Lingua   

Ël regiment Piemont

anonimo
Lingua: Italiano (Piemontese)


Ti può interessare anche...

Terre di passo
(Barabàn)
La canson dlë sfolà
(Victor Tagliabue)
La Cà S'la Colin-a
(Gianmaria Testa)


È probabile che questa canzone ricordi la guerra combattuta in Europa dal 1742 al 1748 per la successione al trono d’Austria, nella quale fu coinvolto anche l’esercito piemontese a fianco degli austriaci, contro i francesi e gli spagnoli. In particolare, la canzone potrebbe essere ambientata a Cuneo, perché narra che, alla partenza per la guerra, i soldati del Reggimento Piemonte fecero celebrare una novena propiziatoria nel santuario della Madonna dell’Olmo, dove si venerava (e si venera ancora oggi) un’immagine miracolosa della Madonna delle Grazie.

Più una canzone nella guerra, che propriamente contro la guerra.

Interpretata dai Barabàn nell'album "Voci di Trincea"
Al lun-es da matin bato la generala (1);
bato la generala, fa tan bel sentì, che 'l Regiment Piemont a l’ha da partì.

Si n’andasio al camp con le bandiere an testa,
a vëde partì 'n guera tuti coi bej fieuj, tute le bele fije as suàvo j’euj.

E quand a son partì l’han fàit fé na noven-a,
l’han fàit fé na noven-a a la Madòna dl’Orm, përchè ij soldà dla guèra fasso bon ritorn.

Set ani son passà, la guèra a l’é finìa,
on le bandiere 'n testa a na son tornà, e con le bele fije si son maridà!
(1) l'adunata generale

inviata da Dq82 - 28/6/2019 - 17:01



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org