucci,

    no, quel testo non è di Brecht, ma del pastore Martin Niemöller (1892-1984).

    Ma non finisce qui.

    La cortese curatrice, infatti, allega alla sua mail lo scan di un articolo apparso nel 1987 su Notate, la defunta rivista dell’archivio (ha cessato le pubblicazioni nel 1990, con la caduta del muro: ricordiamo infatti che Brecht, finita la guerra, scelse di vivere nella DDR, e l’Archivio che porta il suo nome era conseguentemente situato a Berlino Est).

    L’articolo, scritto dal professore di teologia e pastore evangelico Carl-Jürgen Kaltenborn, è incentrato proprio sulle fortune del testo in questione e si intitola “Wirksam wie ein Volkslied” (”Efficace come una canzone popolare” - virale come una popsong, o un video di youtube, diremmo noi ggiovani trentasettenni d’oggi): e, anche alla luce del recente contagio, si può dire che mai titolo fu più appropriato.
    volkslied

    Attenzione: qui entra in gioco il prezioso Stefano, lettore del mio precedente post che si è offerto di sopperire alla mia capronaggine in lingua germanica regalandomi/ci una traduzione annotata del testo: quanto leggerete da ora in avanti lo dovete essenzialmente a lui (lode! lode!).

    L’articolo di Kaltenborn prende le mosse da un precedente numero della rivista Notate (5/1986) in cui era stato pubblicato un volantino cileno riportante il nostro famigerato testo attribuito a Brecht. Primo punto d’interesse, perché dimostra, contrariamente a quanto avevo ipotizzato nel mio primo post, che l’attribuzione brechtiana non è “farina del web” ma preesisteva ad esso. Pare confermarsi, invece, l’ipotesi wikipediana sulle radici ispanofone dell’erronea attribuzione.

    Kaltenborn mette subito in chiaro le cose: quel testo è di Niemöller, non di Brecht. Dopo aver tratteggiato una biografia dell’autore, Kaltenborn cerca di risalire alle origini del testo.

    Nel mensile evangelico ‘Standpunkt’ 1/87 Hans Joachim Oeffler, pastore della chiesa evangelica di Kaiserlautern-Siegelbach e vicepresidente della Conferenza Evangelica per la Pace, ha sottolineato che la versione originale delle parole di Niemöller risale a una predica tenuta il 19 aprile 1976, un lunedì di Pasqua, nella sala comunitaria della chiesa di Kaiserslautern-Siegelbach ed è stata pubblicata da Martin Niemöller per la prima volta in un contributo con il titolo ‘Trent’anni di Repubblica Federale Tedesca’

    Altra notizia interessante: secondo Kaltenborn, la prima apparizione a stampa del testo a cura del suo autore è del 1976. In seguito a quella uscita, prosegue Kaltenborn, il testo si diffuse in tutta la Germania Federale in diverse varianti, tanto da acquistare anche una risonanza internazionale.

    Ho evidenziato “a cura del suo autore” perché in realtà il testo, o meglio alcune delle sue varianti, sono in circolazione da ben prima, più o meno a partire dagli anni ‘50 (quanto meno a dire di wikipedia).

    Questa apparente discrasia si risolve considerando che Niemöller, quel testo, l’avesse già concepito e diffuso durante i suoi discorsi e sermoni nell’immediato dopoguerra. Questa è la tesi del prof. Marcuse, che ha dedicato al tema dell’origine del testo una ricerca approfondita (nella quale, significativamente, Brecht non viene menzionato manco di striscio). Lo stesso Kaltenborn avvalora, seppur in maniera indiretta, questa ipotesi:

