Lingua   

La memoria dell'assente

Massimo Di Via
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Ammassati e distanti
(Riccardo Cocciante)
The Day of the Jackal [La valse du Président]
(Georges Delerue)
Canzone di marzo (I giorni del Coronavirus)
(Marco Chiavistrelli)


[2010]
Album: Le rondini

Se la memoria storica è scomparsa e tutto ciò che di male è stato fatto nel secolo scorso stava rientrando nei cervelli della gente,ecco che tutta questa unità,questa voglia di rivedersi, la paura che una notte la morte prenda a calci la tua porta come gli stivali militari.....rimanga ben impressa alle generazioni future. La natura non ha pietà se non per se stessa, e quando riusciremo dalla trincea, ricordiamocelo. Rispettiamola e non perdiamo questa voglia di vivere. Un virus ci sta uccidendo, ci rinchiude come topi nelle case. L'aria diventa respirabile, sembra che la natura ci stia dando un ultimatum. Alla nostra memoria l'opportunità di tornare e rimanere liberi, quando saremo liberi.
Il mio amore è andato via
come la memoria al mondo
di mille occhi sopra i treni
o di un aprile di canzoni
ma sono storie ormai lontane
e non son serviti a niente
tutti i dolori della gente
son come l'acqua fra le mani

Ma il mio amore è andato via
e non mi ha lasciato niente
neanche lo straccio di un'idea
da difendere coi denti
adesso è un altro tempo
tutta la storia è un'utopia
non fa più male neanche il male
e piove senza amore.

Oh my sweet Lord dimmi dov'è
la tua risposta che non sento mai arrivare
e insieme al mio amore
va via della vita
anche tutto il rumore

Ma il mio amore è andato via
e a nessuno importa niente
e non importa più la storia
non ha più senso la memoria
LA MEMORIA DELL'ASSENTE

inviata da adriana - 16/3/2020 - 18:02



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org