Lingua   

La biblioteca sommersa

Michele Gazich
Lingue: Italiano, Tedesco

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Elvio e Ivan
(Sambene)
Achille Barilatti
(Sambene)
Il latte nero dell'alba
(Michele Gazich)


2016
La via del sale
Gazich

“La biblioteca sommersa” racconta un fatto emblematico per denunciare come l’Europa abbia perso le sue radici umanistiche e tolleranti…
Per costruire una superflua metropolitana, che avrebbe condotto i viaggiatori otto minuti più rapidamente del già esistente tram di superficie dall’altra parte della città, gli archivi, la biblioteca di Colonia sono sprofondati nella terra. Sotto la biblioteca c’era una falda acquifera; per svuotarla era stato autorizzato l’utilizzo di quattro pompe; ne sono state utilizzate ventitré, per fare prima. Il vuoto creatosi improvvisamente ha provocato, il tre marzo del 2009, il crollo della biblioteca sottoterra, sprofondata e poi ricoperta dalle acque. Devo a un mio amico tedesco, di Colonia, Frank Deja, la conoscenza di questa storia. Frank ha fondato un movimento per far sapere ciò al mondo e potete sentire la sua voce alla fine della mia canzone, che si sviluppa come una sorta di marcia funebre, guidata dal clarinetto di Alessandra Rossi. Cercavo un simbolo per l’Europa di oggi, priva di memoria per le proprie radici umanistiche e tolleranti e, come dico sempre, purtroppo l’ho trovato.
Blogfoolk
Un mattino a Colonia
Un mattino di vergogna
L'acqua ingoiava i libri
L'acqua ricopriva i libri
"Su, entrate a due a due
Maschio e femmina a due a due
Come allora quaranta giorni
Come allora quaranta notti"

"Dammi l'anima, la tua memoria
Ogni pagina della tua storia"
Così chiede il dio progresso
Nuovi altari, nuove messe
Chiede vuoto e distruzione
Chiede inchini, non parole
Mani e lingue ben legate
Il diluvio è incominciato

La corona è disegnata
Un cratere nell'asfalto
Niente ulivo né colomba
Nafta e fango alle nuove rive
È firmato il nuovo patto
Su nel cielo nessun arco
Non alzatevi, signori
Questo è solo il primo atto

Eines Tages in Köln
An einem Tag der Schande
Verschlang das Wasser die Bücher
Das Wasser, es begrub die Bücher

inviata da Alberto Scotti - 22/4/2021 - 00:37


@ Alberto Scotti

Per cortesia, potresti controllare la parte in tedesco? E' veramente "Büchner" la parola? Oppure si tratta di "Bücher", "libri", corrispondente ai versi iniziali in italiano? Altrimenti l'acqua ingoierebbe e ricoprirebbe i librai, non i libri... Grazie!

Riccardo Venturi - 22/4/2021 - 10:55


Non saprei dove controllare. Sono andato a orecchio. Con l'italiano è più facile! :-D Se è sbagliato correggi.

Alberto Scotti - 22/4/2021 - 16:19



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org