    Che Martin Niemöller la pensasse in questo modo lo si può già dedurre da una conferenza del 3 luglio 1946. Riferiva di aver visitato, in compagnia di sua moglie, nell’estate del 1945 il campo di concentramento di Dachau, dove era stato imprigionato, e che vedendo la scritta apposta sui forni crematori: “Qui, negli anni dal 1933 al 1945, sono state bruciate 238.756 persone” si era chiesto: “E tu dov’eri dal 1933 fino al 1° luglio 1937?” (quest’ultima è la data del suo arresto), per concludere subito dopo: ‘Hermann Goering si vantava pubblicamente di avere eliminato il pericolo comunista: perché i comunisti, che non stanno in prigione per via del loro ‘crimine’, ora stanno dietro il filo spinato dei campi di concentramento appena creati. Adamo, dove sei? Accidenti, Martin Niemöller, e tu dov’eri? Ecco che cosa chiedeva Dio da quelle cifre…

    E quel giorno, quando poi siamo tornati a casa, ho letto con nuovi occhi il capitolo 25 del Vangelo di Matteo: ‘Avevo fame e non mi avete nutrito; avevo sete e non mi avete dissetato; sono stato arrestato e voi non siete venuti da me’. Da cristiano avrei potuto e dovuto sapere, nel 1933, che attraverso ognuno di questi miei fratelli - che fossero comunisti o no - Dio in Gesù Cristo mi chiedeva se non volevo servirLo. E io ho rifiutato questo servizio e ho respinto la mia libertà. Perché ho rifiutato la mia responsabilità.

    E Brecht?

    Secondo Kaltenborn, un eventuale incontro fra Brecht e Niemöller, seppur ipotizzabile e ipotizzato, e anche possibile dal momento che Niemöller visitò più volte la DDR a partire dal 1953, non è mai stato provato.

    Quanto ai rapporti tra Brecht e il nostro famigerato testo, Kaltenborn non ha dubbi:

    Le supposizioni riguardo un possibile adattamento, da parte di Brecht, della riflessione di Niemöller sono prive di solide basi, poiché la sua forma quadripartita, facilmente memorizzabile - che ha evidentemente favorito la sua ampia diffusione e la sua continua modifica -, non è rintracciabile prima del 19 aprile 1976 [quando cioè Brecht era morto già da vent’anni - ndr]

    Per il prosieguo dell’articolo, lascio la parola e la responsabilità di chiudere il post al già citato Stefano, che io non avrei saputo riassumerlo e annotarlo con parole migliori:

    A questo punto Kaltenborn (che è a sua volta un teologo) sostiene che la riflessione di Niemöller possiede comunque una dimensione esemplare. La storia della sua efficacia esprime una comunanza profonda delle persone ragionevoli e il fondamento di una coalizione basata sulla ragione.

    Poi segue il collegamento con l’attualità del periodo in cui scrive l’autore dell’articolo. Essendo una rivista della (allora ancora esistente) DDR, c’è un riferimento al fatto che la loro società - diversamente da quelle capitalistiche - non conosce il “copyright” e non chiede i diritti d’autore quando si tratta di impegnarsi per il disarmo e la liberazione dei popoli.

    Le strofe che variano l’originale di Niemöller acquistano così la forza di un canto popolare che serve a chi lotta per la pace. Ci sono poi dei riferimenti al Cile e al Nicaragua, dove i cristiani, le comunità di base cristiane e singoli vescovi si impegnano a fianco di chi lotta per la pace e per l’autodeterminazione dei popoli. Il fatto che in quei paesi molti cristiani siano al fianco dei comunisti e che usino i versi di Niemöller, attribuendoli a Brecht, assume quasi un valore simbolico.

    E’ evidente - aggiungo io - che questo pezzo è “viziato” da una sorta di “autogiustificazionismo”: negli anni Ottanta cominciano a formarsi dei gruppi di pacifisti e dissidenti che trovano protezione sotto la chiesa evangelica, tollerata dal regime comunista della DDR. Qui l’autore cerca di far quadrare il cerchio, mostrando che questo tipo di cristianesimo non è affatto in contraddizione con il socialismo reale.


    Credits: Ringrazio Helgrid Streidt del Bertolt Brecht Archiv di Berlino per la sollecita disponibilità e per la gentilezza. Ringrazio i lettori Carmela, Mari e Stefano per le segnalazioni e il prezioso aiuto.

