Lingua   

Chista è la vuci mia

anonimo
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La presó de Lleida
(Josep Maria Espinàs)
'U 5 di lugliu dû '60
(Lorenzo Peritore)
Suite per Lampedusa
(Etta Scollo)


Chista è la vuci mia

Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel
Anonimo

Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat:

1. Rosa Balistreri
Album: Noi Siamo Nell'Inferno Carcerati [1974]

2. Etta Scollo
Album: Scollo Con Cello [2015]





E’ un antico canto tradizionale siciliano che figura nel Corpus dell’etnomusicologo Alberto Favara in tre testi diversi, noto anche con il titolo “Vinutu sugnu”. Il testo qui proposto si dice che provenga da Caronia, località tirrenica in provincia di Messina, ma non c’è da giurarci.
La vita del carcere è sempre dura, quando fuori non c’è nessuno ad aspettarti è ancora più pesante. Se poi anche l’illusione che correva su un filo esile tra l’inferno carcerario e il mondo esterno svanisce è la fine senza appello, la tomba dei sepolti vivi.
[Riccardo Gullotta]
Vinutu sugnu vinutu
dintra la vicaria,
vinni pi fariti sentiri
vinni pi fariti sentiri
chista è la vuci mia
vinni pi fariti sentiri
vinni pi fariti sentiri
chista è la vuci mia.

Siḍḍu nun pigghiu sbagghiu
chista é la porta amata
d’unni facia la guardia
d’unni facia la guardia
nuttata pi nuttata
d’unni facia la guardia
d’unni facia la guardia
nuttata pi nuttata.

Figghiu tu pigghi sbagghiu
di lu tempu passatu
a n'autru beḍḍu giovani
a n'autru beḍḍu giovani
lu cori cc'aju datu
a n'autru beḍḍu giovani
a n'autru beḍḍu giovani
lu cori cc'aju datu

Lu santu diavuluni!!!
chistu ju un lu sapia
m’accuntintava moriri
m’accuntintava moriri
e nun amari a tia
m’accuntintava moriri
m’accuntintava moriri
e nun amari a tia
m’accuntintava a moriri
dintra la vicaria.

inviata da Riccardo Gullotta - 21/1/2021 - 22:49



Lingua: Italiano

Traduzione italiana / Traduzzioni taliana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös:
Riccardo Gullotta

QUESTA E’ LA MIA VOCE

Venuto sono venuto
dentro il carcere,
venuto per farti ascoltare
venuto per farti ascoltare
questa che è la mia voce
venuto per farti ascoltare
venuto per farti ascoltare
questa che è la mia voce.

Se non cado in errore
questa è la porta amata
che guardavo a vista
che guardavo a vista
notte dopo notte
che guardavo a vista
che guardavo a vista
notte dopo notte.

Figlio, ti stai sbagliando
sul tempo passato
ad un altro bel giovane
ad un altro bel giovane
ho dato il cuore
ad un altro bel giovane
ad un altro bel giovane
ho dato il cuore.

Oh! Dannazione !
questo non lo sapevo
avrei preferito morire
avrei preferito morire
piuttosto che amare te
avrei preferito morire
avrei preferito morire
piuttosto che amare te
avrei preferito morire
dentro il carcere.

inviata da Riccardo Gullotta - 21/1/2021 - 22:52



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org