    NOTA BENE: per quanto riguarda il permesso di divulgare qui lo scan dell’articolo di Notate, ho chiesto l’autorizzazione al B. Brecht Archiv, ma mi hanno comunicato che, dalla data della chiusura della rivista, i diritti sono tornati in possesso dei singoli autori. Sto provando a contattare il prof. Carl-Jürgen Kaltenborn, ma purtroppo una full mailbox si frappone fra noi. Data la natura peculiare dell’articolo, la sua età e l’inno al no copyright che contiene, ho deciso di mia iniziativa di renderlo pubblico. Quando e se riuscirò a contattare Kaltenborn, sarò ovviamente sollecito nel rispettare le sue volontà a tal proposito.

    Riccardo Venturi - 30/6/2008 - 14:56


    L'anima del pastore rev. Martin Niemöller interviene sul "Tempio del Pressapochismo"

    La seguente lettera ci è stata cortesemente inviata dall'anima del rev. Martin Niemöller a proposito dell'oramai annosa questione della "paternità" della poesia da cui è stata tratta la canzone di Christy Moore. La abbiamo tradotta dal tedesco e la pubblichiamo con piacere. (CCG/AWS Staff)

    Gentili Signore, stimati Signori del sito "Canzoni Contro la Guerra",

    Può darsi che questa mia lettera, che proviene da una persona che non è più in vita da tempo, vi inquieti un po'; in effetti, ci ho pensato parecchio prima di spedirvela, e vi prego di credere che non ho alcuna intenzione di catapultarvi anzitempo in mondi ultraterreni. Se mi sono deciso a scriverla e a inviarvela, è esclusivamente per liberarmi da una questione che, francamente, sta cominciando ad essermi non poco molesta.

    Sto, naturalmente, parlando della poesia intitolata Als die Nazis die Kommunisten holten, che gode indubbiamente di molta notorietà, e che è stata trasformata in canzone a più riprese. Con tutta sincerità, debbo dirvi che vorrei godermi la mia morte in santa pace, senza essere tirato in ballo a ogni pie' sospinto da cantanti, archivisti, giornalisti e blogger (quasi esclusivamente italiani, curiosamente). Nel vostro paese (ma non solo, certamente) tale poesia è generalmente attribuita a Bertolt Brecht; la cosa non rappresenterebbe un problema, anche perché chiunque la abbia concepita in una forma qualsiasi stava senz'altro vivendo in tempi bui (tanto per citare proprio Brecht, e senz'ombra di dubbio), tempi in cui la "paternità" di alcuni versi non era certamente il primo dei pensieri. Se, poi, i versi sono nati e sono stati divulgati, non importa farne una specie di "questione omerica" in sedicesimo; si tratta di cose che qualcuno riteneva giusto dire, e sono state dette. Accanirsi su chi li abbia scritti denota, a mio parere, infantilismo; e, quel che è più grave, di quell'infantilismo totale che presume la "ragione" e il "torto" senza poi curarsi granché dei contenuti.

    Ma cosa vedo? Discussioni all'acido solforico, articoli di giornale, citazioni, scontri, invettive; su che cosa, scusate? E, allora, sono ben lieto di chiamarmi fuori dalla cosiddetta "paternità". Va bene, l'ha scritta Bertolt Brecht. Insomma, mica sto dicendo che l'ha scritta il Trio Lescano; si sta parlando di Brecht, non di uno qualsiasi. La volete scritta da lui? E prendetevela scritta da lui, io non ho mica mai fatto tanta cagnara. Anche perché la vera "paternità" di questi versi è di chiunque si sia ritrovato a vivere in certe situazioni e a prendere una data coscienza sulla propria pelle. Di chi, magari, ne ha solo pensato una parola senza scriverla. Di chi ha percepito certe cose, rinchiuso in una cella o in un campo di concentramento. E, allora, non è rilevante se la penna sia capitata in mano a Niemöller, a Brecht o a chissà chi. Non importano i "dubbi", futili questioni di lana caprina. Importa che i versi ci siano, e ci sono. Di Bertolt Brecht, naturalmente!

    Eppure, vedo che si formano quasi dei "partiti"; oppure si coglie l'occasione per regolare conti, per fare ragionamenti su come si era e su come si è diventati, per giocherellare al reciproco spalamento di fango; provo, davanti a tutto questo un senso di squallore. Per questo motivo mi ritiro in buon ordine rinunciando d'ora in poi a qualsiasi pretesa sulla "paternità" di quei versi; "paternità" che, ora che ci penso, non avevo proprio mai preteso. Mi tengo il mio arresto da parte della Gestapo, mi tengo i miei otto anni di prigionia, mi tengo Sachsenhausen e Dachau. Tutti posti che, sicuramente, i vari "attributori" così tanto infervorati non hanno mai visto, dai loro studi televisivi o dai loro blog.

    Mi piacerebbe raccontare di certe nottate da solo, in quei bei posti, dove in un punto imprecisato ci riunivamo tutti in maniere rocambolesche. Io, Bertolt Brecht (che scrisse i versi, ovviamente), Charles Mingus, Heinrich Böll...insomma, tutte le persone di cui leggete in questa pagina, nella quale interviene peraltro un simpaticissimo blogger che poi, tempo dopo, vi definisce il "Tempio del pressappochismo" sul suo "spazio personale". Ecco un altro motivo per cui mi sono deciso finalmente a rinunciare a paternità, maternita e figlità (e magari anche alle "idendità") e, come si suol dire, a lasciar tutta la palla a Brecht; magari vorrà intervenire anche lui, anche se sta sicuramente all'inferno dato che era comunista. Così tutti i fautori della "paternità" Brechtiana, degli "zampini" e di quant'altro saranno, almeno spero, infine contenti. I giornalisti potranno dire che è di Bertolt Brecht (dato che lo è, caspiterina se lo è!), saranno cambiati gli articoli di Wikipedia e il sottoscritto potrà riposare in pace. Quanto a voi ed al vostro sito, non so onestamente se siate "pressappochisti" o meno, anche se ad una prima scorsa non mi sembrate poi così tanto superficiali (NDT: In lingua tedesca, il termine "pressapochismo" si dice "Oberflächligkeit", che rimanda a "Oberfläche", superficie); ma tant'è, e vi invito ad accettare con serenità qualsiasi critica, anche quelle malevole. Sta poi a chi ha rivolto una critica del genere dimostrarsi "profondo", o comunque non pressapochista; e generalmente sono dimostrazioni parecchio difficili e costellate di accidenti e di imprevisti. Per quel che mi riguarda, comunque vi ringrazio per questa pagina pressapochisticamente dedicata all'immortale poesia di Bertolt Brecht; Bertolt Brecht, verstanden?!?...

    Cordiali saluti,

    Rev. Pastor Martin Niemöller.

    rev. Martin Niemöller - 1/6/2011 - 19:27




    Lingua: Giapponese

    Martin Niemoeller's poem inscribed on a stone in New England Holocaust Memorial
    The version inscribed at the New England Holocaust Memorial in Boston, Massachusetts reads:

    http://hi.baidu.com/sjpkv/blog/item/627aaa8b469ecadffc1f1069.html
    (按:试译如下
    起初他们冲着共产主义者,
    我不是共产主义者,
    我不吭声;
    接着他们冲着犹太人,
    我不是犹太人,
    我不吭声;
    此后他们冲着工会成员,
    我不是工会成员,
    我继续不吭声;
    再后来他们冲着天主教徒,
    我是新教徒,
    我还是不吭声;
    最后他们冲我来,
    再也没剩一个吭声人。
    ——马丁.尼莫拉

    inviata da DoNQuijote82 - 16/11/2011 - 13:04


    Pagina principale CCG

    Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




    hosted by inventati.org